I poeti della domenica #438: Ferruccio Benzoni, Dormiveglia

 

Dormiveglia

Ma taci per sempre non ripetermi
che non questa è la vita
dubitosa sempre a metà
tra un temporale e una tenerezza.
Lascia che a funestarmi sia un’iride
con gli occhi verdeagro di lei incruditi
e un torbido di marcescibili amicizie…

Non so non importa se l’autunno
con la sua larvalità
arrubinata potrà trafiggermi
.                                                 – sul baratro di quale
vertiginoso più definitivo inverno

…Ma vi sia un attimo di grazia
di non voluttuosa pietà
non nel dolore solo ma nella malattia
di sentirsi per sempre fuori della grazia.

 

© Ferruccio Benzoni, Con la mia sete intatta. Tutte le poesie, A cura di Dario Bertini, Introduzione di Massimo Raffaeli, Marcos y Marcos, “Le Ali”, 2020, p. 154

Un commento su “I poeti della domenica #438: Ferruccio Benzoni, Dormiveglia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: