Redazione

ANNA MARIA CURCI, Caporedattore ed Editor

 

Mostriamo palme vuote, ma solcate
dalla spigolatura d’occasioni

a.m.c.

Anna Maria Curci è nata a Roma, dove vive e insegna lingua e letteratura tedesca.
Scrive sul blog Cronache di Mutter Courage, su Unterwegs/In cammino, su Lettere migranti ed è redattore di Poetarum Silva.
Suoi testi sono apparsi in riviste (“Journal of Italian Translation”; “Traduttologia; “Chichibìo”; “Il 996”), nelle antologie La notte (Roma 2008), Oltre le nazioni (CFR, Rende 2011), Cuore di preda (CFR, Rende 2012), nei blog La dimora del tempo sospeso, Cartesensibili, Neobar,  La poesia e lo spirito e sul sito Poeti del parco.
Nel 2011 ha pubblicato la raccolta Inciampi e marcapiano; dal 2012 è nella redazione della rivista trimestrale Periferie, diretta da Vincenzo Luciani. Dal 2014 cura per il sito Ticonzero la rubrica aperiodica “Il cielo indiviso“.
Del febbraio 2015 è la sua seconda raccolta di poesie in volume, Nuove nomenclature e altre poesie (casa editrice L’arcolaio, collana Fuori collana).
Ha tradotto testi di Rose Ausländer, Ingeborg Bachmann, Gottfried Benn, Thomas Bernhard, Horst Bienek, Marica Bodrožić, Dietrich Bonhoeffer, Thomas Brasch, Volker Braun, Bertolt Brecht, Christine Busta, Paul Celan, Heinz Czechowski, Hilde Domin, Karoline von Günderrode, Seamus Heaney, Heinrich Heine, Felicitas Hoppe, Peter Huchel, Ernst Jandl, Marie Luise Kaschnitz, John Keats, Sarah Kirsch, Ursula Krechel, Michael Krüger,  Reiner Kunze, Else Lasker-Schüler, Christine Lavant, Rainer Malkowski, Peretz Markish, Monika Minder, Christian Morgenstern, Irmtraud Morgner, Novalis, Oskar Pastior, Christa Reinig, Lutz Seiler, Alev Tekinay, Dylan Thomas, Georg Trakl, Wilhelm Willms, Christa Wolf, Peter-Paul Zahl, Stefan Zweig.
Traduzioni in volume: alcune poesie per: Lutz Seiler, La domenica pensavo a Dio / Sonntags dachte ich an Gott (Del Vecchio editore, 2012), così come per: Hilde Domin, Il coltello che ricorda (Del Vecchio editore, 2016); il romanzo Johanna di Felicitas Hoppe (Del Vecchio editore, 2014).

***

FABIO MICHIELI, Caporedattore ed Editor

 

12 11 2015Nato a Venezia nel 1971, Fabio Michieli si è laureato in Lettere Moderne nell’ateneo lagunare con una tesi su Niccolò Tommaseo e il suo racconto storico Il duca d’Atene.
Nel 2003 ha dato alle stampe l’edizione critica e commentata dello stesso racconto (Padova, Antenore).
Suoi interventi critici dedicati a Tommaseo sono apparsi in rivista (Quaderni Veneti, Giornale storico della letteratura italiana) e in volumi miscellanei (l’ultimo contributo risale al 2016 e contribuisce alla conoscenza della formazione poetica del letterato di Sebenico).
Nel 2008 ha pubblicato la raccolta di poesie Dire, per l’Editrice l’arcolaio. Dirige inoltre la collana “Fuori collana” dell’Editrice l’arcolaio.
Nel corso del 2015 alcune poesie tratte da Dire sono state tradotte in portoghese da Josè Soares e Serena Cacchioli, e pubblicate nel nr. 20 (settembre 2015) della rivista “Telhados de Vidro”. In francese è stato tradotto da Silvia Guzzi.
Insieme ad Anna Toscano e Alessandra Trevisan, ha pubblicato Voce di donna. Voce di Goliarda Sapienza. Un racconto, La Vita Felice, 2016; il volumetto propone ai lettori il “testo di massima” dello spettacolo che da due anni viene portato in giro per l’Italia, e incentrato sulla vita e l’opera di Goliarda Sapienza, in modo particolare le poesie di Ancestrale, raccolta a cui Michieli si è dedicato criticamente tra i primi.
Lettore di poesia e di narrativa, sue recensioni sono apparse nel sito www.alleo.it e in rivista (“l’immaginazione”, Italian Poetry Review). È, insieme a Gianni Montieri ed Anna Maria Curci, caporedattore del lit-blog Poetarum Silva.

su Twitter: @michielabio

***

GIANNI MONTIERI, Caporedattore ed Editor

foto di Anna Toscano

Gianni Montieri è nato a Giugliano, provincia di Napoli nel 1971. Vive e lavora a Milano.

Ha pubblicato :

febbraio 2010 (seconda edizione marzo 2011) il suo primo libro di poesie: “Futuro Semplice” (Lietocolle). Ristampato nel 2016 con una nuova veste grafica. Ottobre 2014  “Avremo cura” ( Zona)

Suoi testi sono presenti in alcune antologie. Su ARGO VIXI  e ARGO H2O (diciassettesimo e diciottesimo numero della rivista monografica Argo). La sua rilettura della fiaba Il pifferaio magico è pubblicata nel volume Di là dal bosco (edito da Le Voci della luna: info@dotcompress.com) . Dieci poesie “Turisti americani” sono inserite nel volume collettivo “La Disarmata – cinque napolitudini” (edito da CFR edizioni, settembre 2014)

Un suo racconto su Gonzalo Higuain è inserito nel volume collettivo Dica 36, Colonnese editore, per info qui: Dica36/Napolista

sui blog e siti letterari (la poesia e lo spiritonazione indiana,  la rivista intelligente Absolutepoetry Rebstein)

su Poetarum Silva

su Minima&Moralia;  – su Minima&moralia2; su Fútbologia; su Doppiozero.

Cura la rubrica La partita non guardata su Il Napolista

due suoi testi sono stati tradotti in tedesco e pubblicati da La casa editrice Lettrétage in collaborazione con l’Istituto Italiano per la Cultura di Berlino- L’e-book è scaricabileQui

è capo redattore di Poetarum Silva,  fa parte del Progetto Santiago . Ha collaborato con la rivista bimestrale QuiLibri. Ha scritto per Bookdetector. È stato redattore della rivista monografica Argo .

 per contatti: g.montieri@gmail.com

Facebook    Twitter: @giannimontieri

 giannimontieri è il suo blog

***

ANDREA ACCARDI, Redattore

Nasce a Cagliari nel 1984, “come aveva sempre desiderato” (cit.). Quando compie due anni la famiglia si trasferisce a Palermo, e lui la segue. Negli anni successivi viene chiamato sardo in Sicilia e siciliano in Sardegna. Per questa ragione si sente a suo agio solo sui traghetti.

Si è avvicinato alla poesia partendo dai cantautori, e ogni tanto fa il percorso inverso. Ama molto il nuoto perché non c’è rischio di inciampare. Tifa Cagliari, stavolta senza dubbi. Crescendo fa pace con Palermo, dove si laurea nella triennale in Lingue. Nel 2007 si trasferisce a Pisa, e lì prende la specialistica e un dottorato in Letteratura francese, ma soprattutto impara a fare il bucato.

Preferisce il Belgio alla Francia per istinto provinciale. Propositi per il futuro: 1) migliorare il fingerpicking con la chitarra; 2) capire bene Lacan; 3) suonare Lacan col fingerpicking. Il suo ingresso a Poetarum silva ha coinciso con un terremoto. Nel frattempo ha di nuovo litigato con Palermo.

FRANCESCO FILIA, Redattore

filia

Francesco Filia vive a Napoli, dov’è nato nel 1973. Insegna filosofia e storia in un liceo cittadino. Si interessa prevalentemente di filosofia, poesia e critica letteraria. Sue poesie e note critiche sono presenti in numerose riviste e antologie. Ha pubblicato i poemi Il margine di una città (Il Laboratorio, 2008); La neve (Fara, 2012), vincitore e finalista di diversi premi nazionali; La zona rossa (Il Laboratorio, 2015, con prefazione di Aldo Masullo). È redattore di Poetarumsilva.

***

LUCIANO MAZZIOTTA, Redattore

***

JACOPO NINNI, Redattore

 

Jacopo Ninni nasce a Milano nel 1964 e cresce dove i libri sono sacri tanto quanto le pipe del nonno. Trascorre una faticosa adolescenza in campagna: in un tema descrive tristi giardini milanesi dove razzolano i cani, viene deriso perché razzolare è tipico delle galline; se ne frega, scoprendo che gli è più facile scrivere poesie piuttosto che impararle a memoria. Dopo un’esperienza tragicomica in un liceo classico, che tutto lasciava pensare tranne che una predisposizione per la scrittura, cambia scuola e trova chi riesce a risanargli la frattura tra scrittura e lettura. Trascorre l’anno di servizio civile con Andrea Inglese che gli consiglia “Andare a piedi in Cina” di Giudici. La distanza però lo scoraggia; si ferma quindi per dedicarsi ad altre arti come la musica e architettura dei giardini. Anni dopo segue il fratello Matteo nell’Anonima scrittori e riprende il cammino. Nel frattempo dopo l’eclissi del 99, rimane incinto e si trasferisce a Firenze, dove compare come local Guide in “My local Guide-Firenze” e partecipa a reading collettivi. Ha pubblicato articoli su riviste e diversi racconti con Perrone ed. (Milanthology 2007, e Sotto la lente 2008) – Un suo racconto viene selezionato da Antonio Pennacchi per la pubblicazione “i racconti di (R)esistenza” (ed. L’argonauta 2008) e sempre con Pennacchi partecipa alla stesura di un romanzo collettivo, il cui primo capitolo viene pubblicato su Nuovi merdidiani n° 42 –2008. Altri suoi racconti sono pubblicati su riviste come Toilet e Prospektiva. Nel 2009 ritorna alla poesia e fonda il collettivo “Self Poetry” con Matteo Ninni (videomaker) Nicola Genovese (musicista), Cristina Chieregato (performer) e esordisce con un reading-laboratorio presso l’Accademia di belle arti di Napoli, ospite del corso di Ninì Sgambati e viene selezionato per il Festival “Narrazioni” a  Poggibonsi. La sua prima silloge “Chromethica”, presentata sul Blog http://filosofipercaso.splinder.com. diventa una performance multimediale portata a Roma, Milano, Firenze.  Nel 2010, fa parte della “Carovana della poesia” con Ombretta Diaferia

Dall’estate del 2010 collabora con l’attrice Agnese Leo.

Vive a Vicchio, come prima di lui Giotto e Lorenzo Milani; fa il padre, scrive, suona, collabora con la biblioteca locale, è redattore del giornale locale per la pagina di letteratura e organizza laboratori di scrittura per strada con bambini.

 

***

 

CRISTIANO POLETTI, Redattore

poletti

Cristiano Poletti è nato nel 1976 a Treviglio, in provincia di Bergamo.

Autore delle raccolte: Mari diversi, Book, 2004; Non Nome, Manni, 2007; Porta a ognuno, L’arcolaio, 2012.

Autore del saggio Trovandomi in inviti superflui in L’attesa e l’ignoto – L’opera multiforme di Dino Buzzati, a cura di Mauro Germani, L’arcolaio, 2012.

Dal 2007 dirige Trevigliopoesia, festival poesia e videopoesia (www.trevigliopoesia.it).

Laureato in Storia all’Università di Padova, è impiegato all’Università di Bergamo.

La penna degli anni è il suo piccolo blog (http://cristianopoletti.blogspot.it/)

***

ALESSANDRA TREVISAN, Redattore

 

Alessandra Trevisan_autore2

Si è formata partecipando alle attività del collettivo mestrino “Spritz Letterario” e al Festivaletteratura di Mantova. Dal 2011 è parte della redazione del litblog “Poetarum Silva”. Dal 2011 al 2015 ha curato, con Anna Toscano, il programma “Virgole di poesia” in onda su Radio Ca’ Foscari, web radio d’ateneo con cui ha collaborato dal 2008.
È ufficio stampa nell’ambito degli eventi culturali e jazz, e lavora come addetta stampa personale per progetti di ambito jazzistico. Ha fatto parte del team di comunicazione dell’Associazione culturale Flat di Mestre e, dal 2015, è parte di quello dell’associazione culturale Live Arts Cultures che opera nel campo delle performing arts.

Cantante e sperimentatrice vocale, negli anni ha avviato molti progetti di musica originale tra cui TW/Two Women, interessandosi da sempre di improvvisazione in vari ambiti e secondo molteplici declinazioni. Da marzo 2013 partecipa alla band UnkNwn (electronic, IDM, synth-pop) come voce e lyricist.
Nel 2014 ha preso parte al workshop e live performance “Cantieri Fondamenta” presso il Teatro Fondamenta Nuove di Venezia; a luglio 2015 ha partecipato al workshop+happening “Tornare al cuore” del Teatro Valdoca per la regia di Cesare Ronconi presso l’associazione Live Arts Cultures; a luglio 2016 ha lì partecipato a “Intuitive Music & More with Electronics”, seminario condotto da Markus Stockhausen, e a “Noi corridori veloci”, esito pubblico dei seminari 2016 di Valdoca.
Un suo brano, “NetsiL-EtaerC”, è contenuto nell’album collettivo “Pleiadi” edito dalla netlabel Electronicgirls (2016); a gennaio 2016 è stata tra gli artisti in residenza a Parigi per l’associazionePLU Paris Lit Up, tenendo in città una live performance e un workshop sulla “scrittura multimediale”; si può leggere un articolo a proposito qui, a cura di Edward Bell.

*

Alessandra Trevisan is a vocalist and writer. She’s actively researching on the voice, both as a creator and as a scholar. She has been working on pop music, jazz and experimental composition; she practices voice improvisation using effects and loops and she is the lead singer for UNKNWN, an electronic band, where she sings her own poems. She’s interested in the relationship between voice and live performances, songwriting and writing, poems and lyrics, both in Italian and in English. She has a contemporary experimental and yet lyrical approach to poetry and music. Since 2011 she is a critic for “Poetarum Silva” lit-blog.

https://soundcloud.com/alessandratrevisan