poesia italiana

#PoEstateSilva #27: Fabiano Spessi, Inediti

CORPO INTERMEDIO

Il silenzio assoluto
interrotto solo da un grido,
l’Italia ha segnato contro la Germania.
Rubinetti chiusi, l’acqua immobile nei tubi
mentre cerchi in un cassetto documenti che
certifichino la tua identità. Siamo al 3 a 1 o forse
al 2 a 0, goal di Tardelli o Altobelli o Balotelli
o forse l’avversario è la Spagna o la persona
che non risponde al telefono. Mi ami ancora?
Una voce sfiora le vetrate, quest’anno sono
previste le solite code in autostrada e muri
sulle rotte dei migranti. Si confondono arrivi
e partenze, esodi e vacanze. È ora: le valigie
sono già davanti all’ascensore, tempo di gettare
il cuore oltre l’ostacolo. La porterai altrove
la tua anima celeste, lo troverai un rimedio
chilometrico all’agitarsi schizofrenico del tuo
corpo intermedio.

(altro…)

#PoEstateSilva #26: Gianluca Rizzo, Il lavoro meccanico

PoEstate Silva #26: Gianluca Rizzo, Il Lavoro meccanico, Oèdipus edizioni, 2016

*

Le tre carte

Maggio porterà la pioggia,
per ragioni metriche e di consonanza.
Il papa, a passeggio nei giardini vaticani,
ne sarà dispiaciuto, per ragioni metriche.

Vulcanizzare la guttaperca, bisogna,
elettrizzare l’idrolitina, piuttosto,
darsi a passatempi proficui.

Ci penserà la locusta a trarci d’impaccio,
mandibole e mascelle mentolate,
sette teste, dieci corna, occhi innumeri,
stagliata contro le fiamme dei granai.

Sfuggono agli elenchi,
con indolenza regolare,
granatieri sardi e vedette lombarde:
aspettando che la geografia faccia il suo corso
sfogliamo, svogliati, acini ribelli.

*

Caudato

Stringeremo duraturi legami
coi piccioni della piazza, la loro razza
risparmierà i ponti e gli alti monumenti,
le statue, invece, ne soffriranno.

Dedicheremo il meriggio ai sacri
uffizi fino all’arrivo della catastrofe
ci perderemo in prebende.

Lasceremo cadere sugli spondei
ogni accusa d’isolazionismo,
e le lamentele.

Dovendo arrossire, lo faremo a comando.

(altro…)

#PoEstateSilva #24: François Nédel Atèrre (Francesco Terracciano), Inediti

Posso dire, di me, che camminare
per le strade degli altri mi è piaciuto,
che fosse nebbia o sole. Come tutti
ho preso qualche treno, alla stazione
altri ne ho attesi, pieni di persone
nervose, che tornavano da un viaggio.
I miei ritratti, in semplici cornici
-ch’ero bambino, in altri appena nato
stanno sopra le mensole di casa
niente mosaici d’oro, niente croci
giganteggianti in cupole tagliate
che il sole fa brillare, dai rosoni.

Volendo precisare, ho speso molto,
scelto con cura tutti i miei vestiti
libri ed oggetti, cambiato dimora
-una, ricordo, aveva le finestre
sopra il canale, amata dalle barche
che entravano con l’ombra nelle stanze-
ma niente che era mio offendeva gli altri.
Per altri versi, rimanevo a casa
sacrificando giornate di sole
qualche altra l’ho goduta, per la strada
coi vecchi amici, con persone nuove.
Altro non serve, credo, di sapere.

26.03.2017

*

Elegia per Lucifero

Non ho memoria del volo, ma ancora
so riconoscere la scia nell’aria,
la resistenza, tra le onde di azzurro
che si condensa in lamine, nel cielo.
Non sanno, questi sversatoi, di stagni
ghiacciati, della pece che ribolle
ma tutto quello che brucia, sui lati
gomme e grovigli, manda fumo nero.
Potrei allungare l’ombra, disgustare
sputando insetti e vertebre d’argilla
ma preferisco saltare, con magri
felini tra le biche, in mezzo all’erba.
Mi manca oggi la luce, ma non quella
del dio nascosto, che un tempo mi amava:
mi adira, di non leggere la grazia
sui volti umani che dovrei dannare.

07.05.2017

*

E tu mi chiedi ancora le passioni
e l’avvenire, che non è avvenuto
avaro, dopo tutto questo tempo.
Cavalli alati, foreste abitate
dalle creature giovani del mito
in assemblea operosa, i nove cieli
che il frassino sorregge, gli elfi chiari
la luce intensa dei grandi disegni.

Io ho imparato a tornarmene a casa
dopo il lavoro, come passeggiando
per un giardino, facendo la strada
che taglia in due la cima dei palazzi.
Mi bastano i rami del pioppo, i fiori
semplici e forti, che spuntano al ciglio
di un muro basso, per calmare il peso
di ogni magnifica bugia sul petto.

Più tardi, so che troverò i miei libri
sul tavolo, come li ho lasciati
la sera prima, il paralume sghembo
che fa risplendere soffitto e muri
di segni d’aria, qualcosa da bere.
Le mie care ombre, sedute in soggiorno
sempre eleganti, per l’ora di cena
saranno lì ad attendermi, in pensiero.

12.02.17

*

La bella gente se n’è andata tutta.
La luce delle lampade si è spenta.
È misterioso, il bagliore del cielo.

Adesso può risplendere, la sera.

25.01.17

Francesco Terracciano (François Nédel Atèrre/Francis Norleigh/Francesco Miti) è nato a Napoli l’undici agosto 1967.
Dopo la maturità scientifica, ha studiato Economia presso la “Federico II” di Napoli, dove ha lavorato come Assistente fino al conseguimento della laurea.
Si è trasferito a Venezia nel ’97, dove è stato impegnato, nel tempo concesso dal lavoro principale, in progetti teatrali e letterari.
Ha collaborato con associazioni culturali e riviste locali, pubblicando un libro di poesie “Phonè” (1992, Cultura 2000 Editrice RG), un libro di racconti “Il Salice Bianco” (1996, Tip. La Nuova Editrice NA).
Dal 2001 è tornato a Napoli, dove risiede attualmente. Lavora in banca.

 

#PoEstateSilva #23: Daria De Pellegrini, Spigoli vivi

PoEstate Silva #23: Daria De Pellegrini, Spigoli vivi – InternoPoesia, 2017

*

ai mulini, l’un dopo l’altro, il torrente
ha scavato crateri da sotto, alla balera,
la cui terrazza si piega sul fango che
era stato giardino, il vento ha staccato
l’insegna, e a ogni passaggio di nuvole
fosche la pioggia scioglie strade
e scarpate come biscotti nel latte.
In compenso, accanto a un bar
di nuova gestione, stende luccicanti
le foglie una gran palma di plastica.

*

il prato dietro casa, per quanto l’erba stenti
tra il muschio secco a farsi viva, e le violette
pallide fioriscano di lutto, continua a credere
con ostinazione cieca a un miracolo d’aprile.

È tanta la mia pena che vorrei spianargli
in ghiaia l’agonia. Ma tornerebbe in sogno
con gli occhi offesi ancora, e increduli
di mio padre cui è toccata sorte analoga.

*

aprendo la mia insonnia
al cielo delle cinque di mattina
che chiaro ancora illude di sereno
il giorno, io già li sento nell’odore
come di piscio e spazzatura
lasciata a segnare il territorio
gli acquazzoni che verranno
a far poltiglia di rose e d’insalata.

*
neve, non molta. Quel tanto che basta
per non uscire a spalare. Aspettare qualcuno
che non verrà. O altra neve, sicura prima
di sera. Il pettirosso vola nervoso dove
erano torsoli sul mucchio dell’umido.
Lui sa allontanare anche i corvi.
Alla finestra io fantastico
che finiscano presto
cibo legna e gasolio.

(altro…)

#PoEstateSilva #22: Giulio Antonio Crivelli, Zodiaco

PoEstate Silva #22: Giulio Antonio Crivelli, Zodiaco – Raccolta inedita

*

Viti, sono
incubazioni corse da guazza e
minuti, fuori dalle
finestre calpestate sugli occhi, intorno
alla pazzia dell’anno
mentre ghiaccia.

*

Porta alla vista
scabra delle zoospore, per il
tramite domandato,
traliccio a traliccio, luce. E si snoda
un muschio
glaciale, un filo
d’argento nel palmo dell’erba
mietuto a inverno,
dai camini.

*

Ecco un fiore che
mi fa terreno e
inzuppato. Lo
vedi cavo, nei passi continuati
della stagione incresparsi
alla luce. Ha cadenze
dalle colline
in tonfi di verde e aria molli, esatti al
colore diffuso
che portano le impavide
formiche in cerchio, e
la pullulante dottrina
terra
è piantata

*

E macchiata cadde in frammenti,
dalle mani divisa
preghiera al pianeta:
infiniti ogni cosmo
dice questa notte gemelli, da tutte
le slanciate braccia
nel dipinto gesticolare una goccia
ritorna, degli uomini avvolti
a traforo di stella.

*

Grano primitivo riunisci
continuamente riunisci ciottoli
dalle rovine alla strada. E lentamente
è straziato un cielo
da palmi protratti e costretti
Nella cantilena
dei prati riuniti in morte,
fervida morte in cui nottambulo sale
da un braccio all’altro futuro.

*

@ Giulio Antonio Crivelli

 

#PoEstateSilva #20: Vanna Carlucci, Involucri

PoEstate Silva #20: Vanna Carlucci, Involucri, Lietocolle.

*

Il silenzio è intorno
si fa rosso nello spazio molesto
dentro le palpebre

è un’immagine capovolta
una forma che sanguina
una ferita, un punto preciso di auscultazione
che mi fa eco sul cuscino per diventare cielo
o ammasso stellare ricucito sulla trapunta

io resto attenta, vigile nella vertigine bianca
nella caduta di tutti i corpi celesti
sul labbro che li conterrà

la gravità non conta – dico –
eppure la bocca cede e tutto l’ azzurro
è ora sangue per corpi che sognano ancora
e la parola scompare.

È fame, è notte che punge i polsi
spinge in avanti, sprofonda e ramifica il buio
tra la pelle, le ossa e questo inganno senza guida
dilatato nello stomaco

*

Pensare alla purezza e cadere
pensare alla caduta e riaversi
indietro o più in là, fuori, da tutto
dalla crosta.

Questo è un doppio che si sfila dai corpi
dalla truffa dei volti e dei gesti, dei moti
controllati del tempo (ed è muto) e
parlami della materia
della pelle morta che cade
della resurrezione del corpo che ha divelto i muri
dell’ombra che arde sopra tutte le superfici

e che è senza infissi,
questa emanazione che passa
da luogo a luogo
così brutale perché così vivo
questo risorgimento del latte versato
il sacrificio del bambino
tutto l’universo che luccica
senza scampo

(altro…)

#PoEstateSilva #19: Daniela Scuncia, Tre poesie

 

Parigi 2015, foto gianni montieri

PoEstate Silva #19: Daniela Scuncia, Tre poesie

*

 

Ho la giacca senza un bottone,
la mia testa è senza un occhio,
alla mia gamba manca il piede.
Tutte cose perse
cercando qualcosa
ma non ricordo
cosa ancora manca.
Mi sembra di aver dissipato
molto, in questa ricerca:
me ne vergogno.
Resto allora nascosta,
all’ombra del più recente consiglio.

Quieta, mimetizzo
il mio stupore, dolore.
Prendo fiato.

*

Ho imparato a mettermi
comoda nella mia prigione
con i quadri alle pareti
imbiancate di sole
e il ritratto della mamma
sul tavolino da caffè.
E tutto profuma
di cannella e peperoncino.

Tante piccole prigioni
una accanto all’altra
fanno una città piena
di case luminose di zucchero
e cloralio, finestre aperte
dipinte sui muri, tavolini
in bilico sui nasi delle mamme
ferme ormai da tempo
nel ritratto, spento lì
prima della buonanotte.

Fugge e tramonta il sole
ed è di nuovo autunno
e cadono come foglie i denti
e chiami casa quello
che hai costruito
con solo quattro assi
e un forno.

*

Prova la foglia a fuggire dal ramo
l’acqua a scalfire la roccia.
Provo a resistere senza apparire
partire senza dolore
a mascherare l’esistere
e a piccole chiazze dormire.
Spezzare una sola lancia
per non avere nulla da dimenticare.

Passare in dissolvenza.

Provare a restare.

*

© Daniela Scuncia

 

I poeti della domenica #188: Dario Bellezza, Un nemico della poesia

bellezza-colosseo

Un nemico della poesia

Che i poeti meritino il disprezzo universale se ancora
si occupano dei loro malcerti amori e fissazioni stravaganti,
eros di minoranza nel viaggio comune verso l’indocile
bestia che possiede e avanza verso la rovina. Predichino
piuttosto il salto, lo svelamento, la conclusione nelle braccia
della modernità a tutti i costi.

.

da Colosseo e altri luoghi, Edizioni Seam, 2013

I poeti della domenica #187: Dario Capello, Centrale

 

Centrale

 

Invece li vedi
scendono dai treni si corrono incontro
dappertutto
orizzonti, punti cardinali, sillabe
sgranate.
Hanno lasciato a sé
il senso di esistere
nella spina dorsale dove entra
esce dagli uni agli altri
l’interno, l’esterno di chi si getta
al collo di qualcuno.

Ti domandi dove ha fallito
Orfeo, nell’apparizione
dei pedoni che cercano il centrocittà,
pochi isolati, poi le cabine
dei telefoni, poi nulla.

da Il corpo apparente, di Dario Capello, Cdc Poesia, 2000.

#PoEstateSilva #18: Sofia Fiorini, La logica del merito

PoEstate Silva #18: Sofia Fiorini, La logica del merito – InternoPoesia, 2017

*

Io aspetto i giorni liberi
poi spreco le estati.
Programmare di sbocciare
nelle ore bianche,
utile come sperare nel vino;
non c’è bocca che rifiuti questo calice
né labbro che lo baci mentre beve.
La gentilezza degli estranei
nei miei passi
– sono ospiti che non rovinano la casa.
Al mio sorriso divino non penserai
quando altri ti sorrideranno bene.

*
Quando dicevi di odiare le porte
per sbatterle di più, farti sentire,
e maledicevi alle stagioni
gli stessi fiori rossi che accudivi,
sappi, io ho ascoltato ogni bestemmia;
te lo vedo ogni volta sulla faccia
che è la tua infedeltà concessa.
Se è così che provi a non morire,
ancora ti permetto di guardare:
sarò per te il ciclamino cremisi,
ti ripeterò nel tenermi al caldo.

*

Perché mai dovrei contare
quanto dista la pena dal giorno
– la luce tra te e un nuovo bosco di scale,
finché tornarti addosso è tornare alla terra
e dormirti in mano scendere in strada
senza chiudere la porta,
come fidarsi del mare che viene?
Tu che ricevi così bene
la mia stanchezza,
che crederti è come una resa:
che in Te si chiuda il giorno
è metodo e gioco delle mie ore,
che tregua e nervi stia tutto
tra il buio e il tuo nome.

(altro…)

#PoEstateSilva #14: Valentina Calista, Carne sacra

PoEstate Silva #14: Valentina Calista, Carne sacra, Alter Ensemble poesia, 2015

*

Il merlo, nell’attimo spezzato
dal silenzio tra un aereo e un altro
aereo, canta. Solo è il suo stare
sull’antenna del tetto senza nome.
Anche noi senza nome?
Servirebbe
(un nome)
per ripristinare
la vita.

*

Lanterne, le mani
cercano nel buio di oggi.
Laviamoci le mani per rimanere
un poco puri, senza fango nelle linee.

Linee, indicatrici di vita,
– di morte chissà, quella non si legge mai –
ci guardano dal basso sapendo tutto, già.

Non è una zingara che legge austera.
Sono io a regalarmi un’ora di occasione.

*

Del deserto non conoscere le dune,
non aver passato la mano sull’orizzonte
di ieri, è morire senza la vita
aver respirato dagli angoli polverosi.
Ritorna la tua voce cantare, fioca
nel mio orecchio la Canzone del servo
pastore, quando il buio si desta
e abbraccia le notti che fanno tremare.
Ricordo il pagliaio, la tristezza e
il fiume, le piume di mio padre falco e
il vento lasciato scorrere nelle distanze.
Il tuo vago perimetro di madre nell’ombra
è pagliaio della mia memoria notturna.
La tua assenza ha penetrato i giorni
fino alla luce.

(altro…)

#PoEstateSilva #13: Lorenzo Foltran, In tasca la paura di volare

berlino foto gm

PoEstate Silva #13: Lorenzo Foltran, In tasca la paura di volare

 

*

Brest

Polvere e calcinacci,
cani e padroni in un cantiere
sempre aperto.
Rovine battute dal vento,
dal tempo che fucine
salvate dal bombardamento
mantengono in vita.
Gli altri non capiscono.
Mattoni su mattoni,
siamo tanti e siamo soli.

*

Le Barcarès – Saint Laurent de la Salanque

Si danno gli anni alla disperazione
nell’avvicendarsi dei posti,
nello svanire scomposto dei volti.
Chi legge abbassa gli occhi.
Alla fine del viaggio
restiamo soli
e con un nome, banale talvolta.
Ci si volta al buio della foresta
come ciechi al richiamo di una voce
pensata come nostra
e che invece cerca il passaggio
per l’altro lato del bosco.
Qualche passo in comune,
frasi di circostanza.
Scostate le fronde ultime,
un saluto e ciascuno alla sua strada.
Le prime luci, rade,
(è notte e la più parte dorme)
fanno sicuro l’accesso al villaggio.
Massa uguale di case,
pareti di cemento.
Ci si imbatte nel carnevale
che ha paura del silenzio.
Stesse facce, medesime le maschere.
I corpi che nel bordello si ammassano,
ritmato baratro, “divertimento”.
Si esce dalla radura, dallo stadio,
dal castello, dal teatro.
Lunga è la notte e anche il cammino.
L’aria odora di cloro.
Della calca dimentiche,
le piscine tracimano vapore.
La calma della luce artificiale
si stagna intatta sulla superficie.
Muto il coro delle onde.

In un secondo, a caso
e col dubbio di aver sbagliato strada,
di aver tralasciato qualcosa
nella tabella che ci è stata imposta,
ancora vestiti, si esala,
guardando il cielo, l’ultimo respiro
certi di non aver nulla capito.

(altro…)