I poeti della domenica #111: Andrea Zanzotto, “Silvia, Silvia…”

zanzotto-conglomerati

Notte del 20-21 marzo 2001
equinozio di primavera

 

Silvia, Silvia là sul confine
quasi aspra, quasi
imperterrita, sentendo
nel primo farsi della giovinezza
autodisfarsi il tuo corpo,
che non è corpo, che non è luogo,
che non è stasi, ridominio ma
collocazione di stoico muto furore
.              muta, innocente impossibile indifferenza –
.              tu che ti sentivi progettata – ecco –
.              in altre “lingue”, in altre strutturazioni
.                             di te, che non possono in alcun modo ferire
.                             perché tutto in te “avrebbe” fine con te
.                                                      ma non l’ha
.                             a tutto opponi la lingua ungherese
.                             una muraglia ungherese perfetta e priva
.                                            d’ogni superbia ma vettore
.                                            interminabile d’estraneità
.                                            alle lingue, al mondo, alla breve
.                                            fessura di questa che vita diciamo
.                                            e non lo è che in parte, autodeterminandosi
.                              oscure, schiamanti, taglienti tessuti di lingua ungheresi
.                              ti sostengono, seguono, inseguono e tu
.                              a noi lasci il tuo indicibile
.                              segnale di tremenda energia
.                              il tuo sguardo sfidante innocente
.                              l’estremo luccichio della tua mente
.                              che laggiù nuota verso i canneti dell’ungherese
.                              e in esso ci abbandona ma
.                              non più abbandonandoci perché è già eternità –
.                              nel senso di inconoscibilità di maschera
.                              più luminosa che lo stesso tuo lago nel suo
.                              momento che di fresco-sereno domani
.                              fu da te dominato e suadente qual frutto
.                              maturo e inconoscibile, illinguibile, tu
.                                                           “Jó estét, kisasszoni!”
.                                                           mi risuoni di ricordi
.                                                           lontani di lontananze
.                                                           di mia madre lassù
.                                                           verso il tuo lago
.                                                           ossequiata da ungheresi invasori.

.

© Andrea Zanzotto, Conglomerati, Mondadori, 2009

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...