PoEstate Silva #28: Luca Comoretto, da “Sternel”

 

Quei dela mé età i sta lì,
che i par neanca piombi.
I discóre, pò i bée ‘n póco de vin
e i deṡmentega o, pèṡo, i deventa òmeni
sól cól fià e ‘l baṡo dela bala.
Alóra sì che i parla volentiéri
par ṡmagràr él tempo,
tra ‘no sguardo anoià e l’altro,
de quésto o de quélo, dela festa
o de rivolusioni “par proàr”, de miṡèrie negre
o de pòri muli ṡbarcadi sensa vóia
in ‘stó ‘nferno diṡeredà.
Ma se te scólti bèn
l’è sempre ‘na riṡada drio l’altra,
‘na comprensión par finta,
parché no i è mia lóri a discórar
ma ‘sti tempi moderni
che i g’a mutà l’acqua ‘n piso
e la pietà ‘n una ciàcola strasa…

Quelli della mia età stanno lì, neanche sembrano sani./ Discorrono,
bevono un sorso di vino/ e dimenticano, o peggio, diventano uomini/
soltanto col fiato e il bacio dell’ubriachezza./ Allora sì che parlano
volentieri/ per far dimagrire il tempo,/ tra uno sguardo annoiato e l’altro,/
di questo e quello, di festa/ o di rivoluzioni tanto “per provare”, di
miserie nere,/ o di poveri muli sbarcati senza voglia/ in questo inferno
diseredato./ Ma se ascolti bene/ è sempre una risata dietro l’altra,/ una
comprensione per finta,/ perché non sono loro a discorrere/ ma questi
tempi moderni/ che hanno mutato l’acqua in piscio/ e la pietà in una
chiacchiera straccia…

 

‘Sto çiél insaonà de nùgole griṡe,
‘ste vie fate a ciòtoli e ciche sliṡe,
‘sta boca ‘mbombegà de suoni sensa saór…
L’è vérghene ‘l late ai ṡenoci de ‘sta cità
o i’è ‘ste róndene mate che le ciapa e le va…
L’è ‘l borbotàr de ‘n gomitolo che ‘l se désfa
o ‘n tòco de pan con rento ‘na piéra…
L’è vérghe scago e pantesàr, nel védar
che i ride de ‘n fiól có ‘n libro par man…

Questo cielo insaponato di nuvole grige,/ queste vie fatte a ciottoli e
mozziconi di sigaretta,/ questa bocca fradicia di suoni senza sapore…/ È
averne il latte alle ginocchia di questa città/ o sono queste rondini matte
che prendono e vanno…/ È il borbottare di un gomitolo che si disfa/ o un
pezzo di pane con dentro una pietra…/ È avere paura e boccheggiare, nel
vedere/ che ridono di un ragazzo con un libro per mano…

 

No l’è che femo, sémo fati par tór
la siṡia o ‘i ultimi vansi de pióva…
Solane roèrse ne ‘i òci da prògno
o lèti de piéra nel sfarse rùspio
de ‘n mar contrario e ruṡeno…
Tira l’aliseo de ‘l piombo e no se sa
‘lo che separa ‘l ṡmorsegón de ‘n morìr
e la giostra che tièn su ‘l pistìl…
‘Ndoe ùlula l’antana tóca sentìr
‘sto tumór che vaga e se ‘ncula ‘l fià…
Muri che vièn ṡo e ‘na vóia de gèlo
sul palmo sfoleṡà del matìn…

Non è che facciamo, siamo fatti per prendere/ la tramontana o gli ultimi
avanzi di pioggia…/ Colpi di sole rovesci negli occhi da torrente/ o letti
di pietra nello sfarsi/ ruvido di un mare contrario e arrugginito…/ Soffia
l’aliseo del piombo e non si sa/ quello che separa il morso di un morire/ e
la giostra che tiene su il pistillo…/ Dove ulula il segno che rimane
nell’erba per un colpo di falce tocca sentire/ questo tumore che vaga e si
ruba il fiato…/ Muri che vanno giù e una voglia di gelo/ sul palmo
gualcito del mattino…

 

Fóie, spine e pètali póchi
ma corènti e ‘l cribrarse
dele domande che ‘l labro scòta…
Le va via le ore de caco mòle
de drio ‘la luna, ala só luce nèbula,
a ‘sto Àdeṡe che nó se navega,
co l’ancó misura sola
par ‘ndàr ‘vanti fin domàn
e a quel dopo ‘ncóra…

Foglie, spine e petali pochi/ ma correnti e il crivellare/ di quelle
domande che scottano le labbra…/ Se ne vanno via le ore molli come un
caco/ dietro alla luna, alla sua luce nebulosa,/ a questo Adige che non si
naviga,/ con il presente come unica misura/ per andare avanti fino a
domani/ e a quello dopo ancora…

 

Luca Comoretto, Sternel, Alétheia Editore, 2017

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.