PoEstate Silva

#PoEstateSilva #38: Sacha Piersanti, da Pagine in corpo

 

Epiplèttein

L’odore del mirto
difficilmente si dimentica,
se pietrificato nel cuore
che credevo da Medusa colpito.
Il vento cementificato
nella spiaggia del possesso
– il tuo, il vostro: ché mio
è il tempo di dirti vuoto
e Vita darti –
ulula e impreca.

Conto le pietre sulla schiena
verso me schierata
senz’armi e senza orgoglio
offertami,

per poi cambiare
il corso del Mondo
(la sinonimia dell’ardito ardore
fiammeggia nell’antico flusso
di concetti che trovan stallo in Te)
e attraversare litri di vita
infiggendo il pianto estremo
nel tempio votato a chiamarmi.

Finché sarò grano
volerò per la piana
dal morbido fulmine:
il ricordo; il rintocco; l’artistico
volteggio della caccia al già
posseduto.

Le mie labbra affannate
sullo squarcio del sipario
restano l’Inesprimibile
più compreso.

#PoEstateSilva #37: Luca Bresciani, tre inediti

 

L’onestà dei sassi
voglio nei miei occhi.

Nessun abisso è così vero
come vicino a chi lo ha vissuto
oltre la buccia del senso
sino ai semi del pianto.

L’onestà dei sassi
voglio nei miei occhi
per vedere vivo ciò che è duro
dando al dolore il mio primo bacio.

Chi bacia il dolore sulla guancia
è pronto a tener per mano la giustizia
ma chi bacia nella bocca il dolore
è pronto a far l’amore con l’amore.

* (altro…)

#PoEstateSilva #36: Maddalena Vaglio Tanet, West

WEST
Taccuino di viaggio

 

 

Yellowstone

.                   È paura?
. . . . . .
.     Il bosco s’è mutato
.  in allarmata radura
Caproni, Il franco cacciatore

 

Intorno al lago la foresta è bruciata,
restano i tronchi senza rami come lance,
mozziconi di corteccia color cenere.
Un bisonte dorme in mezzo alla falange,
ha lasciato intorno frange di pelliccia
appese ai rovi e agli spuntoni.
Le piante già cadute si disfano
tra sterpi e capocchie azzurro pallido
di fiori molto piccoli (ranuncoli di varia specie
e polemonium pulcherrimum qui detto
Jacob’s ladder – la scala a pioli di Jacob).
I copertoni gettati tra l’erbaglia chiara,
quasi albina, sono ceppi carbonizzati.
Dove il legno si sfarina
compaiono corolle di fritillaria pudica.

 

*

In macchina, una Rover
fatta per non essere sfondata
dall’impatto animale, percorriamo
la Hayden Valley che si sfama
in un viluppo di polvere e spore.
Nei formicai farfalle parassita
depongono le uova e le formiche
succhiano zucchero dagli afidi.
Un uccello incespica dopo il volo,
ragni trasparenti dalle lunghe zampe sottili
attraversano pozze d’acqua e fango.
Quando ci fermiamo un cervo
ci vede e s’inselva. È sera e dalla salvia
di prateria si leva un odore incerto, familiare
ma come appena scoperto. Il fumo di un altro
incendio imbratta il cielo – ci spiegano
che senza fuoco le pigne non si aprono,
gli alberi cominciano a morire dalla base
rimasta senza sole e ci vogliono grandi roghi,
miglia di abeti arsi, perché i semi siano sparsi.
Nuovi nati di un verde originario,
quasi innaturale, a sud già riparano il crinale
bruciato ormai da qualche estate.

 

*

Siamo dentro la caldera di un vulcano,
scorreva lava su questa porzione di continente
dove il bosco ora riposa
nella sua fodera di nebbia e fiati.
Scendiamo la riva fradicia di un fiumiciattolo
verso le tane delle lontre e pare di calarsi
lungo il pendio del tempo
fino alla lava inosservata, raccolta nei crateri
e di nuovo verso la molecola, i batteri
l’occhio della bestia e la gola
da cui è soffiata la parola, mentre intorno
esisteva l’esistente e nel suo rovescio
il niente e la sera intanto è diventata notte,
quel punto scuro che corre lungo il declivio
oltre i borri e il fiume, è un lupo. (altro…)

#PoEstateSilva #35: Franco “Bifo” Berardi, Massimiliano Geraci, da Morte ai vecchi

“Vecchio isterico”, pensò Luca Ferenczi montando sul suo bolide. “Chi si crede di essere questo stronzo? E che mi importa di lui in fondo? Troverò un altro modo per risolvere questo problema.”
Doveva concentrarsi su quell’urgenza maledetta, sull’imprevista piega che aveva preso il suo lavoro, la sua creazione, la sua impresa. Avrebbe voluto creare un congegno di facilitazione universale dell’empatia – che ne sapeva lui di empatia? – ed ecco che si trovava a fare i conti con un impulso assassino che si muoveva come un’onda, come un’epidemia. Cento volte aveva controllato il programma, linea per linea, protocollo dopo protocollo.
Nessun errore di codificazione ma un persistente disturbo nella trasmissione. Come se una traccia della vibrazione luminosa proveniente da Federica fosse rimasta impigliata nell’infosfera. Come se qualcuno avesse aperto uno spiraglio all’imprevisto, al sabotaggio, ma chi?
Pensò alla radiazione cosmica di fondo, il primo assordante vagito dell’universo, che ancora oggi i radiotelescopi continuano a captare dopo miliardi di anni. Mentre la sua Ducati accompagnava le curve che costeggiano il fiume, il fantasma di Federica lo inseguiva confondendogli la vista con tutti quei suoi veli svolazzanti. La testa chiusa in un casco avvolgente, i pensieri serrati in quella prigione nera e gialla con la visiera abbassata, Luca correva nel vento. Il vento doveva essere forte a giudicare dal frustare dei rami, ma nello spazio chiuso del casco nero e giallo il vento non era ammesso. E nemmeno la luce pensava Luca. Sbagliando. (altro…)

#PoEstateSilva #34: Katia Olivieri, poesie da Piove col sole

Questione di tempo

Non dire mai
a nessuno
quanto tu
ti senta sola
e vecchia.
Né quanto tu
sia stata
coraggiosa,
giovane e bella.
Non ti daranno
un giorno in più
per ringiovanire
né un giorno in meno
per ricordare.
Puoi dirlo ai pochi
che non hanno
tempo da sputare.
Ma non ai tanti
che si trastullano
tutto il tempo
con il tuo tempo
ancora
più prezioso.

* (altro…)

#PoEstateSilva #33: Pietro dell’Acqua, Aria fritta

Si sta a pelar patate, in silenzio.
Apre la bocca e le dà fiato:
«Pensa te cosa diranno di noi, noi che ci affidiamo ai nostri mugugni, al linguaggio per intenderci, ci affidiamo alle rime e alle assonanze come se nella lingua fosse indicata, tramite queste, la via da percorrere verso l’autenticità, che parola abusata piena d’aria!, verso la consapevolezza di ciò che siamo o non siamo, verso un senso da dare alla frase. Pensa come rideranno dei nostri tentativi falliti di formulare un pensiero più complesso di Ugo mangia la mela, di comprendere le Leggi tramite esperimenti e apparecchiature complicatissime, che oltretutto non funzionano diranno. E l’energia, si sbellicheranno vedendo le nostre tecniche da piromani squilibrati che consistono solo nel
bruciare qualsiasi cosa ci capiti tra le mani: siamo uomini delle caverne che accendono il fuoco. Poi su tutto la nostra mania di protagonismo, quelle favole sull’universo al cui centro ci siamo noi, tutto è qua per noi, dei e arcangeli e oracoli e stelle cadenti e filanti scomodati solo per blandirci voi siete er mejo, quante istituzioni, tutte frutto, questo ce lo riconosceranno, pur nei nostri enormi limiti, della più fervida immaginazione, quante istituzioni per difenderci dalla nullità della nostra condizione, che altrimenti ci divorerebbe. Di cosa ci nutriamo? Siamo cannibali dei nostri compagni d’avventura, uccisi da noi o morti sul campo. Di quale ignobile violenza siamo capaci, e così subdola, sbranare facendo intendere che i morsi sono baci, si sganasceranno davanti alla nostra incoerenza, ai monumenti di pastafrolla eretti in onore delle opere di bene con fumosi discorsi per la pace e la concordia, all’incessante germogliare di colpi di sfollagente, kalashnikov e bazooka. Chissà quali differenze noteranno tra la copula grammaticale, quella animale e quella umana, magari si metteranno a contare il numero di possibili variazioni sul tema, useranno come parametro di giudizio lo spazio lasciato all’arbitrio o all’improvvisazione, chissà che non vinca qualche scimpanzé dall’aria furba che ci dà dentro da mattina a sera, senza tabù parentali o legati all’età, capace di farlo arrampicato su un albero o appeso a una liana. Il nostro sdolcinato poetare in versi, sempre in cerca di conferma nei suoni, che oltretutto abbiamo concepito noi, che la strada sia giusta – anche i poeti del giorno d’oggi, i rapper che urlano sopra una base martellante (altro…)

#PoEstateSilva #32: Emilio Pagano, Inediti

OUTIS

Ceduto per sempre hai le certezze
all’ombra. All’umbratile attrazione
per una morte oltre Ade.
L’accarezzi come fosse parte
– timida – di una perdita più grande.
Errante, di braccia intatte
inconsunte delle cautele di padre.
Dei cupi dubbi pubescenti altri,
che non fossero propri, per arsura.
Per strategia d’anonimato.
Allora, ti basti la vasca! Tasca
placentare, liquida tana. Thalassa
a domicilio dove indugiare,
col guadagno di una natura accecata.

*

SPECIE

Così pietose, le cose. Tenaci
nel rimpianto e lungimiranti
come gli atlanti. In attesa protese,
croniche. Pure nel disuso.
E io breve. Quasi immobile,
impareggiabile tra la polvere,
che poi s’alza. Lieve,
sul vuoto scapolare del posacenere.
È un moto a perdere, inscatolare.
Una semina adiaforica
che produce il pegno di occupare:
apoplessia del bisogno.
Come il russare del valore, sul refrain
di una canzone demodé.

*

DI STANZA

L’infanzia è un lascito. Un testamento
inverso. Lo afferma lo specchio,
anche stamattina. Senza prospettiva

con lo sfondo al passato per sempre,
che è già il giorno dopo. E tu un pressapoco,
ingerente provvisorio
di un zelante scenario.

Così il sudario sta al verso
e come il riflesso, è vero
se non lascia speranza.
Dove l’impossesso ha il senso

di un non ritorno. Dichiari il volto
opposto, credendo il verso giusto
e sublimi il gesto di una cronaca banale.

#PoEstateSilva #31: Erminio Alberti, poesie da “La vita, le gesta e la tragica morte di Serlone d’Altavilla detto Sarro”

 …………………………………….

…………………………………………………………………………………………………………………. …………………………………E,

…………..scostati i capelli dalla fronte
– uno sguardo gettato alle spalle e poi –
lungo i pendii, vertigine della montagna,
sproneremo i cavalli a percuotere
……………a sangue la terra

 

…………………………………….E,
………………………..con la tempesta,
…………………………………….come la tempesta nella tenebra
giungeremo a far sussultare
le finestre, chiuse per il sonno

…………………………………….– il sangue alla terra –

Saremo fulmini nel vento,
belli come il carro che muove il sole
……………………………………come tori
celebreremo di nuovo il nostro amore
per Europa la bella, che sta per morire.

*

Ché a volte sembra giunto il punto morto
il nodo inestricabile che chiude la matassa
lo sguardo vede solo l’esatto tale e quale
lo specchio non riflette, del resto nulla cale

Ché sembra ormai alla fine il mondo conosciuto
e nulla da conoscere che ci sarà più dato
crepuscolo di guerre che dura da decenni
mercati di passioni, oracoli d’inganni

ma il fumo della fiaccola non è poi ingrigito

 

se ancora non incede ma comanda
—————————————– il gesto e l’azione –
il dubbio e l’incertezza,
——————–il punto di domanda.

*

VASSALLAGGIO

Donna che il volto celate al suo sguardo
lasciate che Serlo vi possa omaggiare;
vi offre servigi, in onore egli soffre:

mai vidi le ginocchia sue toccare
terra e omaggiare alcun uomo potente;
forse al suo zio, null’altri: eppure

per voi in terra come biscia movrebbe.
Egli ha buon sangue, e illustri natali,
dai prodi daci la pianta discende:

se invero Sigfrido prese la bella
Brunilde, di Serlo parvenza avrebbe
il loro figlio. Le vesti più ricche

egli ha indossato, le donne di corte
tutte ha implorato perché cucissero
di oro e diamanti una tunica, che

davanti alla vostra bellezza possa
non sfigurare. Lasciate che giostri
sotto la vostra finestra! Che possa

mostrarvi coraggio e valore, come
è d’uso nella battaglia all’eroe:
ciò che vi è chiesto è solo uno sguardo

(e la sua vita sarà in mano vostra):

*

Potremo sprofondare tutti
come la moglie di Jacopone
o dare via di testa come

Tasso, piagati di disperazione:
giacché ha dato i suoi frutti
la grande omologazione.

Oppure la testa alzeremo:

l’ultimo premito postremo.

 

Erminio Alberti, classe 1987, originario di Capizzi (paese dove convivono la Sicilia e gli inverni innevati), si interessa di musica e letteratura, e ha realizzato alcuni spettacoli di musica e poesia all’interno della facoltà di Lettere e Filosofia di Catania.
Il suo precedente volume, Malascesa (Samuele Editore 2013, collana Scilla, prefazione di Maria Grazia Calandrone), ha vinto il premio Camaiore Proposta 2013 e il premio Gozzano Giovani 2014.

#PoEstateSilva #29: Paolo Napol, È pronto. Inedito

Banco del pane, alle sette di un mercoledì sera qualsiasi. Davanti a me un signore e una signora che la generalità delle persone definirebbe “distinti” per età e atteggiamento. Lui si aggira attorno ai settant’anni, portati molto bene se non fosse per quel pancione da tenore che gli complica e rallenta i movimenti. Pochissime rughe, soltanto di espressione, attorno a due occhi che decisamente hanno guardato alla vita senza troppi sforzi.  Ha una coppola blu cobalto incalcata sui capelli che, strizzati, girano su loro stessi come dei trucioli avorio. Due baffi melange che mi ricordano le “effe” di un violino anzi di un violoncello considerate la taglia comoda e il peso.   Si rivolge alla signorina con una pacatezza che rimbomba nel parka in cui è rimasto ingolfato, il maglione senape che spunta dalla zip, una camicia bianca button-down e a becchi larghi infilata quanto più possibile in un paio di eccentrici tartan a vita alta. Al tenore forse piace il punk e nemmeno se ne accorge.

“C’era prima lei” è la risposta che consegna vergognoso a una signora campana dalla bocca carminia e procace e che sembra doppiata da una Loren in piena gloria. Non capisco se è lei o se sono le sue guance a ridere per lei. Sporgono e sembrano sorrette da due pieghe del viso che delineano la parte del mento o la mascella, non saprei. Non penso mai alla mascella delle donne. Gli occhi sono grandi, sproporzionati e sgranano come le femmine dei cartoni animati quando c’è elettricità e sentimento nell’aria. Pantalone nero relativamente stretto che fa da gambo a una mantellina rossa e tronchetto nero alla Loredana Berté. La signora sembra un funghetto grintoso, di certo non è velenosa. (altro…)

#PoEstateSilva #27: Fabiano Spessi, Inediti

CORPO INTERMEDIO

Il silenzio assoluto
interrotto solo da un grido,
l’Italia ha segnato contro la Germania.
Rubinetti chiusi, l’acqua immobile nei tubi
mentre cerchi in un cassetto documenti che
certifichino la tua identità. Siamo al 3 a 1 o forse
al 2 a 0, goal di Tardelli o Altobelli o Balotelli
o forse l’avversario è la Spagna o la persona
che non risponde al telefono. Mi ami ancora?
Una voce sfiora le vetrate, quest’anno sono
previste le solite code in autostrada e muri
sulle rotte dei migranti. Si confondono arrivi
e partenze, esodi e vacanze. È ora: le valigie
sono già davanti all’ascensore, tempo di gettare
il cuore oltre l’ostacolo. La porterai altrove
la tua anima celeste, lo troverai un rimedio
chilometrico all’agitarsi schizofrenico del tuo
corpo intermedio.

(altro…)

#PoEstateSilva #26: Gianluca Rizzo, Il lavoro meccanico

PoEstate Silva #26: Gianluca Rizzo, Il Lavoro meccanico, Oèdipus edizioni, 2016

*

Le tre carte

Maggio porterà la pioggia,
per ragioni metriche e di consonanza.
Il papa, a passeggio nei giardini vaticani,
ne sarà dispiaciuto, per ragioni metriche.

Vulcanizzare la guttaperca, bisogna,
elettrizzare l’idrolitina, piuttosto,
darsi a passatempi proficui.

Ci penserà la locusta a trarci d’impaccio,
mandibole e mascelle mentolate,
sette teste, dieci corna, occhi innumeri,
stagliata contro le fiamme dei granai.

Sfuggono agli elenchi,
con indolenza regolare,
granatieri sardi e vedette lombarde:
aspettando che la geografia faccia il suo corso
sfogliamo, svogliati, acini ribelli.

*

Caudato

Stringeremo duraturi legami
coi piccioni della piazza, la loro razza
risparmierà i ponti e gli alti monumenti,
le statue, invece, ne soffriranno.

Dedicheremo il meriggio ai sacri
uffizi fino all’arrivo della catastrofe
ci perderemo in prebende.

Lasceremo cadere sugli spondei
ogni accusa d’isolazionismo,
e le lamentele.

Dovendo arrossire, lo faremo a comando.

(altro…)

#PoEstateSilva #24: François Nédel Atèrre (Francesco Terracciano), Inediti

Posso dire, di me, che camminare
per le strade degli altri mi è piaciuto,
che fosse nebbia o sole. Come tutti
ho preso qualche treno, alla stazione
altri ne ho attesi, pieni di persone
nervose, che tornavano da un viaggio.
I miei ritratti, in semplici cornici
-ch’ero bambino, in altri appena nato
stanno sopra le mensole di casa
niente mosaici d’oro, niente croci
giganteggianti in cupole tagliate
che il sole fa brillare, dai rosoni.

Volendo precisare, ho speso molto,
scelto con cura tutti i miei vestiti
libri ed oggetti, cambiato dimora
-una, ricordo, aveva le finestre
sopra il canale, amata dalle barche
che entravano con l’ombra nelle stanze-
ma niente che era mio offendeva gli altri.
Per altri versi, rimanevo a casa
sacrificando giornate di sole
qualche altra l’ho goduta, per la strada
coi vecchi amici, con persone nuove.
Altro non serve, credo, di sapere.

26.03.2017

*

Elegia per Lucifero

Non ho memoria del volo, ma ancora
so riconoscere la scia nell’aria,
la resistenza, tra le onde di azzurro
che si condensa in lamine, nel cielo.
Non sanno, questi sversatoi, di stagni
ghiacciati, della pece che ribolle
ma tutto quello che brucia, sui lati
gomme e grovigli, manda fumo nero.
Potrei allungare l’ombra, disgustare
sputando insetti e vertebre d’argilla
ma preferisco saltare, con magri
felini tra le biche, in mezzo all’erba.
Mi manca oggi la luce, ma non quella
del dio nascosto, che un tempo mi amava:
mi adira, di non leggere la grazia
sui volti umani che dovrei dannare.

07.05.2017

*

E tu mi chiedi ancora le passioni
e l’avvenire, che non è avvenuto
avaro, dopo tutto questo tempo.
Cavalli alati, foreste abitate
dalle creature giovani del mito
in assemblea operosa, i nove cieli
che il frassino sorregge, gli elfi chiari
la luce intensa dei grandi disegni.

Io ho imparato a tornarmene a casa
dopo il lavoro, come passeggiando
per un giardino, facendo la strada
che taglia in due la cima dei palazzi.
Mi bastano i rami del pioppo, i fiori
semplici e forti, che spuntano al ciglio
di un muro basso, per calmare il peso
di ogni magnifica bugia sul petto.

Più tardi, so che troverò i miei libri
sul tavolo, come li ho lasciati
la sera prima, il paralume sghembo
che fa risplendere soffitto e muri
di segni d’aria, qualcosa da bere.
Le mie care ombre, sedute in soggiorno
sempre eleganti, per l’ora di cena
saranno lì ad attendermi, in pensiero.

12.02.17

*

La bella gente se n’è andata tutta.
La luce delle lampade si è spenta.
È misterioso, il bagliore del cielo.

Adesso può risplendere, la sera.

25.01.17

Francesco Terracciano (François Nédel Atèrre/Francis Norleigh/Francesco Miti) è nato a Napoli l’undici agosto 1967.
Dopo la maturità scientifica, ha studiato Economia presso la “Federico II” di Napoli, dove ha lavorato come Assistente fino al conseguimento della laurea.
Si è trasferito a Venezia nel ’97, dove è stato impegnato, nel tempo concesso dal lavoro principale, in progetti teatrali e letterari.
Ha collaborato con associazioni culturali e riviste locali, pubblicando un libro di poesie “Phonè” (1992, Cultura 2000 Editrice RG), un libro di racconti “Il Salice Bianco” (1996, Tip. La Nuova Editrice NA).
Dal 2001 è tornato a Napoli, dove risiede attualmente. Lavora in banca.