I poeti della domenica #193: Fabio Franzin, Onbre, Meduse

Ettore Sottsass e il vetro foto di gianni montieri

Onbre, Meduse

Sen romài de ‘à dea memoria,
voltàdhi. Ae nostre spàe passa
figure, co’e só inpreste, ‘e só
teste basse, onbre lente sora
el ‘sfalto, poster che se mòve
tremoeànti tel cimento dei muri.

Chi ièrei? Còssa pénsei de ‘verne
‘assà co’e só fadhìghe sovrumane,
i tanti sacrifici, ‘e triboeazhión?

Chea onbra che passa, ‘dèss che
me son voltà indrìo un secondo
– mì che no’ son mai stat bon
de vardàr sol fiss davanti, che
‘ò senpre ‘bbu paura de ‘ver pers
calcòssa, drio ‘a strada – chea onbra
seca, bassa, tuta incurvàdha in ‘vanti
che ‘ò vist te un film de Kieślowski
butàr ‘na bòzha drento un cassónet,
che razha de esenpio senpio vòea
mostrarne? Storta dal peso de ‘na
vita che no’à conossù festa e riposo,
còssa àea da spartìr co’ quee che,
aa stessa età, va in pàestra pa’ caeàr
de peso, in préstio de àni dal chirurgo
estetico? ‘a passa e ‘a ne dà fastidio,
sol che quel, e sol pa’ chi che se volta.

Noàntri sen de ‘à romai, pase a lori
e a chea só poesia de cài e umiltà,
‘dèès che basta sfioràr coi dei el vero
de un displèi pa’ levàr quel che a lori
no’ bastéa Maciste. Ièrei pròpio eroi?
‘sti miti stranbi co’a zhinta pa’e ernie,
‘a panzhièra? Li òeo mai conossùdhi?
Se sì no’ me ricorde pì. Bastaràe sol
inparàr a no’ voltarse – come chii
maratoneti in fuga, sfinìdhi, che sinte
‘e ganbe farse pesanti, el fià tel còl
dei inseguitori, el traguardo distante –
parché chee figure mute me ossesssiona
se me volte: statue d’aria ferme tea só
antica dignità, tea verità che sbrissa
fòra, come paròe de pièra, dai só làvari
in sfesa, tee pose da vinti, da martiri
pa’ noàntri, che par ritrati de Dorian
Gray, quari de l’orór ‘ndo’ che se
spècia, rebaltàdhe, ‘e nostre certezhe.
Sen de ‘à dea memoria, romài,
coi nostri smartfon in man, el tom
tom in machina… basta vardàr
e ‘ndar ‘vanti senza mai voltarse
indrìo, chi ‘o che se perde pì?
Epùra basta sol ‘na strada nòva,
fòra mapa, el segnàl che salta,
‘na svolta che ne mena drento
‘na stradhéa de sassi, in mèdho
ai canpi, e lore le ‘é là, quatàdhe
drio el muro rosa mèdho croeà
che ne spèta, a sufiàrne de scondión
el só sìabario de mèdhe busìe,
sussuri caldi che ne missia come
rimorsi, che ne fa onbra persa
fra fantasmi che no’ vòl sfantarse.

[inedito]

*

Ombre, Meduse

Siamo ormai oltre la memoria, / girati. Alle nostre spalle passano / figure, coi loro attrezzi, le loro / teste chine, ombre lente sopra / l’asfalto, poster che si spostano / tremolanti nel cemento dei muri. // Chi furono? Cosa pensavano di averci / donato con le loro fatiche sovrumane, / i tanti sacrifici, le tribolazioni? // Quell’ombra che transita, ora che / mi sono girato un secondo / – io che non sono mai stato capace / di guardare solo fisso in avanti, che / ho sempre avuto paura di aver perso / qualcosa, lungo la strada – quell’ombra / esile, bassa, curva in un assurdo inchino / che ho visto già in un film di Kieślowski / gettare una bottiglia dentro un cassonetto, / che razza di esempio stolto vorrà / mai esibire? Storta dal peso di una / vita che non ha conosciuto festa e riposo, / cos’ha da spartire con quelle che, / alla stessa età, vanno in palestra per dimagrire, in prestito di anni dal chirurgo / estetico? Passa e ci dà fastidio, / solo quello, e solo per chi si gira. // Noi siamo oltre ormai, pace / a loro e alla loro poesia di calli e umiltà, / adesso che basta solo sfiorare con le dita / il vetro di un display per sollevare ciò che, ad essi, / non bastava neanche Maciste. Furono proprio degli eroi? / questi miti strambi con la cinta per le ernie, / la panciera? Li ho mai conosciuti? / se sì non me ne ricordo. Basterebbe solo / imparare a non voltarsi più – come quei / maratoneti in fuga, sfiniti, che sentono / le gambe farsi pesanti, braccati / dagli inseguitori, il traguardo distante – / perché quelle figure mi ossessionano / se mi giro: statue impalpabili immobili nella loro / antica dignità, nella verità che fuoriesce / come parole di pietra, dalle loro labbra / socchiuse, nelle pose da vinti, da martiri / per noi, che paiono ritratti di Dorian / Gray, quadri dell’orrore dove si / specchiano, rovesciate, le nostre certezze. / Siamo oltre la memoria, ormai, / coi nostri smartphone in mano, il navigatore / nell’auto… basta guardare / e proseguire senza voltarsi / indietro, chi si perde più? / Eppure basta solo una strada nuova, / non contemplata dalla mappa, il segnale che si disconnette, / una curva che immette / in una stradina di sassi, in mezzo / alla campagna, ed esse sono là, celate /  dietro il muro rosa diroccato / che ci attendono, a soffiarci di soppiatto / il loro sillabario di mezze menzogne, / sussurri caldi che ci rimescolano dentro come / rimorsi, che ci rendono ombra persa / fra fantasmi che non vogliono abbandonarci.

*
© Fabio Franzin

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...