inediti

Emanuele Buonamici. Tre inediti

Alzarsi sopra l’ordinario,
picchiare in viso il conforme,
saltare in volo
con lo spirito,
sputare in testa
a quel che è freddo dovere,
fare cosa si voglia,
arrivare in alto
fino alla soglia della stratosfera,
farsi strada a testate
dentro a cieli angelici
e precipitarsi contro Dio
per dargli del vecchio moralista
e rubare l’ambrosia
e farci il bagno dentro,
ballando sul frastuono
di corni celesti
infuriati;
svegliarsi sorridenti,
ma scordarsi perché,
ma abbracciati in due,
che quando mi spingi col piede
giù dal letto del sogno,
sistemato così sulle volte stellari,
lo schianto è grande,
ma il fracasso più grande
è quel pianto,
che canto,
che fa il tuo silenzio.

* (altro…)

Giada Giordano: tre inediti

 

Non averti e saperti comunque
saperti a giudizio
e alla notte chiedere consiglio
dei tuoi anni.

Sono stata nelle attese
che abbiamo dimenticato di vivere
alla tua porta, forse sull’uscio di casa
si è a stento visibili
senza una poesia.

 

*

La strada tu me la indicasti in salita,
v’era un cumulo di letame e agli angoli
stavano stagni di cherosene, liquefatta la noia
imputridiva dietro il grigiore delle abitudini
sussurrava oltre il sagrato e accorreva ai Salmi
la speranza, come il chiarore che insegue
l’alba o l’auto che fugge.
Allora fosti tu a districare i grovigli
e ad illuminare il giorno, sulla via
in capo al cielo coperto.

 

*

Poi ho lasciato la carta al termine della corsa
era in gioco in via dei Coronari un’eresia
costringersi così come a sciogliere un nodo
“siamo la corda e avviluppiamo all’esca”
le braccia persino ci stringono
a flettere la mano al suo indirizzo
sentirsi come l’anima retrocedere
quasi a sorreggere lo stipite, la porta,
un tuo sorriso.

.
© Giada Giordano

 

Giada Giordano nasce a Roma nel 1989. A tredici anni vince la Menzione d’Onore al Concorso Nazionale di Poesia “Un fiore per voi”, indetto dal Comune di Cervia. A diciotto anni scrive Sintomatologia e Simbolismo nella Visione Estetico-Decadente del XXI Secolo, che rappresenta, per lei, l’interfacciarsi con il mondo della saggistica. Nel 2014 viene selezionata per il corso di scrittura creativa indetto da Rai-Eri. Nel 2015 vince il Poetry Slam al Roma Fringe Festival. Suoi testi sono apparsi sulle riviste on line e cartacee «Voce Romana», «Euterpe», «Patria e Letteratura», «Our Poetry Archive», «Galaktica Poetike Atunis» e sul «Journal of Italian Translation». Alcuni suoi testi sono in attesa di pubblicazione sul prossimo numero di «Arcipelago Itaca blo-mag». Un ulteriore suo componimento poetico figura negli «Archivi del Centro Nazionale Studi Leopardiani». È risultata finalista in vari premi di poesia.

Paolo Pitorri. Inediti

 

NEON

Hanno osservato contro luce il mio sangue
ho regalato le mie nudità a donne vestite di bianco.
Tra poco devono tagliarmi, togliere i pezzi, ricucire.
Col volto cianotico fisso mia madre soffrendo
voglio rientrare in lei per non dover più vagire.
Un passo indietro per non dover morire.
Ventidue anni alle spalle per non dover nascere – soffrire.
Tornare in lei dove ero l’unico corpo piccolo
In una sacca amniotica: un universo nero.
Ora sto supino a riflettere il neon.
Adesso dentro di me un paese si dilata,
si espande nel mio corpo – delirando penso:
sono stufo di Londra. Ma arrivano i guanti in lattice.
La vestita di bianco mi regala dieci secondi:
un’anestesia, occhi di cataratta: dimentico come respirare.
Un taglio, uno scoppio, un maroso, un tesauro di emorragie.
Mi risucchia la schiena il nadir della barella.
Mia madre mi parla, mi stringe la mano, è nuovamente la prima volta.
Mi ha detto che sono nati quattro gatti in questa notte “bella”.
È la seconda volta che esco con lei da una stanza di ospedale.

 

(altro…)

Antonio Devicienti, La gente, la terra, la scrittura

Foto ANSA

Antonio Devicienti, La gente, la terra, la scrittura

1.
E ancora, mia scrittura, eccoti che ancora ti confronti con ferita non rimarginabile nel corpo della terra e della gente: eradicano gli ulivi (quei corpi attorti dal vento, escavati dal tempo, quelle menti di pazienza e generosità); scavano nel corpo del mare e della terra, comprano e vendono secondo inconfessabili eppur chiari fini.

2.
Guàrdati, mia scrittura: impotente e piagnucolosa nel contemplare l’offesa, quest’atto di ritornante fascismo.

3.
Ma tu vedi la tua stessa gente, povera e nobilissima, mobilitarsi. E sii, allora, voce tra le voci: impara dalla tua gente.

4.
Hai mani nude e un respiro che abbraccia i secoli, mia scrittura, le stesse mani della tua gente, gente di Terra d’Otranto e d’Africa, gente andina e d’un’Asia affamata: tu sei terrosa materia, groviglio di radici, calcinato sale di Sud-Est, stazione di passo. Tu sei pietra vivente e adriatica acqua della nascita.

5.
Che cosa avrebbe inventato Antonio Leonardo Verri, il poeta, furioso e furibondo per l’offesa non rimarginabile, che cosa avrebbe fatto il poeta dalle unghie sporche di terra?

Un altro appello ai suoi fratelli poeti e, mia scrittura, ecco, tu lo vedi, egli è qui, cammina con le gambe della gente che va a fronteggiare la polizia, si distende sull’asfalto davanti ai camion del saccheggio, grida altissimo il suo NO.

6.
A poesia está na rua” (Sophia de Mello Breyner Andresen / Maria Helena Vieira da Silva)

La poesia che da gran tempo insegui eccola, la fa la tua gente che porta con sé i suoi bambini e, alzate le mani in segno di non-violenza, fronteggia la polizia. Stanno rubando la terra alla gente salentina (e l’Africa lo sa, è successo e vi succede ancora, e l’America latina lo sa, è successo e vi succede ancora, e vaste regioni d’Asia e d’Australia lo sanno, conoscono l’offesa irrimediabile). Ma la gente, la tua gente resiste.

7.
Depredano il mare, depredano la terra.

Da decenni lasciano la mia gente ammalarsi di cancro.

E tu, mia scrittura, ti pavoneggerai ancora sull’osceno palcoscenico del tuo solipsismo?

8.
E ancora tu, mia scrittura, che impari a essere visionaria, vedi in ogni trasparente corpo d’olivo il profilo d’ogni nativo americano, d’ogni aborigeno australiano, d’ogni Africano ucciso dai predatori – e le cancellate erette a proteggere il cantiere dell’offesa replicano i molti muri che mutilano il corpo della terra, che arroganti dileggiano i poveri della terra.

Le aree adiacenti il cantiere sono assegnate nella disponibilità delle forze di polizia” (dall’ordinanza con la quale il Prefetto di Lecce ha disposto la requisizione dei terreni adiacenti il cantiere per la costruzione del pozzo di spinta della TAP – Trans-Adriatic Pipeline – in territorio di Melendugno in provincia di Lecce).

 

Antonio Devicienti, di origine salentina, gestisce il blog personale www.vialepsius.wordpress.com ed è redattore di «Carteggi Letterari» e di «Perìgeion».

Daniele Ciacci, da #LibidoSciendi

 

I

In pasto ai sensi
il corpo umano, tipo
libido sciendi:
non credergli, non hai
altro – pur poco – che te.

 

*

III

Ho disposto le mie trappole con attenzione
ho caricato di pietre il trabucco.
Ho apposto il mio sigillo
su qualunque versante vertesse
la conversazione, ho opposto
le nostre visioni per intercettarne
il fuoco comune.
Ho intonato il canto della guerra
che lascia di stucco il nemico
e lo assorda.
Ho sorriso ai tuoi sorrisi,
ho consolato il tuo pianto
ma veramente del tu
no
non te l’ho mai dato.

 

*

V

Il cetriolo nel moscow mule
lo succhio e lo mangio a morsi.
Bello ascoltare dei tuoi corsi
di yoga e di pilates
mentre a ritmo muovi le dita
sulla shicane applicata
allo stacco tra coscia e polpaccio.

Se la minigonna parlasse di te
avrebbe da dire
qualcosa come due lettere:
sì o no senza menzogna
evangelicamente.
È lo spacco sul seno
a darti uno straccio di maternità
ma finta. Il resto è uno tsunami
di feromoni
su un campo di serotonina
che beve la traccia di primavera
lasciata dalla prima ghiacciata
e ne vuole di più.

 

*

IX

(Però era bello
star zitti ad ascoltare
il crepitio
che fa l’aspettativa
in piena gioventù.

Mentre uno cerca
il meglio di se stesso
nell’operare
tocca catrame, ma
tu tu sia sempre tu).

 

*

XII

Sotto il tuo giogo trascini
dolcezza e nostalgia. Come puoi
farlo senza che pesi
l’orgoglio degli uomini?

Porta della misericordia
mentre passi la lingua
sul lobo che amplifica
il cuore che ringhia.

 

© Daniele Ciacci, Libido Sciendi (raccolta inedita)

Selenia Bellavia: inediti

Vieni a scorrere vicino, torna
dalle umane onde all’arrendevole sigillo,
al nostro canto amabile infuriato
dal fermento e sopra l’ombra
mai non dire lontanissimo il tuo battito

ascolta

una foglia ricamata è calda
anche di lato: potremmo respirare
lampi e sciabordii a sole nuovo
dopo il lungomare fragoroso e scuro
di un calore
bagnarci negli aromi di pescato
forse

ci terremmo in mano.

 

*

Ebbro d’anime
trasogni belle voluttà e ci scordammo
di morire al calcolo di certe
macchie nate sul mantello
traboccando un piccolo duende
come arreso. Ma io

di te sentivo il canto (dove sei?)
boccheggio come se ti fossi
un segno perdonato e
un’eco al timpano solare
mi scindeva umana la pressione
dell’origine in una pioggia estatica
quando ci sfamava il cane d’una metafisica

la vertigine dei mondi
s’inchiodava
alla metafora del sangue (dove sei?)
risuona
un ottavino bianco sul the end
come l’attrice
d’una California anni cinquanta
caramella un bacio

per un altro Eraclito rapito
da una berlina scura. (altro…)

Andrea Peverelli, da ‘Il boia stupendo’. Inediti

Ground zero
A night at the renowned disco Xibalba

odore dolciastro viso tetro-cannabinolo da sceneggiato mediaset. una corte costituzionale di mosche ti annulla la libertà di sottrarti a te stessa, come putrefatta di costumi e torte bicolore. eppure stavi lì a incarnare verità, fantasma lieviti bianchi di paura anemica, l’anemia dolce dell’essere mediterranei di notte in un clima modaiolo. e ora dovunque siamo visti siamo la tua terrificante immagine di bottiglia e staccateste, sarà come limonare con una primordiale fame vestita di bianco&nero – la fame di sempre, la sotterranea morsa allo stomaco mista allo struscio degli incensi afroamerindi dei quartieri bui.

——-

la luna mi si denuda in fondo alla stanza. fusa in controluce.

——-

il piumato ricordo più alato bicordo del mare in agosto, non riporto al cuore la tua calvizie, la Prima Morte che mi portò il colore dei crampi alle ginocchia quando io ultimo buon fedele mi muovevo carponi da struscio a struscio fra le ragazze in corone di vischio e pepli e le mani scheletriche rosari d’amore
s’accarezzava le labbra in quel carnoso crocevia fra lo specchio di casa sua e le grida belluine degli adolescenti che viaggiano nei vicini colli di bottiglia finché gli durerà la presa – sì vodka no gin sì lemon no menta – sì labbra no culo sì dita no piedi – gli esseri più estremi di questa parte di galassia, l’adolescente a scadenza e la tossica sentimentale, uniti dal fil rouge della porta girevole che lascia gin e capelli biondi al di fuori delle rispettive attese. L’umanità la si fa per caso, ma uno sguardo da fuggitiva no, quello lo si pianifica settimane prima.

——- (altro…)

Andrea Chinappi, da ‘Poesie d’ansia e di giovinezza’. Inediti

1
Il tragico è stanco

È uno stormire di volti
nella mia terra stanchi
lividi sotto gli olivi rigonfi
in autunno.

Un profumo di teste
bruciate
si mischia ai fiori
pestati teste riarse
dal sale vecchie necessarie.
……………………..Ma si muore,
nella mia terra,
nell’ora della clessidra
girata
come trafitti dall’incupirsi
al neon
come una vecchia cartaccia
spezzata che più non cuce
nessuno.

*

2.
a Valentino Zeichen

Mi sono venute a noia le fotografie
o a orrore perché scorgo nei miei occhi
una futura pazzia uno sguardo
malconcio di suicida
di reietto.
……………Sarei tentato
di scollarle tutte per giocare con te
a rimescolarmi il passato affinché possa la combinazione
giusta salvarmi

ma invano mi accingo all’impresa.
Trovo al mio fianco il tuo sorriso
angelico e la mappa delle mie speranze
di vita segnata da qualche parte
su uno schermo.

(altro…)

Anna Boero. Inediti

La foto

E ancora osi tra la terra e il cielo
esistere, nel quadro
che ti racchiude si ri creano i vasi,
la quiete ornamentale delle foglie,
e il letto assorbe ancora
nel guanciale il tuo volto.
Mi trovavo nel bosco in cui da tempo
un lago accoglie la tua foto
estrapolata da pellicole,
semiemersa col loto equidistante.
La figlia eterocroma dell’estate,
creata dal muschio infervorava i crochi
come candele,
sotto il peso de i ricci da irlandese
crepitava la barba di Morfeo
ed allora mi accorsi che resisti
al tempo e dormi,
e la natura si confonde
alla tua immagine,
supera l’acqua la cornice,
e la casa in cui dormi si è allagata.
L’argine dove dormi è anisotropo
lenzuolo ove soccombe il tuo diaframma,
l’involucro della foto
abbeverava metà della tua guancia,
l’efferatezza di una coscia
rotonda come la ferocia
del ventre. Le farfalle
ipnotizzavano sull’altra
ventilando il panneggio e l’atmosfera
sulla narice rarefatta,
l’altra le naiadi annega vano
nella piena.
Ma la cronologia ha irritato il vetro
che ti ferisce e la clessidra
ha distribuito l’inquietudine
atemporanea nella blandizi e
delle tue vesti floreali,
ma la monotonia ce lo consente,
consente ancora di vederle.

*

Il parco

C’è quest’umanità che recita, che irradia
tra le penne piovute sui capelli,
di qualche uccello esotico, la felce
simula foglie e umidità dei boschi,
falsifica le tracce e tu mi cerchi.
L’ombra soccombe, turbina l’eolica,
con il capo sul palmo, Apollo esaus to
dorme irrequieto sui teatri, attende
che l’acqua disorienti la parete.
Guarda, grafita sulle rocce opache
ruota la naiade il suo specchio
ripensandosi luce tra le pietre,
e in cerchi che ogni luce ripercuote
calcarea scuote e modula le conche
al mutamento che le tartarughe
non arenate movimenta.

(altro…)

Fabio Ramiccia, Come l’occhio di Picasso (inedito)

 

Pablo Picasso, Guernica, 1937, Museo Reina Sofia, Madrid

Come l’occhio di Picasso

Una gamba per una testa
su appena giù
sotto l’altra la spalla
dietro il gomito chiuso ad angolo
e giù
le mani lunghissime come zanne ad alzare il canto.

Un elefante agile scende dagli alberi per salvare la sua scimmia
e scacciare la follia come una mosca fastidiosa
che ronza di dolce melodia, nella giungla impenetrabile.

Brucia l’alba delle voci.
Brucia dietro la spalla
sotto la gamba il tesoro
dietro la testa chiude il gomito ad angolo
strozza la strofa un crescendo. Un crescendo.

E là si schiude e là si chiude
e le bellezze che sfiora con le liane basse sono violini.
Come un machete la mano scrive.
Come un solfeggio la bocca cuce le frasi in quattro quarti.
I suoni dietro e i tamburi incessanti
e le cavità e tutti i padri dietro e gli occhi addosso.
La spalla sotto la testa
su ad angolo e
il canto rotto.

 

Così vicina con mani che sembrano di scimmia.
Così vicina da sfiorarla l’eterna.
Così vicina dietro da sentirla, la luce che la investe.

E mangia e mangia e tampona i rami
spossata ed eterna.

© Fabio Ramiccia

©….

FABIO RAMICCIA
(Latina, 27 settembre 1983) Frequenta, fin dall’adolescenza, scuole, corsi e workshop, anche internazionali, di recitazione e regia e partecipa a contest e festival in Italia e all’estero. Viene premiato, nel 2008, a Strasburgo dal Parlamento Europeo e, nel 2009, al Festival Internazionale di Praga. Ora può vantare un teatro tutto suo, “Teatro Spaziozeronove”, ne cura gli spazi e li riempie. Almeno si adopera perché questo avvenga.
Non si accontenta: inizia a scrivere compulsivamente poesie sul suo cellulare, fa ritratti con le parole.
Nel 2016 si laurea in Comunicazione Tecnologie e Culture digitali presso La Sapienza Università di Roma.
Continua a studiare e imparare.

Danilo Laccetti, La luminanza

foto gianni montieri

Danilo Laccetti, La luminanza

*

Nel punto in cui si trova illumina un quadrato; decisamente angusto, a metà tra il termine, piuttosto cupo, d’una rampa sotterranea e un lungo, basso, stretto passaggio di cemento che va a morire nel buio, non sa dove; resta accesa giornate intere a volte; a volte si spegne per ore. Chiunque passi è assai raro che le rivolga lo sguardo; non è malanimo, non crede affatto voglia comunicarle disinteresse o, peggio, disprezzo: svogliatezza, solo svogliatezza. Sulle scale i passi, ora frettolosi, ora annoiati, quando affrontano la lunghezza del corridoio, li avverte nervosi, direbbe quasi spauriti. Un profondo, interminabile silenzio segue.

       Ci sono giorni in cui avverte rumori di cui ignora significato e provenienza: fruscii si prolungano, s’animano soffi, ticchettii in mezzo a rabbiosi sbuffi; interrotti accelerano e di nuovo muoiono. Certi grumi di polvere sono capaci, a un tratto, di vorticare, formare mulinelli, che via via perdono forza, vanno ad adagiarsi da un lato, restando silenziosi per del tempo, salvo all’improvviso riprendere vita per una nuova, oscura forza che li muove. Crepe camminano sulla parete di fronte, brevi, capricciose; in un angolo una screpolatura ampia s’è aperta, lasciando precipitare in terra pochi frammenti di sé. In quel punto rivela una macchia; qualcosa di poco chiaro ha iniziato a gocciolare.

       Una sera eccolo, uno straccio di carta; scarto rugoso, biancastro. Rotolava lungo le scale, cosa fosse, non si sa; uno, due passi, si fermava. Le passò sotto, piroettò; un urto contro la parete e lì è rimasto. Ancora adesso.

       (altro…)

Gianfranco Barcella, inediti da ‘La brezza della sera’

LA CAUSA DISCRETA

Vorrei stare per sempre, magari di sghembo
dentro il mondo ed il suo tempo
e ricreare ogni attimo del presente
con un amore discreto che richiami alla vita
con loschi bagliori d’eternità.

È la coscienza del niente che mi fa agire
contro lo scempio dell’esistente.
È il gran freddo che mi invade le ossa
quel che mi induce a chiedere giustizia,
sperando nella mite sentenza, emessa in clandestinità,
dalle nuove gemme di Primavera,
passata la mesta verità dell’eterno inverno.

 

*

LA COMMEDIA

Il ruolo che ho assunto è quello del docile animale
nella commedia della vita o gioco di prestigio che a nulla vale.

Protagonista è il fedele esercizio nel vivere sociale
che mai si concluderà con l’applauso finale. (altro…)