Una domenica inedita #21: Sergio Daniele Donati

 

L’ebreo si dondola

L’ebreo si dondola,
mentre la palpebra
piega al ricordo,
e il suono
delle litanie
giunge da lontano.

L’ebreo si dondola,
e mette il corpo
nell’onda lenta,
nel flusso dei millenni,
e si concentra
nel punto vuoto
e bianco prima
d’ogni lettera.

L’ebreo si dondola
nell’abbaglio del suono,
nel canto ancestrale,
nella parola aspra,
nel suo nome
che scolora;
nel ricordo
dei sei milioni,
l’ebreo si dondola.

E canta parole secche,
l’ebreo che si dondola,
e invoca la memoria
dalle steppe
dell’oblio,
l’ebreo che si dondola.

E si perde là,
e naufraga
tra le scorie
dei rifiuti e gli ori
degli abbracci, l’ebreo
che si dondola.

 

Davanti alla Parola

Colano dalle mani
olii sacri,
spremiture
del sogno.
E sacro è,
ancora,
il velo
che copre
i volti.
Tace il vento e
così io.
Mi faccio sottile
atomo;
esplode come bisbiglio
nel silenzio
il suono della prima
parola.

 

Chiedi tanto

Chiedi tanto,
dal luogo del
tuo nascondimento,
a un figlio che tacita
lo strazio dell’assenza
e cela,
dietro lettere
salterine,
il suo sguardo
posato
su un vuoto
senza fine

 

La penna sospesa

Tengo la penna
sospesa
tra l’apnea fertile
e il sussulto felice
della creazione:
E piego lo sguardo
un istante solo
sulle parole
non elette,
assorbite
dal terreno fertile
del ritorno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: