Una domenica inedita #17: Patrizia Sardisco

 

Nt’austu, na nuttata

Sèntiri, ‘un s’a firari a fari. Vìriri annarbuliari
arbuli e arma e favara ‘i vattìu
cosiddìu, gràscia, pirdunu
furnicìi ‘i lupu cùpiu, u stessu crìriri

e cchiù jusu fiuràrisi i cristiani nne casi
ruri nne riti, nne linzola ‘i ruètta tuttu nzèmmula
aggigghiati nno scantu suratu r’aùstu

e susu arrè, muntagna voscu scunchiutu ‘i vuci
cu nova vuci mpristata r’u focu
e r’u sciroccu
ntrizzati, vampi e bbentu, pi nchiuìricci l’occhi
com’a na matri ‘i nuddu
aronta, pi struppiare, p’arriddùciri nenti.

Affacciata, ammucciata r’a so’ gnuni cantiàta
mpiricuddannu spardariata na cutri
spirugghiannu u culuri ‘o maluriri
nno mentri a negghia ammogghiava i facci ri pantàsimi
arrassu assuppava fumulizzu e signala
sponza c’un annetta virdi allurdatu ‘i russu
mattula ammàtula c’un s’a fira a stagghiari
né sangu e mancu focu.

Nenti n’arripara r’a notti
annintuàri u scuru ‘un assicuta.
A vuci, eppuru, curri e nnostramenti prèa
e pròi pi ccu veni poi abballarìu ‘i stiarini
u sèntiri ri n’àutra libbirtà, n’avutru star’accura.
Curri pi ‘irisi a ‘rricampari dibbulizza ca curpa ‘un su’
ammucciata ‘ddabbanna assulu
curri a fari lustru
cu lamp’i ferri vecchi eppuru
senz’un pilu ri rìula
e accussì ncutti ca mancu si vìrinu.

In agosto, una notte

Sentire, non sapere fare. Vedere vacillare
alberi anima fonte battesimale
preghiere, lordure, perdono
rovelli di cupa solitudine, lo stesso credere

e più in basso immaginare la gente nelle case
rigida nelle reti, tra lenzuola di colpo come rovi
gelate nello spavento madido di agosto

e su ancora, montagna bosco dissipato di voci
con voce nuova in prestito dal fuoco
dallo scirocco
intrecciati, vampe e vento, per chiuderle gli occhi
come a una madre di nessuno,
per infliggere offesa, ferire, annientare.

Sporta, nascosta da un angolo appartato
rannodando strappata una coltre
dislegando il colore dalla malinconia
mentre la nebbia camuffava i volti delle ombre
lontana assorbiva nella voce il fumo e i suoi segnali
spugna che non pulisce verde sporco di rosso
vana ovatta che non può essere emostatica
né tagliafuoco.

Nulla ci ripara dalla notte
pronunciare il buio non lo mette in fuga.
Pure, la voce accorre e in quel momento prega
porge per chi verrà tremolio di lumini
il senso di una diversa libertà, altra attenzione.
Corre a riprendersi quella fragilità che non è colpa
nascosta laggiù e sola
corre a far luce
con lume di arnesi antichi eppure
senza un velo di ruggine
così addossati da essere invisibili.

 

Jornu ri morti

nfinu a negghia, òi, u fa aronta
nfrusca
i gigghia r’a Muharda
e u so’ niviru novu
sbariàtu
sulu e mpinzeru mari chi si nchiùi

agghiunci e agghiutti àghiru
lassa ‘un attintati

sulità annèa nna cìnniri r’u rui ‘i stu misi
nna negghia e nni l’essiri annurbata
urfanedd’i taliata
nfinu r’a vista abbannunati

Giorno dei morti

nebbia persino, oggi, volutamente
offusca
le ciglia alla Moharda
e il loro nero nuovo
svagato
solo e pensoso mare che si chiude

agguanta e ingoia agro
lascia inascoltati

solitudine annega nelle ceneri del due di questo mese
nella nebbia e nell’esser resi orbi
orfani di sguardo
abbandonati persino dal paesaggio

 

Misi ri morti, na ruminca

Rar’arènzia – arrialari uri ri travagghiu
a nzoccu egghiè stinnicchia o addinocchia
siasi u ròrmiri, a truppicata
o stu iri murennu aràciu, pacinziusu
sutt’a tramuntanella
c’abbucca ‘i latu com’ardìcula ‘addàviru.

Ma’ è vacanti l’ura quannu abbrucia
– a cìnniri nutrìca
a ràrica r’u voscu, vruricatu u scantu
rintra u margiu ru mmernu nno ‘cchianari.

Pigghiari copia r’idda, r’u suppilu
ri cìnniri nfilatu nna minnitta
finu nno sangu biancu e nìviru r’u focu e rintra all’àghiru
r’un tutt’arricapiri – e run’arènzia
‘o scuru sturìa ntinni
comu fussi r’un chianu assulacchiatu.

Mese dei morti, di domenica

Accudire – donare ore di lavoro
a ogni cosa che stende o inginocchia
e sia dormire, l’inciampo
o questo morire adagio e paziente
sotta la tramontana
che inclina l’alloro e le ortiche.

Mai vuota è l’ora quando brucia
– la cenere nutre
la radice del bosco, sepolto lo spavento
nella mota d’inverno che ora monta.

Da lei i paradigmi, dal rigagnolo
di cenere che penetra lo scempio
fino nel sangue bianco e nero del fuoco e nell’agro
di non tutto comprendere – e accudisce
progetta al buio cime
come da un pianoro soleggiato.

© Patrizia Sardisco, dalla raccolta inedita Muharda

3 commenti su “Una domenica inedita #17: Patrizia Sardisco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: