I poeti della domenica #404: Andrea Zanzotto, Dove io vedo (II)

 

DOVE IO VEDO

II

Troppo scarsi occhi per tanta ricchezza,
o cuore troppo lento per tanto amore,
per tutto il sole, mia voce
soltanto umana

Infinito letargo e spasimo,
contestato dominio
– montes exsultastis –
e barbaglio di fiori
più che la mia mente
palpitanti, gemebondi
più che di vita,
fiori che mai l’inverno calmerà
che mai lacrime scioglieranno,
troppo tremore per il mio chiuso corpo

Messa a fuoco è l’ansia nell’augusta
profondità dell’ora nona,
e settembre per sempre
nell’azzurro fruttuosi cieli
apre al genio inquieto del sole.

 

da Vocativo, in © Andrea Zanzotto, Tutte le poesie, Mondadori, 2011

[qui la prima parte]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.