proSabato: Umberto Saba, Scorciatoia su Penna

carlo-levi-ritratto-di-umberto-saba-olio-su-tela
Carlo Levi, Ritratto di Umberto Saba, olio su tela

 

PENNA     L’amabile castità di questo poeta viene dal fatto che egli ci ha dato – senza che né lui né noi lo volessimo – i tanto attesi canti della maternità.

Trovato ho il mio angioletto
tra una losca platea,
fumava un sigaretto,
e gli occhi lustri avea.

Direbbe così (se così sapesse esprimersi) una madre, che ritrovasse, fuggito dalla sua casa, turbato dalla pubertà, il figlio diletto. O, se volete (ma è la stessa cosa) è Venere che parla del fanciullo Amore.

.


da Scorciatoie e raccontini, in Umberto Saba, Tutte le prose, Milano, Mondadori, 2001, p. 46

Un commento su “proSabato: Umberto Saba, Scorciatoia su Penna

  1. Mi piace pensare che Saba è nato esattamente 100 anni prima, è un bel regalo… bello lo spunto dell’articolo.

    "Mi piace"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: