I poeti della domenica #59: Vincenzo Cardarelli, Aprile

cardarelli-poetarum-2

APRILE

Quante parole stanche
mi vengono alla mente
in questo giorno piovoso d’aprile
che l’aria è come nube che si spappola
o fior che si disfiora.
Dentro un velo di pioggia
tutto è vestito a nuovo.
L’umida e cara terra
mi punge e mi discioglie.
Se gli occhi paludosi e neri
come l’inferno,
il mio dolore è fresco
come un ruscello.

© da: Vincenzo Cardarelli, Poesie, Milano, Mondadori, 1942.

2 commenti su “I poeti della domenica #59: Vincenzo Cardarelli, Aprile

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: