Roberto Saporito – Mi ricordo gli anni Ottanta #4 (ultima puntata)

 

 

 the-queen-is-dead-4defd419d8812

Roberto Saporito – Mi ricordo gli anni Ottanta # 4 (ultima puntata)

(Leggi anche le prime tre puntate  #1  #2  #3)

*

Mi ricordo i (miei) migliori film del 1981:

  • “Cristiana F. (Noi i ragazzi del zoo di Berlino)” di Ulrich Edel
  • “Storie di ordinaria follia” di Marco Ferreri
  • “Blues Brothers” di John Landis
  • “Gente comune” di Robert Redford
  • “Shining” di Stanley Kubrick
  • “Ricomincio da tre” Massimo Troisi
  • “Nick’s Movie” di Wim Wenders

Mi ricordo i (miei) dischi migliori del 1982:

  • The Cure “Pornography”
  • Associates “Sulk”
  • Blancmange “Happy families”
  • Marc and the Mambas “Untitled”
  • Simple Minds “New gold dream”
  • Scritti Politti “Songs to remember”
  • Psychedelic Furs “Forever now”
  • Bauhaus “The sky’s gone out”
  • Yazoo “Upstair’s at Eric’s”
  • Wall of Voodoo “Call of the West”
  • Krisma “Clandestine anticipation”
  • Alley Cats “Escape from the planet earth”
  • X “Under the big black sun”
  • The Names “Swimming”
  • Mick Karn “Titles”
  • Roxy Music “Avalon”
  • Siouxsie and the Banshees “A kiss in a dream house”
  • Honeymoon Killers “Honeymoon Killers”
  • Virgin Prunes “If I die, I die”
  • The Clash “Combat rock”

Mi ricordo i (miei) migliori film del 1982:

  • “Anni di piombo” di Margarethe Von Trotta
  • “Blade Runner” di Ridley Scott
  • “Querelle de Brest” di R. W. Fassbinder
  • “Lo stato delle cose” di Wim Wenders
  • “Missing” di Costa Gavras
  • “Cat people” di Paul Schrader

Mi ricordo i (miei) migliori dischi del 1983:

  • Soft Cell  “The art of falling apart”
  • Pink Industry  “Who told you, you are naked?”
  • The The  “Soul mining”
  • Ryuichi Sakamoto  “Merry Christmas Mr. Lawrence” (Furyo)
  • Dave Ball  “In strict tempo”
  • Philip Glass  “The photographer”
  • Violent Femmes “Violent Femmes”
  • Clock DVA “Advantage”
  • R.E.M. “Murmur”
  • Ben Watt “North marine drive”
  • Tom Waits “Swordfishtrombones”
  • Cocteau Twins “Head over heels”
  • Marc and the Mambas “Torment and Toreros”
  • Cabaret Voltaire “The crackdown”
  • John Foxx “The golden section”
  • This Mortal Coil “Song to the siren”
  • Gene Loves Jezebel “Promise”
  • Bill Nelson “Chimera”
  • Yello “You gotta say yes”
  • New Order “Power, corruption and lies”
  • Alan Vega “Saturn strip”
  • Waterboys “Waterboys”

Mi ricordo i (miei) migliori film del 1983:

  • “I ragazzi della 56ª strada” di Francis Ford Coppola
  • “The Hunger” (“Miriam si sveglia a mezzanotte”) di Tony Scott
  • “Furyo” (“Merry Christmas Mr. Lawrence”) di Nagisa Ōshima
  • “Copkiller ” di Roberto Faenza
  • “Zelig” di Woody Allen
  • “Tootsie” di Sydney Pollack

Mi ricordo i (miei) migliori dischi del 1984:

  • Cocteau Twins “Treasure”
  • The Smiths “The Smiths”
  • David Sylvian “Brilliant Trees”
  • Nick Cave “From her to Eternity”
  • Dali’s Car “The walking hour”
  • This Mortal Coil “It’ll end in tears”
  • Dead Can Dance “Dead Can Dance”
  • Violent Femmes “Hallowed ground”
  • Prefab Sprout “Swoom”
  • R.E.M. “Reckoning”
  • Siouxsie and the Banshees “Hyaena”
  • The Cure “The Top”
  • Carmel “The drum is everything”
  • Lloyd Cole and the Commotions “Rattlesnakes”
  • Diaframma “Siberia”
  • Husker Du “Zen Arcade”
  • Echo and the Bunnymen “Ocean rain”
  • And Also The Trees “And Also The Trees”
  • Everything But The Girl “Eden”
  • Sade “Diamond Life”

Mi ricordo i (miei) migliori film del 1984:

  • “Paris-Texas” di Wim Wenders
  • “Rusty il selvaggio” di Francis Ford Coppola
  • “Stranger than paradise” di Jim Jarmusch
  • “Bianca” di Nanni Moretti
  • “La femme publique” di Andrzej Zulawski
  • “Le notti di luna piena” di Eric Rohmer
  • “Il grande freddo” di Kasdan
  • “Koyaanisquatsi” di Godfrey Reggio

Mi ricordo i (miei) migliori dischi del 1985:

  • Jesus and Mary Chain “Psycho Candy”
  • The Smiths “Meat is murder”
  • Sisters of Mercy “First and last and always”
  • Pink Industry “New beginning”
  • Nick Cave “The first born is dead”
  • Neon “Rituals”
  • Robert Wyatt “Old rotten hat”
  • C.C.C.P. “Compagni Cittadini Fratelli Partigiani”
  • Prefab Sprout “Steve McQueen”
  • Dead Can Dance “Spleen and Ideal”
  • Thin White Rope “Exploring the Axis”
  • Death in June “Nada”
  • Woodentops “I will love”
  • R.E.M. “Fables of recontruction”
  • Xymox “Clan of Xymox”
  • Colour Field “Virgins and Philistines”
  • Waterboys “This is the sea”
  • The Cure “The head on the door”
  • Tom Waits “Rain dogs”
  • Tuxedo Moon “Holy wars”
  • The Cult “Love”
  • Out of Time “Stories we can tell”

Mi ricordo i (miei) migliori film del 1985:

  • “Fandango” di Kevin Raynolds
  • “L’anno del dragone” di Michael Cimino
  • “Brazil” di Terry Gillian
  • “La messa è finita” di Nanni Moretti
  • “Another Country” di Marek Kaniewska
  • “Birdy” di Alan Parker
  • “Urla del silenzio” di Roland Joffe
  • “St. Elmo’s Fire” di Joel Schumacher

Mi ricordo quando davanti a una pinta di birra e con tra le mani la mia carta d’identità con su scritto “studente” ho deciso che al posto di studente avrei voluto che ci fosse scritto “libero pensatore” (o qualcosa del genere), e che ci fosse scritto per sempre…

Mi ricordo Diana Est (e la sua “pettinatura”) che canta “Tenax”…mi ricordo che mi piaceva veramente molto quella canzone…

Mi ricordo Giuni Russo (e il suo “sguardo”) che canta “Un’estate al mare”…piccolo gioiello “postmoderno”…

Mi ricordo i (miei) migliori dischi del 1986:

  • The Smiths “The Queen is dead”
  • Nick Cave and the Bad Seeds “Your funeral…my trial”
  • C.C.P.P.  “Affinità-Divergenze fra il compagno Togliatti e noi  Del conseguimento della maggiore età”
  • REM “Life’s rich pageant”
  • That Petrol Emotion “Manic pop thrill”
  • Stan Ridgway “The big heat”
  • Cocteau Twins “Victorialand”
  • Siouxsie and the Banshees “Tinderbox”
  • Diaframma “Tre volte lacrime”
  • XTC “Skylarking”
  • Depeche Mode “Black celebration”
  • Clan of Ximox “Medusa”
  • New Order “Brotherhood”
  • The Housemartins “London 0 Hull 4”
  • The Feelies “The good earth”
  • Kraftwerk “Electric Cafè”
  • The The “Infected”
  • Love and Rockets “Express”
  • Big Audio Dynamite “N° 10 Upping street”
  • P.I.L “Album”
  • Sonic Youth “Evol”

Mi ricordo i (miei) migliori film del 1986:

  • “Subway” di Luc Besson
  • “Betty Blue” di Jean Jaques Beineix
  • “Fuori orario” di Martin Scorsese
  • “Senza tetto né legge” di Agnes Varda
  • “Il raggio verde” di Eric Rohmer
  • “Lola darling” di Spike Lee
  • “Diavolo in corpo” di Marco Bellocchio
  • “I love you” di Marco Ferreri
  • “Mona Lisa” di Neil Jordan
  • “Syd & Nancy” di Alex Cox
  • “Lo zoo di venere” di Peter Greenaway
  • “Hannah e le sue sorelle” di Woody Allen
  • “Down by law” di Jim Jarmush
  • “Round midnight” Bertrand Tavernier
  • “Highlander” di Russel Mulcahy
  • “Il bacio della donna ragno” di Hector Babenco
  • “Camera con vista” di James Ivory
  • “Fratello di un altro pianeta” di John Sayles
  • “Salvador” di Oliver Stone

Mi ricordo Linda Di Franco (sorta di “sinuosa” Sade italiana) che canta “TV. Scene” e “My Boss”…Un bel ricordo…

Mi ricordo la canzone “Da Da Da” cantata dal gruppo tedesco Trio…mi ricordo un piacevole “tormentone”…

Trio – Da Da Da:

Aha, aha, aha!
Aha!
Aha!
Aha!

Was ist los mit dir mein Schatz, aha?
Geht es immer nur bergab, aha?
Geht nur das was du verstehst, aha?
This is what you got to know:
Let you go, it didn’t show.

Ich lieb dich nicht, du liebst mich nicht.
Ich lieb dich nicht, du liebst mich nicht.
Ich lieb dich nicht, du liebst mich nicht.
Ich lieb dich nicht, du liebst mich nicht.

Da da da–da da da
Da da da–da da da
Da da da–Ich lieb dich nicht, du liebst mich nicht.
Da da da–Ich lieb dich nicht, du liebst mich nicht.
Da da da–Ich lieb dich nicht, du liebst mich nicht.
Da da da–Ich lieb dich nicht, du liebst mich nicht.
Da da da–da da da
Da da da–da da da

Ich lieb dich nicht, du liebst mich nicht–Aha!
Ich lieb dich nicht, du liebst mich nicht–Aha!
Ich lieb dich nicht, du liebst mich nicht–Aha!
Ich lieb dich nicht, du liebst mich nicht–Aha!

Soso, du denkst, es ist zu spät, aha!
Und du meinst, daß nichts mehr geht, aha!
Und die Sonne wandert schnell, aha!
After all is said and done,
it was right for you to run!

Ich lieb dich nicht, du liebst mich nicht–Aha!
Ich lieb dich nicht, du liebst mich nicht–Aha!
Ich lieb mich nicht, du liebst mich nicht–Aha!
Ich lieb dich nicht, du liebst dich nicht–Aha!

Da da da–da da da
Da da da–da da da
Da da da–Ich lieb dich nicht, du liebst mich nicht.
Da da da–Ich lieb dich nicht, du liebst mich nicht.
Da da da–Ich lieb dich nicht, du liebst mich nicht.
Da da da–Ich lieb dich nicht, du liebst mich nicht.
Da da da–da da da
Da da da–da da da

Da da da…

Mi ricordo il disco “The age of plastic” (con in copertina un faccione dagli enormi occhiali) dei Buggles…mi ricordo quel disco come la definizione di una “attitudine” assolutamente anni Ottanta…che sono poi gli anni Ottanta che più mi intrigano: “plasticosi”, colorati, ma al contempo clamorosamente creativi e più innovativi di quanto molti possano pensare…

Mi ricordo il disco “The man in black” degli Stranglers…mi ricordo che il giorno in cui l’ho comprato avevo appena terminato la “visita militare” (il primo giorno)…mi ricordo quell’acquisto come una sorta di “risarcimento” per una giornata a metà strada tra il surreale, il grottesco e l’assurdo…mi ricordo come gli Stranglers me l’abbiano in qualche modo “aggiustata” (la giornata)…mi ricordo che il secondo giorno di “visita militare”, per riprendermi da quel “mondo a parte” che era la caserma, ho “dovuto” comprare il disco “Ju-Ju” di Siouxsie and the Banshees…mi ricordo come la musica mi abbia sempre “salvato” la vita, creando sacche di “aria respirabile” quando questa cominciava a venir meno…

 Mi ricordo i (miei) migliori dischi del 1987:

  • The Cure   “Kiss me kiss me kiss me”
  • The Smiths   “Strangeways here we come”
  •  C.C.C.P. – Fedeli alla Linea   “Socialismo e Barbarie”
  •  Jesus and Mary Chain   “Darklands”
  • R.E.M.   “Document”
  •  Husker Du   “Warehouse: Songs and stories”
  •  Sonic Youth   “Sister”
  •  Primal Scream   “Sonic flower groove”
  •  U2   “The Joshua Tree”
  •  That Petrol Emotion   “Babble”
  • Depeche Mode   “Music for the masses”

Mi ricordo i (miei) migliori film del 1987:

  • “My beautiful launderette” di Stephen Frears
  • “Qualcosa di travolgente” di Jonathan Demme
  • “Il cielo sopra Berlino” di Wim Wenders
  • “Maurice” di James Ivory
  • “Full metal jacket” di Stanley Kubrick
  • “Angel Heart” di Alan Parker
  • “”L’ultimo imperatore” di Bernardo Bertolucci
  • “Radio Days” di Woody Allen
  • “Arrivederci ragazzi” di Louis Malle
  • “Le vie del signore sono finite” di Massimo Troisi
  • “Gli intoccabili” di Brian De Palma

Mi ricordo il bel libro di racconti di Edoardo Albinati “Arabeschi della vita morale”…mi ricordo racconti con un “ritmo” inedito…mi ricordo anche il suo primo romanzo “Il polacco lavatore di vetri” ambientato in una stralunata Roma…

Mi ricordo Faust’o e il suo essere splendidamente decadente…mi ricordo il suo essere “vicino” ai migliori Ultravox, al più intrigante Bowie berlinese, al più dandy Brian Ferry & Roxy Music…

Mi ricordo la “caduta” (manco fosse caduto da solo, per colpa che so, di un terremoto, o per “sgretolamento fisico”) del muro di Berlino…mi ricordo le Trabant cariche di persone che da Berlino est si riversavano a Berlino ovest…mi ricordo i volti delle persone increduli, indimenticabili, mai sazi di osservare tutto e tutti…

L’altra settimana ho compiuto 51 anni…mi ricordo quando pensavo che a 51 anni si potesse unicamente essere “già” vecchi…mi ricordo quando nel 1980  pensavo che il “2000” non sarebbe mai arrivato…mi ricordo quando pensavo che il “2000” non era un “traguardo” ma un’ipotesi remota…Cazzo…

Mi ricordo “Vasi cinesi”, il primo libro dello scrittore Andrea Canobbio…mi ricordo un esordio narrativo veramente notevole…

Mi ricordo il gruppo tedesco Xmal Deutschland…mi ricordo la loro musica dark inquietante ma al contempo sorprendentemente elegante…mi ricordo quanto fossero insieme Siouxsie and the Banshees e Cocteau Twins, quanto fossero profondamente “europei” e intelligentemente elettronici…mi ricordo in particolare “Fetisch”, il loro grandioso disco del 1983 e che la loro casa discografica fosse la “mitica” 4 AD…mi ricordo che il gruppo era composto da cinque elementi e che quattro erano donne…

Mi ricordo una bella mostra di Andy Warhol a Venezia…mi ricordo che ero in compagnia di Alessandra e Gianni…mi ricordo che dopo la mostra abbiamo vagabondato per la città (perdendoci e ritrovandoci, come sempre a Venezia) fino alla Giudecca dove ci siamo affacciati in una piazzetta piena di colorati panni stesi…mi ricordo un’immagine bellissima…mi ricordo che siamo rimasti senza parole camminando in mezzo ai panni stesi come se fossimo in mezzo alla cosa più incredibile e magica che avessimo mai visto…mi ricordo che siamo rimasti tra i panni stesi per un tempo enorme, stupiti e sorridenti…mi ricordo quel giorno come uno dei più belli della mia vita…mi ricordo, anche, che Alessandra aveva l’assurda paranoia di attraversare certi ponti per paura di perdere le scarpe…

Mi ricordo “Qualcosa che brucia”, il primo folgorante romanzo di Gianfranco Bettin…mi ricordo quel libro come un formidabile romanzo di formazione a Venezia…

Mi ricordo il disco “The only fun in town” dei Josef K…mi ricordo un suono oscuro come i Joy Division e “chitarristicamente” creativo come i Velvet Underground…

Mi ricordo i Freur che cantano la geniale “Doot Doot”…mi ricordo che quella canzone mi faceva letteralmente impazzire…

Mi ricordo “Jeopardy” il primo strepitoso disco degli inglesi Sound…mi ricordo che era il 1980 e in quell’anno esordivano altri due gruppi “neo-spichedelici” (la stampa specializzata li chiamava così) con un suono simile ai Sound: gli Echo & the Bunnymen col disco “Crocodiles” (ammaliante e magico)  e i Teardrop Explodes con “Kilimanjaro” (psichedelia pura per il cantante “folletto” Julian Cope)…mi ricordo che i Sound erano sì neo-psichedelici ma anche ispirati ed inquieti come i Joy Division…

 Mi ricordo…

*

© Roberto Saporito

4 comments

  1. Giunta al termine di questo viaggio, che ho seguito con interesse e, per ragioni autobiografiche, grande partecipazione, mi permetto di aggiungere un ricordo, che non mi sembra di aver visto menzionato nelle quattro puntate: un concerto (e tutti i video) di Lene Lovich, voce, timbro, piglio che dagli anni Ottanta non ho mai dimenticato.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.