Il sabato tedesco #29: Gertrud Kolmar, Similitudine

“Il sabato tedesco”, rubrica da me curata per Poetarum Silva, prende il nome da un racconto di Vittorio Sereni e si propone di raccogliere riflessioni, conversazioni, traduzioni intorno a testi letterari. La puntata di oggi, 10 aprile 2021, è dedicata a Gleichnis (“Similitudine”) di Gertrud Kolmar, che appare qui in una traduzione inedita. (Anna Maria Curci)

Similitudine

Vizzo il lillà si china in delicato dolore;
Fiero s’infiamma rosso-biancospino nel temporale.

Tra mille ferite sorride insanguinato,
Così è l’amore che da me hai trovato.

Come bianco lillà mite si è a te piegato,
Giù a te ora guarda come rosso-biancospino infuocato.

Gertrud Kolmar

(traduzione di Anna Maria Curci)

 

 

 

Gleichnis

Der Flieder neigt sich welk in zarter Trauer;
Stolz glüht der Rotdorn im Gewitterschauer.

Er lächelt unter tausend blut’gen Wunden.
So ist die Lieb’, die du bei mir gefunden.

Sie beugte sanft sich dir wie weißer Flieder,
Schaut jetzt wie Rotdorn flammend auf dich nieder.

Gertrud Kolmar

(edizione di riferimento: Gertrud Kolmar, Liebesgedichte. Ausgewählt und mit einem Nachwort von Thomas Sparr, Insel Verlag 2010, 11)

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: