I poeti della domenica #452: Alda Merini, Pasqua 1966

 

PASQUA 1966

Se nel sonno mi aggiro e come lepre
cerco ghermire tutto il caprifoglio,
se mi sento di cerchi arroventata
come una selva, allora penso al frutto
di una notte d’more e mi domando
come mai possa germogliare spiga
da sì lungo tormento, e se mi cerco
trovo te solo alle porte…
Così dell’inferno
gusto i tormenti e non averti appieno.

 


© Alda Merini, in La terra santa, Milano, Scheiwiller, 1984.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: