I poeti della domenica #424: Carlo Betocchi, Campobasso-Salerno

CAMPOBASSO-SALERNO

Il Sannio era ricco di querce
poi cominciarono i noccioleti
dell’Irpinia: e sempre tra i monti.
Ingiallivan le stoppie e le saggine

nei campi; le viti vendemmiate
festeggiavan la morte, con quel loro
cuore a pampini, sventolante.
Ed io tra la morte e la viva salute

del mio viaggio, nel pigro andare di stazione
in stazione, mi staccavo come
una corteccia dal vecchio tronco,
lasciavo che l’anima cedesse,

nel sole d’ottobre, a scaglie, come
corteccia di pino, all’intimo odore
del suo mutarsi in aria balsamica,
finché dai monti sboccai sul mare.

 

Carlo Betocchi, da L’estate di San Martino, Arnoldo Mondadori Editore I edizione maggio 1961, III edizione marzo 1978, pp. 115-116

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: