I poeti della domenica #241: Armanda Guiducci, Uomo

 

UOMO

Altro da me in tutto… maschio, estraneo,
altra carne, altro cuore, altra mente,
pure, il mio stesso corpo prolungato,
la voce che si sdoppia, e mi continua:
ciò che si oppone, e ciò che mi compone
come un discorso teso, mai concluso,
o l’altro occhio: il raggio che converge
al rilievo, allo scatto delle cose −
mio necessario opposto, crudele meraviglia
è amare te: godere di due vite
in questa sola, avere doppia morte.

© Armanda Guiducci, in Poesie per un uomo, Mondadori, 1965

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: