I poeti della domenica #115: Thomas Bernhard, ‘La pietra racconta dei peccati’

SCHEDA Thomas BERNHARD

24

La pietra racconta dei peccati
tra il fuoco dell’isola
e il declino della notte.

Chi è al sicuro è avvolto
una veste di gloria attorno alla sua carne
e custodito il miele dei morti
nel suo duplice petto.

Dietro l’erba e dietro la città
che trema di pensieri
dormono i timidi fanciulli,
sognano i cani neri
che mi atterriscono nel primo aprile.

La pietra racconta dei peccati
tra il fuoco dell’isola
e il declino della notte.

*

Der Stein spricht von Sünden
Zwischen dem Feuer der Insel
Und dem Scheitern der Nacht.

Die Geborgenen haben ein Kleid
aus Ruhm um ihr Fleisch gewickelt
und den Honig der Toten
in ihrer zweifachen Brust verwarhrt.

Hinter dem Gras und hinter der Stadt
die von den Gedanken erzittert
schlafen die scheuen Kinder,
träumen die schwarzen Hunde
die mich heimsuchen früh im April.

Der Stein spricht von den Sünden
zwischen dem Feuer der Insel
und dem Scheitern der Nacht.

© Thomas Bernhard, Sotto il ferro della luna (Unter dem Eisen des Mondes. Gedichte), traduzione di Samir Thabet, Crocetti editore, 2015.

Nota editoriale

La traduzione si basa sull’edizione del 1991: Thomas Bernhard, Gesammelte Gedichte, herausgegeben von Volker Bohn, Suhrkamp, Frankfurt 1991. Pertanto, questo testo vuole essere nel contempo un omaggio al noto germanista Volker Bohn, spentosi il 5 luglio 2014.
Si è preferito qui dare un numero alle liriche, seguendo l’ordine in cui esse compaiono nel suddetto. Nell’indice si cita il verso incipitario delle liriche originali e delle traduzioni. (p. 7)

Poesia scelta da Martina Mantovan.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...