Poeti della domenica #27: Paola Masino, Al Padre

paola-masino-poetarum
Ritratto di Ghitta Carrell, 1930

Al Padre

In te, petrosa quercia,
per noi che sue bacche chiamava?
o in questo faggio? o leccio?
o in quel rugoso olmo
di cui sàmare
fummo?
O forse in ogni arbusto,
tralcio, filo d’erba, fiore;
forse in estraneo cielo
nell’ondulosa palma;
in fondo al mare
alga?
Riconsegnato dalla morte al tutto
e in me tua figlia come figlio posto e nella donna dal cui grembo alla vita dell’uomo mi traevi,
non in noi morto,
padre,
dove ti nascondi o sveli?
Se ci volgiamo verso te, ci vedi?
Odi, se ti chiamiamo?
Quando in sogno ci teniamo per mano
sei tu avvinto là dove ti muovi?
Ancora
io cerco in te dimora. E tue le palpebre al mio dormire voglio;
e la tua fronte, tetto;
e i panorami del tuo cuore, unica terra.
Uomo, guardavi sempre al cielo, e:
– Vedi –
narravi – quanti vascelli rosa
per quel mare. Vanno e con loro
va la vita, fino a sciogliersi in pianto. –
Quanto, quanto pianto da noi
e lacrime dal cielo su te
pietra.
Nella pioggia sepolto, forse con lei disciolto
per le vene del mondo,
negli alterni bagliori del sole e della luna,
linfa di qual creatura,
quale creatura, o il tutto, invocheremo padre?
Senti tu almeno universale dove, imperituro quale, dentro noi affannoso rincorrere memorie?
e darti un corpo in quel che tu per noi
corpo alla felice vita vestivi?
Senti?
Nei tuoi fiati ignoti è il respirare fosco
di noi che, vive, usiamo il tuo soffio mortale. Nutrirci in te ancora e nutrirti per sempre
in una, più ostinata della morte, amorosa rapina.
– Sento –.

da: Paola Masino, Poesie, Milano, Bompiani, 1947.

Un commento su “Poeti della domenica #27: Paola Masino, Al Padre

  1. Considero questa poesia un regalo per me che oggi piango il trentacinquesimo anno dalla morte di mio padre. Grazie per averla pubblicata proprio oggi.

    "Mi piace"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: