Sergio Racanati, Tre poesie inedite

Sergio Racanati, “sospensione”, 2021, courtesy l’artista e CAPTA (centro arte territorio paesaggio ambiente)

 

NON HO PIÙ NULLA DA DIRE

un proliferare di opinionisti
depositari di una qualche verità
affastellano i cori umani
in solitaria connessione

il visibile/invisibile
nuovo
– già consumato nella sua immagine –
amico/nemico
fa rabbrividire pure
il Settimo Sigillo di Bergman

determinazione semantica
cristallizzata

do parole
– oggi più di ieri –
sepolte sotto la cenere degli ulivi
una Via Crucis sospesa
sospetta
alterata
riformulata

non ho più nulla da dire
controluce
– meglio in controcampo –
la figura di mio padre
si scaglia sulle deboli fiamme
del camino domenicale

fuori
– sì fuori scena –
mia madre
sul terrazzo
insegue le feline orme domestiche
squilla invano il telefono

qui nessuno dorme

i fili appesi – sospesi –
parole tagliate
risuonano nelle stanze
come violini senza corde

i rigagnoli
– ormai svuotati –
continuano a
scavare i volti
della platea dell’umanità

22032020

 

PER UN SUO RITRATTO

si arrotola
e srotola
il manto di genziane
puntinato di perle di pepe

le papille
godono
dell’amaro
e del piccante
al doppio meccanismo
di andata e ritorno

e sulla ripetitività
del gesto
vuoto prima
pieno dopo
l’attesa contratta
si fa fluidità

sgorgano le lacrime
rigenerare
di Venere
un tempo malmostosa
ora
Signora del Parnasso

01072020

 

CHIAMAMI ANCORA

ti ricordo in un abbraccio sospeso
nella tua ombra fuggente
si addensa un oscuro grigio pianto
illuminato di silenzio

le nostre malattie
si fondono
si modellano
si plasmano
si calmano

la polvere d’oro riveste
il tuo fossato
digiunasti delle mie emozioni
rifugiandoti tra l’alito anaffettivo
dei seni materni
mai esperiti
e le braccia protettrici
di beccacce mitragliate
di tuo padre
più presente nella rubrica telefonica
che nello scorrere acido
delle tue fantasie vitali

ultimo incontro
primo ricordo
fiocchi di neve
sul tuo volto asciutto

gremito di parole
il cielo componeva
sinfonie per noi due
sordi

le vele sciolte
tra le pesanti acque disegnavano
dinamiche processuali
del nostro pellegrinare

mi perforasti di urla
mute
strappandomi le carni
come le cornacchie
tra le discariche di Belleville

in fondo in fondo
al tuo zaino
ci sono ancora i miei calzini
abbiamo – anche –
dormito insieme
quella notte
tra un’autostrada vuota
e due cuscini attentatori

125 telefonate
senza risposta
mie
tue
noi due
parlavamo
alla storpia Luna
e la puttana Venere
rispondeva

20042020

 


La ricerca artistica di Sergio Racanati (Bisceglie 1982) si sviluppa all’interno della moltitudine di relazioni, idee ed esperienze volte a generare connessioni con il materiale fragile dell’umanità, affrontando la questione degli spazi del sensibile, dei processi comuni e comunitari. In questo quadro la sua pratica guarda alla sfera pubblica e agli immaginari collettivi come luoghi di indagine privilegiati. Questo spiega perché Racanati riesca a far confluire la sua arte su più versanti: performance, scrittura, cinema, sound, fotografia; tutti volti a mettere in crisi il pubblico nella sua fruizione che diviene momento fondamentale di confronto e di ulteriore formalizzazione dell’opera/processo.
Tra le diverse residenze artistiche a cui l’artista ha partecipato si segnalano quelle presso: Museo Pino Pascali/Polignano a Mare (2014); Harvard University a cura di Marcus Owens (2013); Edge Zones Foundation, Miami 2013, a cura di Charo Oquet, promossa da GAI – Associazione Giovani Artisti Italiani e Ministero dei Beni e delle Attività Cultura e del Turismo (Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane).

3 commenti su “Sergio Racanati, Tre poesie inedite

  1. Pingback: Sergio Racanati, Tre poesie inediteTalkwalker Alert: 50 results for [turismo] – Canil Viaggi

  2. affastellano i cori umani
    in solitaria connessione
    fa rabbrividire pure
    il Settimo Sigillo di Bergman
    sepolte sotto la cenere degli ulivi
    una Via Crucis sospesa
    si scaglia sulle deboli fiamme
    del camino domenicale
    scavare i volti
    della platea dell’umanità
    il manto di genziane
    puntinato di perle di pepe
    al doppio meccanismo
    di andata e ritorno
    la polvere d’oro riveste
    il tuo fossato

    "Mi piace"

  3. … mi è partito incompleto… È un piccolissimo compostaggio dai versi qui proposti di Sergio Racanati. Un live kitsch di versi spontaneamente veri. Un caro saluto.

    Grazie Poetarum.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: