I poeti della domenica #473: Gabriela Fantato, figlia di un giorno

 

figlia di un giorno

la bambina siede all’incrocio aperto
ai tubi profondi e gocce salate
siede al silenzio intubata
appesa in un filo di zucchero
(il lupus le ha preso la faccia
quella tonda piega-bambina
mentre si gonfia il cervello di stelle)

resta soltanto una madre a cantare
la notte, inventando acini dell’uva
matura come l’estate di allora
come l’arte antica che fa
lotta e amore ricomposti in carezza
e forse qualcuno nel letto sul fondo
le vede le lucertole veloci
al ciglio di quel viaggio salato
traiettoria sottile o rimbalzo di tempo

 


© Gabriela Fantato, Moltitudine (poche storie certe e numerate), in Poesia contemporanea. Settimo quaderno italiano, Marcos y Marcos, 2001, p. 99

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: