I poeti della domenica #395: Roberto Lamantea, Se la dolcezza è delicata mimosa

 

Se la dolcezza è delicata mimosa
la ferita sanguinerà quarzo,
la memoria oscillerà da rèsine e cere.
La bellezza si specchia in pugnali d’oro.
L’alba gelata, le rose selvatiche,
i cardi velenosi lo sanno.
.

31-XII-1978 ore 21.35

 

Roberto Lamantea, in Xilofonie, 1994

One comment

  1. Quasi per anamorfico cambiamento di stato, ontologico e fenomenico, Roberto Lamantea fa sì che l’inanimato si animi, il liquescente emani solidità, la storia sia nei sigilli che hanno sancito l’autenticità dei documenti licenziati, il passato abbia lasciato la sua impronta, la sua molle, indelebile traccia nella cera che trattiene l’ombra proiettata un tempo. La parola che, a seguito della sua stessa emissione, ha inciso, è stata raccolta nel segno, ha mutato il corso degli eventi. La natura, o meglio una sua crestomazia che registra il dolce languore della rosa e la puntuta asperità del cardo, lo sa, ne è consapevole come se cardo e rosa fossero nati dalla stessa terra che è il frutto della millenaria sedimentazione antropica e di quella sedimentazione si nutra da sempre. Una scelta intelligente, un brano poetico lirico ed erudito nel contempo.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.