I poeti della domenica #359: Gabriella Leto, Io so che cosa è il male

Gabriella Leto
18 marzo 1930 – 19 maggio 2019

 

Io so che cosa è il male
il suo affondo spietato
il calcolo venale
di violenza e di frode
e il suo perversare.
Ma il peccato – che muta
nei tempi e nelle mode
le sue passioni amare
non so che sia – lo ignoro
certo è vita vissuta
forse senza decoro.

 

da Aria alle stanze, Einaudi 2003

3 comments

  1. Umana e profonda la considerazione secondo la quale il male affonda nella vita e nella carne. E’ più subdolo e presente più di quanto non si creda, più di quanto non si sospetti. I fatti di cronaca, su vicende pubbliche e comunitarie così come in riferimento a questioni private, lo ribadiscono. Il tradimento di un amico, il non essere davvero amici, millantando con volto sereno e pacificato, solidarietà e compartecipazione, lo ribadiscono.
    L’azione dell’ignorare il peccato, che muta e si evolve senza decoro, e l’espressione che l’accompagna sembrano assumere in questi versi un senso ambivalente. Nel contempo potrebbero costituire la dichiarazione di un intento, quello di astenersi dal peccato, oppure il non riconoscere il peccato come forma reiterata di compimento del male. Il velo dell’ambiguità rende ancor più accattivante la lettura benché renda condivisibile o non condivisibile il senso delle affermazioni.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.