Tre inediti di Andrea Astolfi

Dalla raccolta inedita Abbiamo visto un film

.

Ti ho tenuto la mano stretta
ti ho passato la bocca sulla faccia
come i cani col gelato del padrone.
Desideravo aprirti presto le gambe
ficcarci potente
dentro e tutto
tutto me.
Poi siamo usciti.
Bevevamo in un posto
che ti piace tanto.
Ti ho scattato una foto quella sera.
Sorridi piano, ti copri la bocca
con la mano bianca
come quando
con la mano prossima venivi alle labbra belle.
Ma che tempo infame a dividerci
che voracità a sbranarci caldi, vivi.
Ora guardo la foto
e scrivo una poesia. Verrà la peste
come con il tempo,
moriremo
saremo sepolti.

*

.

Ti ho baciato
nel vento ti ho preso
in un abbraccio siamo stati, un bacio
senza nome. Ci attendeva
una mattina in un bar
la lunghezza di un’autostrada
che porta lontano, il cuore
di una città vuota e sola,
le porte di una stazione sporca
nel sole di agosto.

*

.

La stanza bianca, la finestra
sul mare, i versi dei gabbiani.

.

© Andrea Astolfi

 

Andrea Astolfi è nato nel 1990. Sue poesie sono presenti nella Raccolta Pubblica di Poesia (Tempi Diversi 2015; 2017), in Charlas (Tapirulan, 2017) e in Arcipelago Itaca blo-mag (Arcipelago Itaca, 2018). Voce e cofondatore del progetto musicale Personne, con all’attivo l’album Inverso (Autoprodotto, 2016).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.