‘No go dito gnente. Quatro conti de Venessia’ di Jason Francis Mc Gimsey

No go dito gnente. Quatro conti de Venessia di Jason Francis Mc Gimsey, Venezia, Supernova Edizioni 2018, pp. 80, € 10,00

da El BAtéximo

Ai Tre Archi el sluxor de ła matina se rifleteva sora łe aque de ła laguna ne ła aria fresca de novembre. Vardavo fora dal quarto pian al sol che sorxeva łimpido e spiravo el ultimo tiro de ła mé cica. Muran dormiva tranquiła in controłuxe tra el siel e el mar. Gera soło łe sete e mexa, ma mi gero in piè xa da tre ore: i sgombri i se fa sempre presto, massa presto. Łe pastine gera xa finie da un boto. Gerimo restai in dó in cuxina, i altri compagni xo a spetar che rivasse più łe pissete che ła połissìa.
“Ma porcocan Tommi, ti ga visto sta roba?” El Vecio sbateva łe pagine de ła Nuova su ła toła, incassà nero. “Sti qua i ga magnà come de i porsełi da ła scarseła de nialtri!”
“Cossa? ’Peta, fáme védar.” Go stuà ła cica e me sò girà par butar un ocio a che casso el se łamentava. El Vecio se lamentava sempre.
“Varda qua, varda…” el ga dito col déo drito.
Go dà na vardada al trafiłeto. Se parlava de ła dełegassion Nato in visita in sti jorni passai: łori i gaveva magnà un pranso de łusso servìo Da Celeste, un agriturismo nel trevixan.
“Ma ‘łora, el sior presidente Galan ga usà i fondi publici de ła region Veneto par pagar na beła magnada par tuti i dełegati de ła Nato?”
“Beh, xe scrito cussì o no?”
“Sì, xe scrito cussì.”
“Łora xe cussì: xe ła Nuova, no xe miga uno de i tó łibri de poesia, ciò,” El Vecio ga sbufà co ła sołita arogansa.
“Varda, Vecio: łassa star ła poesia che xe sempre mejo de chełe putanae su ła revołussion che ti lexi ti…”
Come no gavessi dito: “Eh, se vialtri xiovani che no gavè capì un casso de gnente de storia.” Sbatendo el pugno contro el peto, el ndava vanti sempre più incassà : “Niatri, ne i ani Setanta, gavaressimo spaca el cuło a sti połitici de merda! Varda che a l’epoca nialtri gavemo fato…”
No ghe ne podevo più.
“Vabé, vabé: go capio, go capio. Gera mejo quando se stava pexo e no se fa ben come na volta… Gavemo xa sentìo sto discorso, più volte anca, grassie.”
“Beh, intanto ti ga da portarme rispeto ciò. Dopo, se ti ło sa xà, ‘łora parché sti qua i ne ciapa anca par el cuło?”
“Ma cossa ti dixi?”
“Beh, finissi a łexer l’articoło almanco.”
Go łeto altre dó righe: Nel tardo pomeriggio termineranno i lavori parlamentari, e il Lido verrà lentamente abbandonato dai protagonisti di questo vertice e dall’imponente servizio d’ordine che ha visto il no stro paese schierare sull’isola quasi tremila tra agenti e militari per garantire la sicurezza. «Venezia città di pace accoglie anche questo momento di discussione sulla sicurezza internazionale – ha detto ieri il sindaco Paolo Costa parlando dell’assemblea della Nato – ma qualcuno cerca di costruirsi un nemico per affrontarlo: è bene che se ne occupino le forze dell’ordine». Il riferimento ai No Global e ai Disobbedienti appare chiaro.
“Ah ben, invesse de criticar łe guere de Bush anca el sindaco dixe che sarìssimo nialtri i faxinorosi da copar a bastonae? Ma diobon, in che mondo semo?” go comentà dopo gaverlo łeto.
“Ghe sboro: semo qua a far łe baricae par un buxo de casa ocupada e staltri guerafondai, łori i magna gratis,” el ga inclinà ła só carega contro el muro co ła pansa fora, “no xe justo, ciò!”
Có el xe rivà a ła fine de ła frase, go sentìo un casìn de ła madona dessoto. Tuti i compagni gridava come se fusse ła fin del mondo.
“Merda! I xe rivai!” go dito.
“Diobon, ło savevo,” el Vecio se gera alsà in pìe, “a łe armi,
compagni!”
“Ma che armi? Ti xe mato!”
Ma łu no me scoltava, ne ła só testa el gera xa sora łe baricae de ła Comune de Parigi.
“Qua no passerà nessuni! Morte al fascio!”
“Ma ti ga serà ła porta almanco?” Sercavo de èssar un fià pratico.
“Ciò, no ti ło ga fato ti?” el me ga dito, confuso.

Jason Francis Mc Gimsey (1981) è uno scrittore e traduttore americano nato a Walla Walla nello stato di Washington degli Stati Uniti. Dopo aver conseguito la laurea in filosofia, ha girato il mondo per poi finire a Venezia, dove ha imparato l’italiano e il dialetto veneto. Successivamente ha studiato traduzione a Trieste. Attualmente vive a Parigi dove insegna letteratura americana ed è il coordinatore del collettivo poetico-artistico Paris Lit Up. Oltre alla sua attività letteraria, ha pubblicato numerosi saggi e traduzioni con case editrici come Princeton University Press, Cambridge University Press, Semiotext(e) e Manifestolibri.

 

Il libro è disponibile qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.