I poeti della domenica #113: Guido Ceronetti, Egon Schiele

egon-schiele-torso-nudo-inginocchiato1919-collezione-priovata

Egon Schiele, Torso nudo inginocchiato, 1919. Collezione privata.

EGON SCHIELE

Che cosa umano riservi a uno stile
Vedilo in tutte le prove di Schiele.

Come abbozzi le lettere troncate
Da un improvviso gelo della vita
Segui la ruota dei segni spezzati
Sulle carni scrutate o travestite.

Divaricate o unite
La gambe grande vaso lacrimale
Che sulle idee del ritmo e della luce
Si muovono per specchio delicato,
Sigilla fronte di malinconia
Tra inguini, un bel viso da ritratto:

Esecutore suo, vivi nel tratto
Che quelle luci basse fissò e visse
Più umano di ogni altro.

 

Guido Ceronetti, Egon Schiele, «Paragone Letteratura», Anno XXI, n. 244, Giugno 1970.

One comment

  1. Da non crederci. Proprio ieri sera, mentre dipingevo per svago un acquerello, ho pensato a Schiele. Che bella coincidenza leggerlo rivelato in questa splendida poesia del grande Ceronetti!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.