I poeti della domenica #101: Cesare Garboli, Poesia scritta per Paragone

cesare-garboli3

POESIA SCRITTA PER PARAGONE

Tra l’una e l’altra giovanile disattenzione
una cosa o qualcosa era importante
prima che ci confondessimo in quel gioco crudele.

E che le nostre braccia erano grandi e leggere
fintanto che ce le dimenticavamo
crescere verso il soffitto come in un Veronese.

Ma poi si vede che non ero fatto
per essere come lo ero per vivere (è una colpa e piace
dirlo in questi anni mischiati di tutto e di colpe nessuna).

Ma io credevo! Ma io pensavo! Ma io cantavo per i corridoi
pieni gli occhi di quelle Sacre Conversazioni
tra gli angioli con le dolci ali viola di bestia

e la veduta in fondo della campagna e del borgo
a un passo dalla miseria e da San Girolamo
con la ciotola il libro e il leone

prima che ci venissero addosso le ricerche espressive
le tenebre i capelli piumati e poi tutta quella
oleosa drammaturgia che pure si vende e abbiamo acquistato.

© Cesare Garboli, Poesia scritta per Paragone, in «Paragone», Anno XX, Numero 236, Ottobre 1969.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...