Flashback 135 – Riassunto

Cronaca del viaggio in una terra sconosciuta tra immagini e parole

Cronaca del viaggio in una terra sconosciuta tra immagini e parole

26

Ci sono ricordi che si ritrovano e altri che si perdono, quasi per esclusione. Si cambia di posto, si incontrano nuovi volti e si ripetono le stesse parole. Alla fine, dopo qualche mese, si torna a letto con un ricordo diverso da quello che si credeva. È un lavoro che viene fatto in maniera lenta, artigianale, con lo scorrere del tempo; tu, nemmeno te ne accorgi. Racconti sempre la stessa storia fino al giorno in cui senti che qualcosa è cambiato, che c’è dell’altro. La voce inizia a escludere dei nomi, ne aggiunge altri. Sostituisce alcune piccole parole e cambia le carte in tavola. Tu, distratto dalla storia, inizi a credere a qualcosa di nuovo. Fino a quando, parlando con un tuo amico, scopri che tutto cambia. Le strade, i giorni e i tuoi ricordi.

© Marco Annicchiarico

Leggi dal primo flashback     –     Leggi il flashback precedente     –     Leggi il flashback successivo

One comment

  1. …accantonando entropia.In questo caso sono un pugno allo stomaco quelle due sedie in plastica bianca. Già, tutto cambia e si trasforma. Dovremmo pur far attenzione a quello che ci viene proposto in sostituzione. Due sedie in pietra, due grossi massi avrebbero fatto la differenza, ma ahi noi! nelle trasformazioni perdiamo sempre.Comunque riflettiamo, riflettiamo
    sempre. Grazie.

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.