Categoria: recensioni

‘È una raccolta fervorosamente disperata’: Massimo Morasso racconta ‘Testimoni’ di E. Franceschetti

  È una raccolta fervorosamente disperata, questa di Emanuele Franceschetti, Testimoni (Aragno, Torino 2022). Un piccolo libro da leggere e rileggere quando si è ben disposti a uscire dal tempo della durata serena, per camminare al fianco di un pensiero aperto con veemente, tremebonda intelligenza alla… Continua a leggere “‘È una raccolta fervorosamente disperata’: Massimo Morasso racconta ‘Testimoni’ di E. Franceschetti”

Le venti giornate di Torino: l’inquietante romanzo dimenticato di De Maria

Giorgio De Maria, Le venti giornate di Torino Un inquietante romanzo dimenticato a cura di Giulia Bocchio Ho scoperto questo libro, Le venti giornate di Torino (edizione Frassinelli), di Giorgio De Maria, circa tre anni fa, fu un’agenzia letteraria a consigliarmelo.Stavano valutando il mio, di… Continua a leggere “Le venti giornate di Torino: l’inquietante romanzo dimenticato di De Maria”

Una lacrima di zolfo: Giuseppe Martella racconta ‘Zebù Bambino’ di Davide Cortese

Zebù bambino (Terra d’ulivi) di Davide Cortese, è tutto un programma, fin dal titolo e dalla birbonesca, indovinatissima immagine che si trova in un post dell’autore su Facebook per diffondere il libro (e che sarebbe stata perfetta come copertina), che mostra un bebè con tanto di… Continua a leggere “Una lacrima di zolfo: Giuseppe Martella racconta ‘Zebù Bambino’ di Davide Cortese”

Tramontare: tu continua a masticare la pecora (a cura di Giulia Bocchio)

Tramontare, edito da Minimum Fax, è l’ultimo romanzo di Andrea Gentile.Un romanzo diviso in due parti, due pilastri tipici dell’esistenza e che si reggono sulla stessa incertezza di gambe: infanzia e vecchiaia, nel mezzo – in quello che alle elementari veniva chiamato “svolgimento” –… Continua a leggere “Tramontare: tu continua a masticare la pecora (a cura di Giulia Bocchio)”

Mario Praz: Voice Centre Stage (Nota di P. Deplano)

«Poche figure riescon così meschine come quella dello scopritore di fonti, quando costui si manifesti sotto specie di spennacchiatore di corone di lauro. Come v’è una dosimetria pei punti di profitto degli scolari, così, secondo certuni, vi sarebbe una dosimetria circa l’attribuzione delle foglie… Continua a leggere “Mario Praz: Voice Centre Stage (Nota di P. Deplano)”

Maria Borio, “Dal deserto rosso”. Nota di Davide Toffoli

Maria Borio, Dal deserto rossoStampa 2009, 2021 Nota di Davide Toffoli «C’è qualcosa di terribile nella realtà, e io non so cos’è. Nessuno me lo dice», esclama Monica Vitti nel 1964 nei panni di una tormentata Giuliana, protagonista del film Deserto rosso di Michelangelo… Continua a leggere “Maria Borio, “Dal deserto rosso”. Nota di Davide Toffoli”

Bianca Battilocchi, “Herbarium Magicum”. Nota di Alessandra Trevisan

Bianca Battilocchi, Herbarium MagicumAnterem Edizioni 2021 Alla ricerca del canto e dalla ricerca di un canto muove la cifra poetica di Bianca Battilocchi. Il luogo da cui provenga l’aggettivo “magico” nel suo Herbarium Magicum (Anterem Edizioni 2021) pare annunciarsi: un tempo arcano, che costruisce… Continua a leggere “Bianca Battilocchi, “Herbarium Magicum”. Nota di Alessandra Trevisan”

Pier Franco Uliana, Corrispondenze dal roseto boreale (rec. di Maria Lenti)

Pier Franco Uliana, Corrispondenze dal roseto boreale Prefazione di Ivan Crico Le Voci della Luna-Qudulibri 2021 Constatazione e non giudizio: la poesia italiana di almeno due decenni sembra ancorata a esperienze e passioni quotidiane prese con serietà da chi le narra e gira attorno… Continua a leggere “Pier Franco Uliana, Corrispondenze dal roseto boreale (rec. di Maria Lenti)”

Francesco Giusti, “Vivere di patate”. Nota di Annelisa Alleva

La prova del mare A lei, alla notte,          la sorvolata da stelle, l’inondata di mare,          a lei nata dal silenzio, […]           Paul Celan, da Argumentum e silentio L’ultima raccolta di poesie… Continua a leggere “Francesco Giusti, “Vivere di patate”. Nota di Annelisa Alleva”

Roberto Lamantea, “Uno strappo bianco”. Nota di Alessandra Trevisan

Roberto Lamantea, Uno strappo biancoInterno Libri 2021 Iniziare dal titolo, e camminare subito dentro residui di altre lingue, non sarà improprio per leggere l’ultima raccolta di Roberto Lamantea, Uno strappo bianco (Interno Libri, 2021). Se si cerca l’etimologia di “strappo”, infatti, si scopre che… Continua a leggere “Roberto Lamantea, “Uno strappo bianco”. Nota di Alessandra Trevisan”

Riletti per voi #34: Enzo Striano, Il resto di niente

Enzo Striano, Il resto di niente Mondadori 2016 (prima edizione Loffredo, Napoli 1986) Nella Nota dell’autore, Enzo Striano precisa che Il resto di niente è un romanzo «storico», non una biografia, né una biografia romanzata di Eleonora De Fonseca Pimentel, figura storica legata alle… Continua a leggere “Riletti per voi #34: Enzo Striano, Il resto di niente”

Con il lapis #13: Ksenja Laginja, Ventitré modi per sopravvivere

Con il lapis#13* Ksenja Laginja, Ventitré modi per sopravvivere Nota introduttiva di Alex Tonelli Kipple Officina Libraria 2021   * Con il lapis raccoglie brevi annotazioni a margine su volumi di versi e invita alla lettura dell’intera raccolta a partire da un componimento individuato… Continua a leggere “Con il lapis #13: Ksenja Laginja, Ventitré modi per sopravvivere”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: