Gabriel Del Sarto, Poesie da “Tenere insieme”

 

IN CASA, NEI DURI FREDDI

There are imperfections
but a music overlays them
W. Carlos Williams

Ho questo caffè d’orzo, caldo, con molto zucchero.

La devastazione dell’autunno ci colse
in dolcissimo pre–maman: latte e miele
prima di dormire, ma ancora svelta e bianca,

buona all’amore. Poi nella cruda
natalizia meraviglia all’Amabile ci muore
l’Adelmo. Alpino e contadino l’Adelmo – e lei
quel mercoledì mi ha chiamato
per regalarmi un uovo delle sue galline,
come sempre, vecchia e immensa moglie,
che molto ha patito e donato, ed il pianto (quel pianto
che ho visto) mal trattenuto, inconsolabile,
di bambina – una sola
settimana
ed erano sessanta, una vita
dedicata.

zabaione per colazione nella quiete del giovedì mattina.

*

L’orzo caldo
vorrei berlo di nuovo, a piccoli sorsi, e parlare
della mia pretesa di formare paesaggi,
per lo più colline tranquille e pienezza di pace (una pace
che esiste di padre in figlio),
.                                           come tendendo al cristallo
al perfetto sole di maggio.

Le vicissitudini: come fece irruzione la sontuosa estate
sulla più tenera fioritura
e altitudini
.              e scoprire un’illuminata
.                                                           radura
per poterci ricredere, ogni giorno,
che Egli visiterà la sterile,
che ci condurrà ad erbosa pastura.

Ho le sconfitte, e questa notte con le sue fatiche: intorno
ci sono imperfezioni,
ma una musica – una benedizione – le ammanta.

 

 

MICROCLIMA

Certe domeniche mattina col sole, così facile
innamorarsi, alzandosi sul tardi,
magari in aprile
o nelle improvvise variazioni primaverili
dell’ultimo febbraio.
.                             Sono questi cieli insuperabili
a condizionare le nostre menti – le foglie
in questo viale lungo, le carte
nei vasi grossi del comune, di legno – sul confine
delle Alpi quasi azzurre, e la neve di ieri notte
ci fa parlare, si sentiva che sarebbe caduta.
Se venisse sulla città sulla spiaggia
come nell’ottantacinque, le scuole
chiuse, l’irrealtà del tutto – altre disperazioni.

. . . . . . .

Arrivano piovaschi sul tardi nei viali che s’allagano
facilmente e la sera
spesso s’incontra una nebbia burrosa
come fossimo nel parmigiano. ne conseguono
malesseri, occhiaie, a fatti
.                                            così repentini,
e poi le dannose mareggiate, ma anch’esse
con la loro misteriosa violenza anch’esse
sono un qualcosa che ci deve essere.

 

© Gabriel Del Sarto, Tenere insieme, Pordenonelegge – Samuele Editore 2021

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: