Luigia Sorrentino, Poesie da “Piazzale senza nome (2017-2018)”

 

NEL SECOLO CHE HAI LASCIATO 1

su tutto il giardino neve
dilatata
silenzio armato nelle pupille
neve, tutta nel sangue
narici oltraggiate
bianco e nero

l’incedere violento
del battito cardiaco
si chiude su di sé

nella luminosa potenza
avviene l’incontro

 

 

seduti in cerchio bruciavano neve
nella carta stagnola, fiammella
venerata, laccio stretto coi denti

morte caduta nelle braccia
crivellate di colpi
presenza terribile nello sterno

degrada il terriccio
dietro le scale della villa
comunale, la metamorfosi
nella capra, la sola davvero scelta

 

 

PIAZZALE SENZA NOME

a U. B.

« …amore mio perché? Perché vuoi toccare il fondo?»

il silenzio delle lamiere nascose
l’assalto in una notte di febbraio
i denti sul braccio fino all’osso
la testa contro il finestrino
– tu sei niente, nessuno –

e non so quando
tutto il nascosto ci travolse
senza emettere un lamento
gelò la fronte il respiro
della cenere

 

 

la luce divora gli infermi
il tempo è una goccia d’inverno
divelta

brucia il cuore di carta
al grido inaudito

 

© Luigia Sorrentino, Piazzale senza nome (2017-2018), Pordononelegge – Samuele Editore 2021

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: