Mara Venuto, La lingua della città (lettura di Cristina Polli)

Mara Venuto, La lingua della città
Delta 3 Edizioni 2021

Anima mia anima ferina bestia
che appartiene e fugge al cacciatore,
vive quando i nemici hanno gli occhi chiusi
muore al crocevia dei folti passanti. (p. 26)

I versi qui riportati rappresentano bene il dissidio interiore che dà vita alla raccolta di Mara Venuto, La lingua della città, Delta 3 edizioni.  La città parla la sua lingua, lascia segni visibili, ma difficili da accogliere, difficili da accettare perché parlano di dolore e ne parlano con una complessità che lacera le pieghe di una rabbia impotente e di un rimpianto tenero e doloroso. Entriamo nelle dicotomie di un dramma intimamente vissuto, in un percorso di conoscenza che si dispiega a partire dalla perdita dello stato di grazia ingenuo e paradisiaco dell’infanzia, momento di spontaneo e stupito legame con l’immanente bellezza dei luoghi.
Abbandono, perdita, mancanza sono i segni con cui la lingua della città ci scortica la pelle, i suoni di un dire abraso di ruggine e ferraglia che ci passano per la gola e raschiano le pareti dello stomaco, la resa di Mara Venuto è plastica, leggendo viviamo anche noi in maniera viscerale il malessere della città di Taranto, vediamo il convoglio dei suoi morti (p. 13):

Nella stazione bruciata
un raduno di ferro digrigna i denti,
due strade senza scelta prendono il comando
finché cede lo sguardo oltre l’angolo
e si spezzano i voti
a tirare nella gola gli amen alle spalle.

Nei nostri ricordi vediamo i morti,
agganciati come vagoni
alla ruggine che addolora il sangue
e non muove più i treni.

Gli interrogativi ci accompagnano nella lettura, punteggiano la topografia della città, i luoghi, le strade, gli edifici che prendono voce; aderiscono agli oggetti, li trasformano come trasformano le persone attraverso il peso della privazione, del male che avvelena e consuma ogni energia (p. 51): Il cielo si chiude a pugno/ sopra un uomo che ride./ Dimentica i lividi e i denti, gli stessi del padre prima della morte. Le risposte, invece, non ci sono, o meglio c’è l’anelito a un coraggio sperato ma troppo distante, a un coraggio che la città non sa darsi perché vano rispetto all’ipertrofia e alla capillarità del male che dovrebbe essere combattuto con ben altri mezzi (p. 25):

Incespica la lingua affonda i passi
restano fuori solo i pudori
sulla guglia di una gola adolescente.

Manca il tempo di restare sulla riva,
a contemplare l’abisso affogato dagli anni.

Si ferma un alito di coraggio sulla soglia
dove sono sgraditi gli ospiti attesi,
le scoperte si fanno largo a bracciate
e noi cadiamo.

Anche la poetessa sembra cercare vanamente il coraggio (p. 28): Come me è questa terra, l’ombra ci copre/ e cadono gli ardori. Ma poi il coraggio cos’è se non la capacità di offrire autenticamente il proprio sentire togliendo le cortine che ci isolano? La capacità di reclamare innocenza e tenerezza, di denunciare il peso della rassegnazione? Comprendere chi è isolato, estraniato dalla fatica? (p. 14):

L’elica sembra si stacchi
Pende una falce sulla schiena dei vagoni
Come buoi stesi a riposare.

Dall’alto l’aria è immobile,
un muro di fatica sulle spalle degli operai,
se troppo duole il morso e i piedi hanno
sandali di ferraglia inutile.

Sfatti si lasciano prendere dal sonno
È una nenia la pala che rotea lontana,
non fa rumore, e il vento è un odore
che sfama i cani.

Ma la lingua della città vibra anche liricamente in un controcanto, elegia dolente che filtra con la voce bassa e sussurrata nella tenerezza di innocenze perdute e rimpiante, stati di orfanità a cui si giunge per la povertà e le morti, ma anche per la scissione del legame con i luoghi (p. 39):

Fa male essere bambini,
usare maschere vedere l’abisso
e poi emergere come esseri umani.

Il distacco dall’innocenza si carica qui di una doppia irreversibilità, non solo il tempo che trascorre e muta tutto, ma anche i luoghi muoiono preda della stessa reificazione di cui sono vittima gli esseri umani, reificazione  che toglie loro l’anima antica e nuova (p. 36), Il quartiere ha perso il calco della sua giovinezza.
Anche i luoghi, in silenzio, danno  tuttavia la loro risposta (p. 22):

Un cerbiatto sulla riva del mare
Non s’era mai visto, eppure
L’inatteso cede.

© Cristina Polli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: