I poeti della domenica #442: Leonardo Sinisgalli, Domenica al Pincio

 

Domenica al Pincio

Sono sgombri i gradoni della banda,
il leggio appena regge al vento.
Le balie sorprese dalla pioggia
ricoverano i pargoli sotto le capotes.
Addio giuochi all’aria aperta!
Solo il voyeur invita a spingere
l’occhio nel suo cannocchiale:
tre minuti, venticinque lire.
Laggiù è tornato il sole.
A mezzo miglio un signore
infilza un’uliva
seduto davanti a Rosati,
un mendicante batte una monetina
sul parapetto del ponte,
un vecchia infila
un’aghicella all’orizzonte.

 

© Leonardo Sinisgalli, Tutte le poesie, A cura di Franco Vitelli, Mondadori, Oscar Moderni, 2020, pp. 262-3

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: