Vincenzo Mastropirro e Giuseppe Fioriello, SUD… ario

Vincenzo Mastropirro e Giuseppe Fioriello, SUD… ario.  Prefazione di Angela De Leo, SECOP edizioni, 2019

Insudiciarsi di passione: è questa la sorte di chi nasce al Sud. Le parole poste in epigrafe a SUD… ario, la più recente raccolta di Vincenzo Mastropirro nel dialetto di Ruvo di Puglia e, nella traduzione dello stesso autore, in italiano, appena pubblicata per SECOP edizioni con disegni di Giuseppe Fioriello, introducono sia ai quindici testi che ne costituiscono la tessitura, sia alla Weltanschauung di riferimento, una visione del mondo che caratterizza sin dai primi volumi tutta la sua produzione poetica.
Ecco dunque l’epigrafe completa, prima in dialetto ruvese, poi in italiano:

…ci nasce au Sud se zezzàisce de passiàune
e cunnànne l’àneme all’ètérnetò.

…chi nasce al Sud s’insudicia di passione
e condanna l’anima all’eternità. 

Si macchia, si colora di rosso, infittisce le maglie e, ancora, si lacera e si squarcia questo sudario, sipario e telone, sostrato e immagine di una Passio Christi che culmina con i riti della settimana santa ed è, pure, quotidianamente, Passio Hominis.
Raggiunge una sintesi esemplare, in SUD…ario, la capacità di Vincenzo Mastropirro di portare il dialetto ruvese, ruvido e aspro, a una valenza espressiva universale, cosicché personaggi, momenti, carri e processioni, costumi e simbologie che precedono la Pasqua nel paese delle Murge, elementi pur radicati in una determinata dimensione geografica e culturale, diventano pietra di paragone immediatamente percepibile e trasferibile ad altre realtà esistenziali, ad altro patire, ad altri tormenti, così come – bene fa a sottolinearlo Angela De Leo nell’ampia prefazione – ad altre speranze.
La rievocazione della Passione di Cristo nelle stazioni della via Crucis dal monte degli Ulivi al Calvario assume dunque la veste concreta della passione degli umani in tutti i Sud del mondo.
È una passione plurisensoriale, che si arricchisce delle sollecitazioni del tratto d’inchiostro di china dei disegni di Giuseppe Fioriello, così come del ritmo e delle armonie impresse dalla banda che accompagna le processioni con le sue marce funebri. Vincenzo Mastropirro è, tra l’altro, musicista in quel progetto di rilevanza internazionale che è la Banda di Ruvo di Puglia diretta da Pino Minafra; ricordo bene che la prima volta che vidi il suo nome, diversi anni fa, qualche mese prima di conoscerlo personalmente e prima di conoscere la sua poesia, fu tra gli strumentisti citati – il suo nome era riportato per primo – sul libretto di accompagnamento di un CD della Banda, un album doppio che ricevetti in dono e di cui scrissi con curiosità e riconoscenza, menzionando una processione, la processione degli Otto Santi a Ruvo di Puglia, che riveste un ruolo importante sia nella coscienza di tutti i ruvesi sia tra le pagine di questo libro.
È una passione nella quale, come ha avuto modo di scrivere Mastropirro, «u fiòte s’accàrne», «il fiato s’accarna»; i sensi sono sollecitati, ancora una volta, da termini dialettali che donano straordinaria corporeità alla condizione umana, insudiciata dal male e dalla pena, con il prevalere del suono della zeta: «’nzevote», «zezzàuse», dolente nel prolungato lamento, che si incarna nelle coppie di vocali -ie, (reso talvolta come -je), -iò, -iu, -ue, -uò: «figghje figghjemeje», «streppiòte», «niute», «striusce», «àrue», «ruòbbe».
È una passione, infine,  che unisce i connotati – aperture di luce, ombre sul territorio e sulle esistenze – di una poesia che si è abbeverata ai testi di Vittorio Bodini, a quella giusta collera di cui si era fatto cantore, e raccoglitore di canti, Gianmario Lucini, che fu editore e amico di Vincenzo Mastropirro.

© Anna Maria Curci

 

U munne sotte-saupe

Assèise ‘ngope a re scole de la chisje
tremìénde u munne sotte-saupe.

Inde, stuonne statue de criste e madunne
ca s’onne stangote de danne adìénzie
e s’arrùocchene inde a re nicchje aschiure.

Da-ffore, u munne cange a chelaure ogn-e matèine
ma u core de la gìénde sbiadisce sìémbe de cchjue.

Mo, me vìédene desperòte e ìéssene chione-chione
s’assidene au custe e m’ambàrene a dèisce re reziìune.

Il mondo sottosopra

Seduto in cima alle scale della chiesa
guardo il mondo sottosopra.

Dentro, stanno statue di cristi e madonne
che si sono stancati di darci retta
e si nascondono in nicchie oscure.

Fuori, il mondo cambia colore ogni mattina
ma il cuore della gente sbiadisce sempre di più.

Ora, mi vedono disperato ed escono piano piano
si siedono a fianco e m’insegnano a pregare.

 

Via crucis

È inutele scèje nanze-e-rète
e invèce se vè nanze-e-rète.

La via crucis è chère de sìémbe:
sole e ascìénne e sole arrète.

Sole addò re scole se spìézzene
ascìénne addò re gamme caminene sènza pite
cume a cure ca se mìétte au spendàune de la strode
t’addemanne la caretò pè cambò e tiue sènza piètò
u accèide cu sguarde, tèire dritte e nan te vulte cchjue.

Via crucis

È inutile andare avanti e indietro
e invece si va avanti e indietro.

La via crucis è quella di sempre:
sale e scende e sale di nuovo.

Sale dove le scale si spezzano
scende dove le gambe camminano senza piedi
come quello che si mette all’angolo della strada
ti chiede la carità per vivere e tu senza pietà
lo uccidi con lo sguardo, tiri dritto e non ti volti più.

 

U piupe de piézze

Nan è nu piupe de piézze
è nu meninnìdde nirue nirue
ca s’ove acchjòte ‘mmèzze a more
allaniute, cuvirte assaliute da u chelaure niure
u nirue de chèra pìédde ca oramàje tutte volene cangèllò.

Do’ vrazzere u tìénene ‘mbrazze
e u meninne duorme inde a la culle du more
cure more ca u è veliute bbène, u more ca l’è ditte:
vo e abbrazze u munne, vo e nan si avìénne paghiure
vo cu re gamme taue, cu core c’abbatte ‘mbitte e nan si chjangènne mè.

Il pupo di pezza

Non è un pupo di pezza
è un bambinello nero nero
che si è trovato in mezzo al mare
nudo, coperto solo dal colore nero
il nero di quella pelle che ormai tutti vogliono cancellare.

Due braccia lo tengono in braccio
e il bambino dorme nella culla del mare
quel mare che gli ha voluto bene, il mare che gli ha detto:
vai e abbraccia il mondo, vai e non avere paura
vai con le tue gambe, col cuore che batte in petto e non piangere mai.

 

Re larme de na mamme
‘mbùonnene le peccote du munne
e plizzene totte re strode ‘nzevote.

Re larme de na mamme
stutene l’arsìure de la lìéngue
e abbeverìéscene tutte le figghje sperdìute

Re larme de na mamme
s’assuchene prèime de chiange
e cementano gli occhi col sale bagnato.

Le lacrime di una mamma
bagnano i peccati del mondo
e puliscono tutte le strade sudicie.

Le lacrime di una mamma
spengono l’arsura della lingua
e abbeverano tutti i figli sperduti.

Le lacrime di una mamma
si asciugano prima di piangere
e cementano gli occhi col sale bagnato.

 

U ghiumere de rrùobbe

So acchjòte nu ghiumere de rrùobbe
saupe a re gradere de na chisje
ère nu pover-a-idde ca avaje murte.

Na-u sapaje mangh’èje
na-u sapaje manghe idde
na-u sapaje nescinune.

Ére nu ghiumere de rrobba-zezzàuse
e fetài cume fète la ggìénde
ca vè ind-a la chisje sènza preghire.

Un groviglio di roba

Ho trovato un groviglio di roba
sui gradini di una chiesa
era un poveraccio che era morto.

Non lo sapevo neanche io
non lo sapeva neanche lui
non lo sapeva nessuno.

Era un accumulo di roba sporca
e puzzava come puzza la gente
che va in chiesa senza preghiere.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.