Poesie di Alfredo de Palchi

alfredo-mid

Poesie di Alfredo de Palchi

nel giorno del suo novantesimo compleanno

 

da La buia danza di scorpione
(1947-1951)

*

In mano ho il seme
nero del girasole –
so che la luce cala dietro
l’inconscio / ma altre nebule
avanzano
.                     e ho questo seme
da trapiantare
come unico dei sistemi
sconosciuti

.

*

Il lepidottero barcolla ai vetri –
mi alzo dai fogli dove sono
insicuro ed apro la finestra

fuori di sé insiste a frenarsi
squama alla luce – io fuori di senno
persisto la buia danza
di scorpione

.

*

Mi condannate
mi spaccate le ossa ma non riuscite
a toccare quello che penso di voi:
gelosi della intelligenza e del neutro
coraggio aggredito dal cono infesto
delle cimici

– io, ricco pasto per voi insetti,
oltre l’ispida luce
vi crollo addosso il pugno

.

*

Fra le quattro ali di muro
circolo straniero a pugno
serrato – non ho amicizie
non mischio occasionali smanie
con chi le persiste
e siccome ognuno impone
il proprio mondo a chi perde
non si chieda cosa avviene:
la parola è nella bocca dei forti

.

 

da Sessioni con l’analista
(1948-1966)

.

10

Li seguo, dicono e non capisco
guardo case le vie, a dito m’indica
la gente – hai ucciso –

ma la verità è milioni di uomini

ma sento questa colpa
vedo la colpa alle finestre nelle strade
nell’occhio insano dell’uomo,
i loro passi felpati;
in me cresce il rumore il volume della colpa
l’irreale vittima
e il senso diventa carne
e cammina con me, dentro di me il peso della vittima
si dibatte
accanto a me si dibatte la vittima,
fratello, bocca strappata, eguali;
trascinano il colpevole,
son io quello, e solo Meche riassume l’innocenza
che non sopporta il peso; piccioni
disertano la piazza
noi svoltiamo ed ecco la campagna la notte
la casa ci viene incontro

 

*.

da Le viziose avversioni
(1951-1996)

 

Esisto in quest’aria di neve
che dai promontori nell’Hudson
mi sfoca l’occhio esperto
e ostile; il turbinio si stacca
dai rami, si fa mota, la nudezza
del suolo sgretola le dirompenti
sensazioni – non c’è calma,
sono in questo spiano
di veleni appostati dall’uomo, di tensione
che trasfigurata emerge d’aceri in fontane
pietrificate e di palazzi
sulla riviera lenta
che laggiù all’oceano sfocia l’immonda
tristezza; dalla finestra
uno sbuffo d’aria indagante mi gela
la mano – e non so più contarti i passi
le movenze fastose che mi hanno
contaminato
e allontanato.

.

*

da Ultime
(2000-2004)

Quando a pasqua si lustra
la catena dei camini nella polvere
di strade affiancate da canneti trasparenti di barbi
e di gamberi che saltellano sulla pavarina

in quei paraggi della mente balzana
rivivo la tua prima adolescenza
acerba con la mia quanto la susina
nella fioritura bianca
e la visione in secca delle tue cosce leonesche
che raggiungono l’eterno
su per la gonna che muovendosi attorno mi trema
l’erba e il corpo quando . . .

.

Alfredo De Palchi, PARADIGMA, Mimesis Hobenon 2006Alfredo De Palchi
PARADIGMA
Tutte le poesie: 1947-2005

Premessa editoriale di Roberto Bertoldo
Presentazione critica di Alessandro Vettori

Milano, Mimesis Hobenon, 2006

 

 

www.alfredodepalchi.com

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...