Giacomo Sandron, Il culo e la pupilla

berlusconi

foto dal sito tarantoonline

IL CULO E LA PUPILLA

(una storia italiota)

 

 

lui le sue ragazze le bacia
in bocca le tocca
le belle ragazze poco vestite

svolazza di tavolo in tavolo
che sembra una sposa
lui è un seduttore
e questa la sua casa

passa buona parte della serata
a guardare i giovani corpi
accompagna le preferite
a visitare il parco

lui le sue ragazze le bacia
in bocca le tocca
celebri o meno note
le tocca le tette
star in ascesa starlette
in declino
qualche velina due ministre
più di una escort
ragazze single e ragazze
in apparenza fidanzatissime
conduttrici televisive
famosissime

lui le sue ragazze le bacia
in bocca le tocca
le tette la fica le promette
a una nuova vita
di spettacolo e politica

una
doveva essere candidata
al parlamento
non l’hanno messa
all’ultimo momento

doveva essere candidata
alle europee
è stata dirottata sulle
regionali partenopee
ma è arrivata ultima
ha lasciato intendere
di essere la vittima
di un piano calcolato
per screditarla

un anno dopo ecco
il lieto fine della storia
assessore ai servizi sociali
del comune di Casoria
per un posto sicuro pagato
ne è valsa la pena darla

una
ti volevo un attimo briffare
giusto che non ti prendi male
ne vedrai di ogni
è la desperation più totale
c’è la zoccola che viene dalle favelas
la sudamerica che non parla l’italiano
ci sono io che faccio quello che faccio
tu fregatene, sbattitene il cazzo
non essere timida, lui sabato c’è
dobbiamo assolutamente andare
hai qualche amica carina
che possiamo portare?

una
dopo cena si veste da suora
croce rossa sul velo e tunica nera
io non riuscirei a mostrare la mia carne
a vendermi per fare carriera

una
vestita solo di scarpe luccicanti
non indossava le mutandine
quando si chinava in avanti
lasciava vedere il sedere

una
la cosa più eccentrica che faccio
è la danza del ventre
che ho imparato da mia madre

una
poverina ha una bambina
un’altra è malata
non ha più il padre

una
accetta un disco di Apicella
e duemila euro per l’imbarazzo

una
con quella bocca che ti ritrovi
fai bene a parlare di cazzo

una
glielo misi in quel posto
e mi disse fai piano
non siamo arrivati al dunque
però l’ho baciato sulle labbra
sulle guance sulla testa
ovunque

lui le sue ragazze le bacia
in bocca le tocca
le mani sulle cosce
per farci capire
che dovevamo partecipare
ci appoggia le mani sul sedere
come per aiutarci a salire
le scale

tutte hanno speranze grandi
come i loro décolleté
lui porta sempre con sé
un omino di legno con un pene
sproporzionato
per un casting da meteorina
un palpeggiamento
un rapporto orale simulato
con questa statuina

lui le sue ragazze le bacia
in bocca le tocca
si balocca le bamboline
usa regalare bigiotteria
in particolare farfalline
pellicce cappelli piumati
guanti scarpe vestiti
diademi spille collane
rapporti anali non graditi

l’anno scorso era più in forma
l’ho visto un po’ out, ingrassato
imbruttito poverino
a volte si assopisce e le ragazze
devono darci dentro
per attirare la sua attenzione
ore e ore di tormenti
in attesa di un’erezione
che non fa capolino

in cambio paga in contanti
bonifici, assegni circolari
contratti di lavoro finti
automobili e ville in regalo
spese mediche, rate dell’affitto
moltissimi pagamenti

a una di quelle mascherate
da infermiere con il frustino
ha dato diecimila euro
perché aveva delle fotografie
scattate col telefonino

una
sono un po’ succubi di me
ogni cosa che chiedo loro la fanno
ho chiesto l’appartamento in centro
l’ha comprato, domani me lo danno

siamo in tante, lui è straricco
ormai tutte hanno capito
una casa è la giusta liquidazione
quando tutto sarà finito

alla fine lui ha una certa età
un uomo resecato della prostata
operato al cuore, trapiantato di capelli
sottoposto a lifting e liposuzioni
non possiamo stare sempre
a sua completa disposizione

una
già me lo immagino cribbio
questa è una congiura
è tutta invidia e falsità
questa è pazza cribbio
ha ha ha ha

una
gli ho detto posso passare per pazza
per prostituta, per quello che vuoi
a me interessa che mantieni la promessa
che continui ad occuparti di noi

una
lui può far tutto, lui è Gesù
finché ci sta lui io mangio
se se ne va chi cazzo mangia più

una
non me ne fotte un cazzo
se lui è il presidente
cioè, è un vecchio e basta
non me ne frega niente

una
pur di salvare il suo culo flaccido
si sta comportando da fesso
so che mi stanno ascoltando
ma queste cose le dico lo stesso

si diradano gli inviti e le telefonate
preferisce le cubane, le venezuelane
l’ho cercato in lungo e in largo
dai, festeggiamo il tuo compleanno
chiamato si nega o non si fa trovare
non ha più voglia di una cena, di niente
forse si è stancato, forse ha altra gente
se poi scopro che domani fa una festa
con ragazze a pile nel suo letto
lo mando affanculo, affanculo tutto

lui è sempre uscito bene
dalle situazioni complicate
erano solo cene eleganti
per pochi intimi, ben curate

commissiona un sondaggio
per capire la reazione della gente
calibrare l’eventuale risposta
il silenzio, fare finta di niente
oppure l’intervista televisiva
rischiamo di far crescere il caso
occorre invece arginare la deriva

è profondamente commosso
solo chi gli è stato vicino
sa quello che ha sofferto

domando scusa di cuore
a chi mi ha dato il voto
ma mi sentivo solo
avevo appena divorziato
mia madre morta da poco
mia sorella pure
i figli in giro per il mondo
sono stato male consigliato

*
© Giacomo Sandron

 

 

 

 

One comment

  1. Divertirsi così, anch’io lo farei, vorrei farlo! Ma non per sempre. Poi se trovi un amore vero magari cambi. Non tutti si innamorano. La vita è breve anche per i ricchi. Perché fargliele una colpa? Il moralismo mi ha sempre rotto le palle a prescindere dalle classi sociali. I problemi sono altri.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...