Umberto Di Raimo: 42 Limerick mediopadani

il_Di RAIMO copertina fronte

Umberto Di Raimo: 42 Limerick mediopadani, con disegni di Giuseppe Bronzoni, corsiero editore, 2016, collana Strumenti umani, € 13,00

*

AVVERTIMENTO Questa faccenda dei limerick mediopadani incominciò una trentina di anni fa, essendo l’estensore dei versicoli stabilmente incardinato nel suo paese natìo (Montecchio Emilia), mentre l’autore dei disegni (parimenti nativo di Montecchio Emilia) vagava per lavoro per il mondo, stazionando a volta a volta in diversi paesi dell’Africa, dell’America, dell’Asia. La pigrizia e l’immensa farragine del fatto e del da farsi l’hanno fatta da padrone. Comunque sia: eccoci qua. I 42 limerick si dicono dunque “mediopadani”. Perché mai? Perché i personaggini nel libriccino vagheggiati ed effigiati si fingono viventi e operativi (quando operativi siano) in Montecchio Emilia e zone limitrofe. Anche se nessun montecchiese o nessun reggiano potrà mai positivamente riconoscersi in qualcuno di essi: giacché si tratta infine di labili fantasime eccentriche e perplesse, chissà mai dove davvero dimoranti.

*

1
C’era un vecchio signore di Gattatico
cui non caleva d’essere antipatico:
non salutava mai nessuno
e soggiornava sopra un pruno,
quello spinoso vecchio di Gattatico.

*

4

C’era un vecchio del Bosino
che ipotizzò, in merito al suo immediato destino:
«forse tosto avverrà che io mi alzi
e mi produca in armoniosi balzi».
Speranzoso vegliardo del Bosino!

*

10

C’era un vecchio di Casalgrande
che aveva in somma uggia le verande.
E così argomentava: «Ci ho paura
che stiano ordendo una losca congiura»,
quel frenetico anziano di Casalgrande.

*

13

C’era una loquace signorina della Croce
che d’improvviso rimase senza voce.
Prese dunque ad esprimersi a gesti:
precisi, secchi, compendiosi, lesti.
Quell’icastica signorina della Croce.

*

27

C’era un vecchio della Mura
che risolse di partire alla ventura.
Arrivò fino al Caffè Reggiani,
ma poi cambiò repentinamente i suoi piani:
e tornò mestamente sulla Mura.

*

 

33

Un mutilo vecchione di Ciano d’Enza
era specializzato nella maldicenza.
Incontrò un tale e gli disse: «Pensa,
il tale e il talaltro così e così
e poi ancora ambarabà coccò ciccì».
A quello là gli venne mal di panza.
Va’ là va’ là, vecchion di Ciano d’Enza,
che te sei una gran persona stronza!

*

© Umberto di Raimo

*

limerick 10 limerick 3

© disegni di Giuseppe Bronzoni

*

Note biografiche:

Umberto Di Raimo di me­stiere fa il pedagogo. Nato a Montecchio Emilia, ovviamente non è un poeta (come si può agevolmente notare). E non è neppu­re uno scrittore, anche se in autunno 2005 ha dato fuori, per il Pendragon di Bologna, un arguto quan­to inascoltato pamphlet: SILLABO ovvero catalogo di quaranta proposizioni erronee intorno alla scuola con an­nesso corredo esplicatorio da servirsi particolarmente come viatico apologetico per i signori docenti.

*

Giuseppe Bronzoni è nato nel 1954 (d.C.) a Montecchio Emilia. Dopo il Liceo Classico e dopo essersi laureato in Scienze Agrarie a Bologna, per circa tre decenni ha lavorato in progetti di cooperazione tecnica in America Latina, Africa e Sud-Est Asiatico. Non ha mai studiato arte o disegno (e si vede). È un disegnatore totalmente empirico, saltuario ed emozionale (“lunatico” dicono alcuni): i disegni piú interessanti gli vengono senza pensare, magari mentre assiste a una riunione di lavoro o a una conferenza. Non è un caricaturista né rappresenta la realtá,ma a volte puó succedere che la realtá assomigli aisuoi disegni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...