Un libro al giorno #20: Salvatore Di Giacomo, “Poesie” (2)

Come ogni anno faremo una piccola pausa estiva rispetto alla programmazione ordinaria, cercando di fare sempre una piccola cosa diversa per ogni estate; quest’anno dal 25/07 al 21/08 (con tre post al giorno) proporremo testi da libri che amiamo particolarmente, sperando di accompagnarvi in vacanza e di aiutarvi a sopportare meglio il caldo. La programmazione ordinaria ricomincerà lunedì 22/08 (la redazione).

Poesie_-_Salvatore_di_Giacomo.djvu

 

da Vierze nuove

 

Si è Rosa ca mme vo’…

 

Nzerràteme, nzerràteme addò stanno

tant’ate, comm’a me, guardate e nchiuse,

addò passano ‘a vita, sbarianno,

pazze cuiete e pazze furiuse.

 

Nchiuditeme pe sempe ‘int’a sti mmura,

e ‘o mastugiorgio mettìteme allato;

p’o mmale ca tengo io ce vo’ cchiù cura:

io so’ stato traduto e abbandunato.

Si quacche amico mio, quacche parente,

nu iuorno, quann’è viseta, venesse,

ditìtele ca vene inutilmente,

e priatelo vuie ca se ne iesse.

 

Ma si mme vo’ na giovane, vestuta

cu na vesta granata auta e brunetta,

si è Rosa ca mme co’, si s’è pentuta,

ditìtele accussì: – Trase. T’aspetta.

 

*

 

Chiudetemi, chiudetemi dove stanno

tanti altri come me, guardati e chiusi,

dove passano la vita delirando

pazzi tranquilli e pazzi furiosi.

 

Chiudetemi per sempre in queste mura

mettetemi il castigamatti accanto;

per il male che ho ci vuole cura:

sono stato tradito e abbandonato.

 

Se qualche amico mio, qualche parente,

un giorno, quando è visita, venisse,

voi ditegli che viene inutilmente,

e pregatelo voi che se ne andasse.

 

Ma se mi vuole una giovane, vestita

con una veste granata, alta e brunetta,

se è Rosa che mi vuole, se è pentita,

voi ditele così: – Entra. Ti aspetta.

 

traduzione di Giovanna Amato.