Una frase lunga un libro #5: Joyce Carol Oates – Sulla Boxe

oates

Una frase lunga un libro #5 – Joyce Carol Oates – Sulla Boxe – 66thand2nd, 2015 – traduzione di Leonardo Marcello Pignataro – € 17,00, ebook € 7,99

“Allo stesso modo non mi riesce di pensare alla boxe in termini letterari come metafora di qualcos’altro. Chi come me ha cominciato ad appassionarsi di boxe da bambino – ho seguito la passione di mio padre – è improbabile che la consideri il simbolo di qualcosa che la trascende, come se la sua particolarità stesse nell’essere sintesi o immagine di altro. Posso però valutare l’idea che la vita sia una metafora della boxe – di uno di quegli incontri che si protraggono all’infinito, ripresa dopo ripresa, jab, colpi a vuoto, corpi avvinghiati, un niente di fatto, di nuovo il gong, e poi di nuovo, e tu e il tuo avversario così simili che è impossibile non accorgersi che il tuo avversario sei tu: e perché questa lotta su un palco rialzato, delimitato da corde come un recinto, sotto luci infuocate, crude, spietate, davanti a una folla scalpitante? -, il genere di metafora letteraria dell’inferno. La vita è come la boxe per molti e sconcertanti aspetti. La boxe però è soltanto come la boxe.  Perché se uno ha visto cinquecento incontri di boxe ha visto cinquecento incontri di boxe, e non è il loro comune denominatore, che di certo esiste, la cosa che gli interessa di più. «Se l’ostia è solo un simbolo,» rimarcò una volta la scrittrice cattolica Flannery O’Connor «allora che vada al diavolo!».”

La boxe è per me qualocosa di sfumato e vago, un’idea o un’intuizione, doveva arrivare qualcuno a spiegarmela, doveva arrivare Joyce Carol Oates. Sulla boxe è una raccolta di articoli e saggi, scritti nell’arco di molti anni, da un’appassionata ed esperta di boxe, ma questo non basterebbe a rendere il libro meraviglioso se la Oates non fosse la splendida scrittrice che è. E veniamo alla frase che ho scelto per parlare del libro, intanto la scelta è stata molto difficile, le frasi, le pagine, belle e significative sono moltissime, ma questa mezza pagina è molto interessante per due motivi: il primo ci mostra la qualità di scrittura della Oates e una sua particolare caratteristica quella di portarti parola dopo parola, virgola dopo virgola, facendo salire la tensione e la metafora, al punto, passo per passo, ma durante quei passi non ti nasconde nulla, ti dice dove ti sta portando, lo straordinario sta nel come ci riesce. Il secondo motivo ricorrerà in tutto il libro e ha per titolo: La boxe è una metafora al contrario. Come vedete, il paragrafo della Oates sottolinea di frase in frase come la vita somigli alla boxe, non il contrario, sarebbe facile pensarlo leggendo le frasi, slegandole dal ragionamento di fondo, ma non è così: La boxe però è soltanto come la boxe.

Joyce Carol Oates - Sulla boxe

Joyce Carol Oates – Sulla boxe

Questo aspetto tornerà spesso, sottinteso, La boxe però è soltanto come la boxe. Tornerà fuori quando la Oates parlando degli altri sport popolari negli Usa, il Football, il Basket, il Baseball, specificherà che in tutti questi è sempre presente la dimensione del gioco, nella boxe no. La boxe non è un gioco ma è uno sport, e con questo risponderà anche a chi, spesso, nella storia del ring ha sostenuto il contrario. La boxe è violenta, con la boxe si può morire. La scrittrice, dati alla mano, mostra come siano altri sport ad essere più pericolosi, ma non è quello l’aspetto che le interessa di più. Alla Oates interessa raccontare le storie del ring e degli uomini che sono diventati leggenda praticando uno sport che non somiglia a niente, ed è in questo – secondo me – che diventa letteratura. La boxe però è soltanto come la boxe. Solo nella boxe il tuo avversario sei tu, tu da così vicino, tu deformato, tu avvinghiato a te stesso, tu odiato, tu innamorato, tu sgusciante, tu danzante. Tu e i pugni che darai, e, di più, quelli che schiverai, e più ancora, quelli che incasserai, perché è il dolore, a volte, è quello che ti ricorda di essere vivo. Questi splendidi articoli e saggi, che hanno la tensione del racconto senza perdere lo sguardo del giornalista sportivo, fanno avanti e indietro nel tempo della boxe, da quando il ring non era ancora un ring a Mike Tyson. Passando da George Foreman a Jack Dempsey, da Larry Holmes a Joe Frazier, da José Torres a Marvin Hagler, da Muhammad Ali a  Jack Johnson. Incontri raccontati, visti dal pubblico e visti dal pugile. Aneddoti, interviste, modi di essere, di vivere di pensare. Scopriremo che gli scacchi possono essere più pericolosi della boxe, che nessun pugile può davvero fingere sul ring, uno spettatore esperto se ne accorgerà, lo sentirà. Scopriremo che Muhammad Ali, il più forte di tutti e il più intelligente, aveva il voto più basso a scuola nei test sul quoziente intellettivo. Scopriremo personaggi simpatici e odiosi. Scopriremo degli occhi da bambino e di una strana dolcezza in Mike Tyson. Sulla boxe è un libro bellissimo, che lascia senza parole, mentre leggi ti senti catapultato a bordo ring, perdi colore, e seduto, in bianco e nero totale, tu solo in mezzo alla folla, aspetti le finte di Ali, il suo colpo che nessuno era in grado di veder partire, aspetti che lo sport si compia, di tre minuti in tre minuti, o per sempre.

© Gianni Montieri

2 comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...