Anna Toscano – my camera journal 7

2013-07-23-21-28-51

Ti parlo da questa umida notte, una notte delle solite. Sono sceso perché non dormo più. Il tempo di entrare in casa che già ero fuori.

Sto qui seduto a scriverti messaggi a cui non rispondi, a leggere messaggi che non mi hai mandato.

A scriverti che le notti ora sono così, sanno di fritto rancido e di detersivo a basso costo per pavimenti.

A non ascoltare gli altri ma ad aver bisogno del loro rumore, qualche sedia più là.

A guardare le macchine passare, guardarci dentro e cercarti.

A contare i pullman che tornano dall’aeroporto, ad aspettare di vedere il tuo viso al finestrino.

Ma che tu sia nel mondo o qui è lo stesso, perché Sampa ne contiene tutti i fusi orari le razze i generi i suoni i cieli le nuvole i venti i toni i colori gli odori.

Sono le regole intransitive della vita: il mondo non è Sampa, ma Sampa è il mondo.

Tu a non scrivermi, io a leggerti.

Tu a non tornare, io ad aspettarti.

***
© Testo e Foto di Anna Toscano

***
leggi il my camera journal 6

3 commenti su “Anna Toscano – my camera journal 7

  1. Pingback: Anna Toscano – my camera journal 8 | Poetarum Silva - the meltin'po(e)t_s

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: