Tag: einaudi

Quando i luoghi persi ritornano (a cura di Paola Deplano)

                      Amo dell’Appennino i luoghi persi (Umberto Piersanti, La gente da cui vengo si dissolve)                                      … Continua a leggere “Quando i luoghi persi ritornano (a cura di Paola Deplano)”

Alessandra Carnaroli: “Quest’idea di poesia che raschia, tipo intervento dopo aborto” (Intervista a cura di G. Bocchio)

50 tentati suicidi più 50 oggetti contundenti (Einaudi), di Alessandra Carnaroli, è un libro feroce, sadico, composto da una poesia splatter originale e spietata, poiché sincera e senza orpelli. Il lirismo è annegato nella bile (e nel detersivo per piatti). La quotidianità è raccontata con… Continua a leggere “Alessandra Carnaroli: “Quest’idea di poesia che raschia, tipo intervento dopo aborto” (Intervista a cura di G. Bocchio)”

Giulia Bocchio, Il lento apprendistato di Thomas Pynchon

Non ci soffermeremo sull’inafferrabilità ormai nota di Thomas Pynchon, che appare piuttosto una riluttanza disinteressata al mero apparire: essere su pagina ed essere sugli scaffali delle librerie di mezzo globo è già di per sé un’esibita presenza. A parte doppiare sé stesso in un… Continua a leggere “Giulia Bocchio, Il lento apprendistato di Thomas Pynchon”

Natalia Ginzburg, Ritratto d’un amico [Cesare Pavese]

Ritratto d’un amicodi Natalia Ginzburg La città che era cara al nostro amico è sempre la stessa: c’è qualche cambiamento, ma cose da poco: hanno messo dei filobus, hanno fatto qualche sottopassaggio. Non ci sono cinematografi nuovi. Quelli antichi ci sono sempre, coi nomi… Continua a leggere “Natalia Ginzburg, Ritratto d’un amico [Cesare Pavese]”

Cesare Pavese, Insonnia

Cesare Pavese, Insonnia Quando rientravo avanti l’alba sull’aia (rincasavo da feste, da discorsi, da avventure) sapevo che mio padre era là, sotto la macchia nera del noce, e stava immobile, da chi sa quanto tempo, guardando in mezzo agli alberi, dardeggiando gli occhi, sempre… Continua a leggere “Cesare Pavese, Insonnia”

Il Simurg (Jorge Luis Borges)

Il 24 agosto ricorre la nascita di Jorge Luis Borges (Buenos Aires, 24 agosto 1899 – Ginevra, 14 giugno 1986), uno dei più importanti scrittori, poeti e saggisti del XX secolo. Passando per letterature e mitologie, affascinato dalle strane entità sognate dagli uomini e… Continua a leggere “Il Simurg (Jorge Luis Borges)”

I poeti della domenica #454: Paolo Volponi, “Il vento si è disteso”

  Il vento si è distesosotto la luce del Vesperocosì che più lento è ascesoil buio dai fossi al teneroverde di ogni scoscesocrinale, al rosso manerodel primo pozzo: come discesodentro di sé, ripreso interoil profondo scavo, il disattesoocchio impuro, e per versoil riflesso (specchio… Continua a leggere “I poeti della domenica #454: Paolo Volponi, “Il vento si è disteso””

I poeti della domenica #453: Paolo Volponi, Simile

  Simile Ancora a tre quarti la luna d’aprilenon ha slegato le corrusche filedel verno; ancora trepida e sottileansima presso l’algido mantiledell’alba e fra il suo proprio stiledi cielo e di terra mette altro monile d’aria e di luce: quasi un cortilefermo, stretto, se… Continua a leggere “I poeti della domenica #453: Paolo Volponi, Simile”

Paolo Volponi, Il legno della croce

  Il legno della croce Quale metafora reseverde il corpo accesedi fiamme le piagherosse e taglienti le vaghestelle dell’alba, nerele bocche azzurre, le crinieredei cavalli rotonde e interele acque a onde e bianchele valli intorno e le calancheprossime scure e turchinea costre tra le… Continua a leggere “Paolo Volponi, Il legno della croce”

Bustine di zucchero #34: Edgar Lee Masters

In una poesia – in ogni poesia – si scopre sempre un verso capace di imprimersi nella mente del lettore con particolare singolarità e immediatezza. Pur amando una poesia nella sua totalità, il lettore troverà un verso cui si legherà la sua coscienza e… Continua a leggere “Bustine di zucchero #34: Edgar Lee Masters”

“Tutto è sempre ora” di Antonio Prete. (rec. di Roberto Lamantea)

Antonio Prete, Tutto è sempre ora, Torino, Einaudi, 2019, pp. 128, euro 11,50 Cantano l’infinito le nuove poesie di Antonio Prete – Tutto è sempre ora, nella “bianca” Collezione di poesia Einaudi, 128 pagine – l’infinito del dettaglio, del frammento di sguardo, del “tempo”… Continua a leggere ““Tutto è sempre ora” di Antonio Prete. (rec. di Roberto Lamantea)”

«Cadere nell’ebbrezza degli slegati»: nota su ‘Quando non morivo’ di Mariangela Gualtieri (di Giorgia Zanierato)

Mariangela Gualtieri, Quando non morivo, Torino, Einaudi, 2019, pp. 128, euro 12 «Espormi a tutte le correnti/ cadere nell’ebbrezza/ degli slegati»1 , sono versi ripresi più volte da Mariangela Gualtieri in Quando non morivo (Einaudi, 2019); ed è proprio nella caduta sguarnita di corde… Continua a leggere “«Cadere nell’ebbrezza degli slegati»: nota su ‘Quando non morivo’ di Mariangela Gualtieri (di Giorgia Zanierato)”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: