Giancarmine Fiume, Tre poesie da “¡u!”

 

L’uomo nudo giace
ai margini contratti dell’etere
e dalla sommità del mattino
giunge l’eco dell’arrotino.

 

 

Sull’incespicare del primo incontro,
del nostro,
nella cumbia di aghi di pino
sale come un mantra dai fondali
il clamore degli invertebrati
di una gigantesca gastroscopia
e nell’appannarsi dei quadranti
sotto l’alito del terrapieno
io rivedo i tuoi fianchi convessi,
quelle bionde scabrosità,
che aspergono note di testa,
osmanto e bergamotto.

 

 

Cadono le voci e liquide parole
nell’aria satura di falsi pudori;
i tuoi capelli come alghe nella risacca
mi trascinano al largo
dei sensi di colpa.
Il vorticare dei respiri
nell’incresparsi delle lenzuola:
nostro minimo comun detonatore.

 

© Giancarmine Fiume, ¡u!, puntoacapo 2021

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: