Carmelo Cutolo, Poesie da “La spuma del tempo”

 

Annega nella spuma
un pensiero ribelle,
lo abbatte un’onda furiosa:
sogno che s’erge infranto
sconquassato dal turbinio del mare.

Un voluttuoso canto di sirene
m’allieta tra le cime
marine, giunge nei profondi anfratti,
in luminose oceaniche miniere,
libere prigïoni della mente.

 

 

È gelida la notte
tra i pensieri di ghiaccio
sventrati erosi con unghie feroci
che conficcate nella liscia bianca
carne mordono vani
destini. Tendono all’abisso gli arti
amputati, ma un tempo come vele
spiegati sul cammin di dolci brezze.

S’inabissano, naufraghi
in mezzo ai torbidi flutti che franano
sul capo fracassato,
e spinti dall’incubo
di oscuri paradisi
sepolcri della vita e delle idee.

 

 

Neri tuoni sfavillano
imprigionati tra i nembi e il tramonto.

È l’ora in cui i grovigli
celesti si schiudono,
e un fulgido segreto volteggia.

Risali la cascata
che vortica e ti bagna;
io ascolto la terra
che ha seppellito il cuore,
reliquia d’un baleno soffocato.

 

 

In un lembo di oceano
si frantuma la nebbia,
si squarcia l’eco lontana di un raggio.
La notte già accoglie
nella sua terra il gracile frastuono
delle pagaie che aravano
il gïogo del mare.
Che sa di questo mare
la morte che sïede al focolare
ardente e all’orbo talamo?
Che sa la terra affamata dei mari
solcati e di occhi gonfi?

 

 

Che lungo tempo, scavato dal pigro
picchiare della notte!
E mi ritrovo all’alba
col sole conficcato
nella tremula carne.
Questo pianto, deserto e dilaniato,
è il grido rotto che chiama la madre
e graffia nell’angusto
spazio della mia carne.
Non so se il cielo, carico
di nembi, si scuota
al di là della rete.
So che sospira, d’un vento tenace,
d’un candido respiro infermo e acerbo.

 

© Carmelo Cutolo, La spuma del tempo (Oèdipus 2020)

 


Carmelo Cutolo (Napoli, 1985) ha conseguito il dottorato in filologia classica presso l’Università di Messina e insegna latino e greco nei licei di Napoli. Suoi testi poetici sono apparsi su La Repubblica di Napoli e di Bari, Atelier Poesia, Poesia del nostro tempo, Poetarum Silva. La spuma del tempo (Oèdipus 2020) è la sua prima raccolta di poesie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: