Lorenzo Cianchi, Poesie da “Il rumore dell’ultimo T-Rex”

 

Eravamo fermi
davanti ai filtri
grandi come delle stanze
dove si condensavano
i resti del pensiero che non riuscimmo
a smaltire

 

*

La ferita accidentale
al medio
non ha lasciato danni permanenti
ha inserito solo
una punta di fastidio
intermittente
e duraturo
per far sentire
che non era tutto liscio
che qualcosa poteva andare storto.

Scomodo
con il mio dito nella mano
come una penna
che ti potrebbe lasciare
senza inchiostro.

 

*

In pochi hanno aperto le finestre
o spaccato la porta
che galera avere un’immagine metafora
a cui non credere affatto.

 

© Lorenzo Cianchi, Il rumore dell’ultimo T-Rex
Taut Editori, Milano (pp. 81, euro 10, ISBN 9788894510089)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: