Iuri Lombardi, “Giornale di lotta” e altre poesie nuove

Giornale di lotta

Marzo arriva con l’avvento silenzioso,
apparecchia sulla tovaglia gli strumenti
delle morte; un trionfo afono di profumo
si apre oltre la sommaria recensione
come uno spasimo di amore non saputo,
consapevole solo nel corpo che lo esprime;
nella lineare sua bellezza – con indosso
solo una giacchetta mal ridotta, dismessa
nel tessuto, nella consistenza livida di una
prossima flagellazione inevitabile della
delicata carne.
Marzo vivido nell’incertezza di giorni
puliti, algebrici e chiari di luce vissuta
di una pasqua di sangue e resurrezione;
apparecchia, sulla tovaglia dell’erba,
sporca, macchiata di peccato e di sangue,
le croci sul poggio nella passione terrena,
sbancato dalle pale affamate, dalle trivelle
benedette dai rosari, nei vespri lividi
nel dolce alternarsi di un giorno di pioggia
e di sole.
Gli strumenti della lotta, nei corsivi
polemici di un pater nostrem decisi
dall’ingegneria della mente la cui trama
ha lo stesso valore di un pezzo di pane-
raffermo. Struggente avvento silenzioso
di una morte che si attorciglia attorno
l’ultimo lembo del legno tanto sacro
quanto crudele, la cui ombra mena gelida
il gioco sottile di parvenze sul suolo deriso.
Dopo di te dovremmo fare i conti, come
dopo ogni dopo, ma il prima? Compromessa
è la poesia sublime del prima, la spensierata
leggerezza giovanile che prepotente mi hai
scippato e ora da derubato mi è dato sapere
la scienza che la tua apparizione – taciuta,
ma avvenuta in una risma di gente, tra echi
lontani e risate e bevute, forse vissuta?
O soltanto creduta – inevitabilmente
mi trascina verso gli inferi più feroci,
verso la morte che ebbi a credere,
tra le luci sparse di uno spettacolo –
senza la moltitudine solita degli spettatori,
di cui solo io mi flagellavo nell’apprenderne
il significato, gli intrecci che (s)magrano
la consistenza grassa della storia – non possibile;
anche se fu vita sospesa, il cui peso, fu
sospeso dagli ardori della carne, attraverso
la tua magrezza, il colore dei tuoi occhi
in cui scorgo il nudo paesaggio urbano
depredato d’ogni luce che lo anima nel mezzo
accecante del giorno: in cui affiora ogni
diversità, ogni profilo esile o gonfio, le
impalcature eterne che imbavagliano
la cattedrale che mai finita ebbe ad edificarsi.
Crudo come il buio che livella la notte,
in cui un breve ed effimero nodo di vento,
pettina i profumati (come uno spasimo d’amore
mai saputo) balsami erbosi e le erranze
vagabonde dei cani che in ore tarde si aggirano
come me tra le case cercando un cenno
della tua antica presenza:
notte che cala ad agio come un lenzuolo
sulla terra smessa del giorno, lercia nell’uso
d’ogni vita, e che si fa casta tra i panni
stesi, gonfi ad ogni alito, profumati
di pane e di resurrezione, di lavande
domestiche e di fiori germogliati
dagli aridi geli dell’inverno trascorso,
tra i panni stessi sino a l’ultimo estremo
straccio che a morte avvenuta poserà
sepolcrale, vuoi per pietas vuoi per amore,
sul tuo essere non più animato.

 

Gli amici nuovi

Gli amici nuovi affollano il giorno,
in piedi nel gioire della festa improvvisata
(la loro) sui bocconi di rena al preludio
della strada sfollata. A vicenda si svelano
i desideri nascosti del corpo tremante,
a tratti si sentono vibrare e dolce volteggia
nell’aria ferma – sulla piazza intimidita
d’alberi pieni e di botteghe – come cappelli
lanciati al cielo il dolore crudele e pesante
come sonno vissuto, incrollabile nel petto
nel continuo motivo della pena!
Con i pantaloni ombreggiati, saccenti
fanno della sera un modo di aversi
e silenziosi – Silenziosi? – esplodono
in una rivoluzione che sa già di sfumato
ricordo e di abbandono, di bocche affamate
dietro il muro che l’impeto accenna
con un tratto di crudele luce mattutina.

 

Contralto baritonale

Si rianima lo slargo dopo poco:
è bastato un pugno di ore a destare
i passanti a ventaglio nella piazza…
non so in che tempo siamo adesso
se è l’alba o se tramonto, qualche stella
geme tra i lembi chiari dell’aria;
in questi momenti tutto si confonde
persino lontana qualche voce
tra gli alberi scombinati da un leggero
alito; qualche voce che ride sommessa
ad un imbarazzo provato.
Solo ora ti vedo all’angolo del muro,
con le spalle contro lo stipite
con la blusa leggera a maniche corte.

 

Soldati di cartone

Gli studenti sparano con i Tablet
accesi sulla folla del pomeriggio,
sparano a salve con violenza esangue,
i polsini slacciati in segno di offesa;
i jeans che sanno già di sesso,
di sbornia non digerita sulle scale.
Il mondo ai loro occhi scompare subito
e niente sanno di sé se non l’offesa
che l’inchioda nella bellezza gioiosa.

 

Cinemapolis

Cercavo di darmi una parvenza qualunque,
un ritaglio a colori l’Italia del poi:
la mia bisavola passava da nunzia
chiedeva di ammassare il pane alle donne;
un cero votivo sulle assi unte
attentava il mio trapassare creduto.
Ora non so come nascondermi ai più:
l’Italia ci lascia spoglie di piombo.

 

[Soldati di cartone Cinemapolis sono state pubblicate in precedenza qui]

 

Iuri Lombardi, Firenze 1979, poeta, scrittore, saggista, drammaturgo. Ha pubblicato per la narrativa i romanzi: Briganti e Saltimbanchi, Contando i nostri passi, La sensualità dell’erba, Il cristo disubbidiente, Mezzogiorno di luna; nonché i racconti: Il grande bluff, La camicia di Sardanapalo, I racconti. Per la Poesia: La Somma dei giorni, Black out, Il condominio impossibile; lo zoo di Gioele, La religione del corpo, Il Sarto di San valentino. Per la saggistica: L’apostolo dell’eresia. Per il teatro: La spogliazione, Soqquadro. Vive a Firenze. Dopo essere stato editore, approda con altri compagni nella fondazione di «Yawp – l’urlo barbarico»; collabora con varie riviste quali «Carmilla», «Euterpe», «Yawp».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.