I poeti della domenica #237: José Saramago, Non c’è più orizzonte

Non c’è più orizzonte. Se dessi un altro passo,
se il limite non fosse la rottura,
sarebbe un passo falso:
in un opaco velo indivisibile
di spazio e di durata.
Convergeranno qui le parallele,
con parabole rette che coincidono.
Non c’è più orizzonte. Il silenzio risponde.
È Dio che s’è sbagliato e lo confessa.

.

© José Saramago, in Poesie, a c. di Fernanda Toriello, Torino, Einaudi, 2002.

.

Testo scelto da Marianna Andrigo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.