Sergio Rotino, Cantu maru

Sergio Rotino, Cantu maru, edizioni Kurumuny, collana Rosada, 2017; € 10,00

 

mai cu te
basta cu
te a
tie mai
cu basta a

sempre picca ete

quiddru ca
sempre alli
sempre a
cine alli
muerti se
tae

mai che ti/ basti che/ ti a/ te mai/ che basti a//
è sempre poco// quello che/ sempre ai/ sempre a/
chi ai / morti si / offre

 

*

fatti te
jentu te
jentu e
spentura
fatti te sta
cosa china
te uci ca
sonanu te
cose ca p
parole p
parenu e

struncuniçiate
comu a n
nui
struncuniçiati
da cose ca

ca nu
decimu nu
sapimu comu
se dicenu c
comu se
potenu dire

fatti di/ vento di/ vento e/ sventura/ fatti di questa/
cosa piena/ di voci che/ suonano di/ cose che p/
parole s/ sembrano e// sfracellate/ come n/ noi/
sfracellati/ da cose che// che non/ diciamo non/
sappiamo come/ si dicono c/ come si// possono dire

 

*
quandu mueri

more cu
tie ceddri

lu sape
ceddri
lu sapia

e more
fiuru
spina
rosa

causa toa

quando muori// muore con/ te nessuno// lo sa/
nessuno/ lo sapeva// e muore/ fiore/ spina/ rosa//
a causa tua

 

*

tienitelu terra
cu nu bite
cchiui cu
denta surdu alla
petra
ca ni

parla ca
dice nenzi

nenzi tieni
tie malatia
tie culure

oppuru tuermi
statte citta
statte muta

a’n terra rimani
e sbocca

tienitelo terra/ che non veda/ più che/ diventi sordo alla/
pietra/ che ci// parla che/ dice niente// non hai nulla/
tu malattia/ tu colore// oppure dormi/ stattene zitta/
stattene muta// rimani a terra/ e vomita

 

*

mmienzu
le scraçe le

le spine te
stu fiuru
ca rosa la
chiamanu statte

chiangi
reccula

ma
abbande abbane
luntana

spunda te
nanti a
all’ecchi mei

none culure
ccene
nienzi fiuru

fine

in mezzo/ ai rovi alle// alle spine di/ questo fiore/
che rosa/ viene detto resta// piangi/ singhiozza//
ma/ vattene vai/ lontana// sparisci/ davanti a/ ai
miei occhi// nessun colore/ cosa/ niente fiore// fine

*

spariu lu
fiuru spariu

tuttu lu
culure culuri
e fiuri s
s’anu persi anu
spariti

perse l
le rose perse

e puru tie

sparì il/ fiore sparì// tutto il/ colore colori/ e fiori s/
si sono persi sono/ spariti// perse l/ le rose perse//
e anche tu

 

*
beddru stu
fiuru sta
rosa ca
crisce ca
ave
cresciutu ave
natu sutta sta
linea de terra
menatu
menatu
menatu
tuttu menatu
intra l’
l’acqua ca
nu serra e
nienzi tene
tene nienzi
terra

bello questo/ fiore questa/ rosa che/ cresce che/ è/
cresciuto è/ nato sotto questa/ linea di terra/ buttato/
buttato/ buttato/ tutto buttato/ dentro l’/ l’acqua che/
non stringe e/ niente ha/ ha niente/ terra

 

© Sergio Rotino

One comment

  1. Questo canto franto, quasi singhiozzante , mi attraversa. forse perché sono anch’io salentina e riconosco le ombreluci dello spirito dei mie luoghi. qui tradotte in parole.
    Grazie per questa proposta.

    p.s. chiedo a Sergio di contattarmi, sto organizzando in Salento – per luglio- una serata di poesia anche in lingua locale.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.