Manuela Dago, Poesie che non mi stavano da nessuna parte

Manuela Dago, Poesie che non mi stavano da nessuna parte, Sartoria Utopia 2017, € 20,00

*

oggi ho voglia di niente
fregare il presente
ritrarre le foglie

usare i colori in modo incosciente
aprirmi le mani
toccarmi la vita in modo indecente

*

Ossibuchi

chi conosce il mio corpo
sa cose che io non so

di dove vanno i miei umori
di come fanno le lentiggini
a guardare fuori

di cerchi che stringono
al centro di un imbuto
bassoventre
scodella
ossobuco

*

Quando la pelle pensa

Si fuma penombra fra le dita
i nostri confini sfumano
nei bassi del cuore
di cinque sensi
non uno
rimane al suo posto
radunati in superficie
chiedono alla pelle
di poterla toccare
quella infine pensa
e impara a godere
nell’essere l’organo più sociale
prima di tornare
ad estinguersi nel rituale
di quattro vestiti
che la sprofondano
celebrando un funerale
la pelle impara ora il dolore
dell’essere cerebrale

*

Il cuore è un osso duro

non può un muscolo
tenero e indifeso
creare tutti questi problemi:
ne deduco che il cuore
è un osso duro
al pari di un femore
o di una costola
si rompe il cuore
come tutto il resto

*

Il cappotto nero

voglio un cappotto nero
lungo lungo
fino in fondo al male
che copra questo stivale
e gli avanzi
dei miei pranzi
andati a male
sui quali scivolo con suole d’oro
lucidate da anni di lavoro.
il cielo crolla
noi abbiamo caschi d’argento
facciamo scintille
sopra il cemento.
voglio stringere tutto
prima che scompaia
poi lo andrò a trovare
questo tutto
steso in un letto d’ospedale
mi guarderà
e dal fondo del letto
muoverà un piede nudo
ci guarderemo
ci chiederemo
chi sia il più deluso

*

la poesia funziona più o meno così
ci sono due persone
una si tira fuori le budella
e le stende ben bene sul ripiano
l’altra ci infila in mezzo la mano

*
La cosa giusta

la cosa giusta
l’ho messa in una busta
non so se era di carta
oppure di quel materiale
biodegradabile mi pare
che poi si buca sempre
e scola il contenuto

meglio chiedere aiuto
e se arriva un imbuto?
che ci può fare
giù per le scale
la cosa giusta
se ne va a male

perché non sottovuotare?
durerà di più
sarà più giusta
la cosa giusta
e se poi si guasta
si potrà anche aggiustare
ma avrà smesso di respirare

non si può fare
senza conservanti
né additivi
senza zuccheri aggiunti
solo fermenti vivi

la cosa giusta è pura
precise le date di scadenza
il senno di poi
te ne ricorderà l’essenza

a volte vi confesso
l’ho lasciata marcire
davanti agli occhi
fra le mani (anche adesso)
e mi è piaciuto da morire.

*
© Manuela Dago

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...