Melania Panico – Poesie inedite

immagine2

 

***

Calcola il ritorno
calcola gli sfoghi a perdere
la storia del nostro fallimento raccontata in un libro
calcola la clinica
il sangue prestato alla scienza la sala d’attesa devi essere paziente
.                                                                         devi essere paziente
l’antidolorifico splendente
le luci anche di notte l’artificio della calma
affrontare il giorno a occhi aperti la solitudine
gli spiragli nella solitudine il misticismo
calcola respirare camminare a testa alta salire su un treno
non fuggire
calcola non fuggire confondersi con le cose
mai appassire

 

***

Dentro le cose arrese si tengono i paesaggi
i fiumi che si scontrano, l’aria immobile
e noi che non torneremo più.
Il tempo guarisce col tempo
non conta andare o chiedere
perché ci siamo ritrovati soli?
Restare è un verbo che si impara tardi.

 

***

Ho l’estate confessata sulle dita
nella sigaretta
valuto se è giusto ristabilire il cordone
restarmi nelle mani come un re
esaudire il desiderio
dopotutto la scrittura è mutata
 è naturale insabbiare le ombre –
ti aspetto e tornerai
(ho imparato i passi del ritorno)
tornerai radice o erba scomposta

 

***

l’aria già preme sui bastioni alberati
sulla grondaia illuminata
agosto sui cuscini
così mi accerto di tutto
il vuoto le scogliere la riga sugli occhi
poi l’alba, qualcosa come un pensiero inosservato
so quanto costa mantenere il bianco
proteggerlo, raccontare il modo perverso delle lettere
ma cos’è questo arrendersi sul viso?
solo il muro di fronte chiede tempo.

 

***

Nella memoria la tua sembianza è una scala
un temperino che gratta in superficie
resiste solo il profumo di vecchio
nella notte a clessidra
questo amore è un presagio ferito
inabitabile
come la sala d’aspetto di una clinica
e poi autenticare il vuoto è un lavoro da artigiani
si può stare in silenzio
tutto diventa compulsivo
il rapimento della finestra
la traccia delle smagliature di vetro
che non sanno più appartenere al corpo
l’agglomerato feroce delle ore.
Il restare funziona così:
è un patto
è disporsi in direzione contraria all’ombra.

 

***

Soffrivamo la vertigine dei nostri incontri
il futuro già scardinato
in silenzio a cercare un’area di non smarrimento
 sempre –
nella testa era già tutto scritto
forse eravamo due gocce di plastica
in pericolo di trovare la comprensione
o due candele all’aperto quando va via la luce
poi una pioggia di antefatti e le piastrelle
arrese alla dinamica del quotidiano.
Quanto abbiamo aspettato prima di arrenderci?

 

 

Melania Panico (Napoli 1985) è laureata in Filologia Moderna. Ha lavorato nel settore editoriale. Insegna italiano e latino. Alcuni suoi testi sono stati pubblicati in antologie. Nel 2014 ha vinto il Premio Speciale della giuria nel concorso nazionale di poesia “città di S. Anastasia”. Vincitrice del Premio di Poesia “Ambrosia”: opera prima Campionature di fragilità (La vita felice, 2015). Nel 2015 risulta vincitrice, per la sezione inediti, della seconda edizione del premio “La fenice aquilana”. Con Campionature di fragilità ha vinto il premio Opera Prima nel concorso nazionale “città di S. Anastasia” ed è risultata finalista al premio Elena Violani Landi edizione 2016. Con l’inedito è tra i vincitori del premio Gozzano 2016. Collabora con la rivista letterario ClanDestino ed è responsabile del salotto letterario di “ArtGallery&Salotto Letterario Design” di Napoli.

One comment

  1. La predominanza dell’esistente,
    s’acqueta: “quanto costa mantenere il bianco” ?
    La forma interrogativa che espande il dubbio: “quanto abbiamo aspettato prima di arrenderci” ?
    Tutto si contrae in materialità sconfitta:
    “il rapimento della finestra”
    “o due candele all’aperto quando va via la luce”.
    Questa nostra santa inutilità di” disporsi in direzione contraria all’ombra”
    è spengnersi poesia.

    Bella lettura, grazie F.Filia.
    Grazie M.Panico.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...